Apri il menu principale

Alessandro Luzio

giornalista, storico e archivista italiano
Alessandro Luzio

Alessandro Luzio (San Severino Marche, 25 settembre 1857Mantova, 22 agosto 1946) è stato un giornalista, storico e archivista italiano.

Indice

BiografiaModifica

 
Mantova, lapide sulla casa

Inizia la carriera giornalistica presso L'Ordine di Ancona. Fu chiamato, appena venticinquenne, a dirigere "La Gazzetta di Mantova" nell'anno 1882. Nel 1892 Felice Cavallotti iniziò una causa per diffamazione contro il direttore Luzio. Condannato, nel 1893, fu costretto ad abbandonare la direzione della "La Gazzetta di Mantova" scegliendo l'esilio a Vienna. In quella città poté approfondire, avendo accesso a fondamentali inediti d'archivio, lo studio storico sugli eventi che portarono alla morte dei "Martiri di Belfiore". La documentazione lì raccolta, unita a quanto ricostruito dai documenti mantovani, portarono alla pubblicazione di I martiri di Belfiore e il loro processo. Nella città virgiliana ritornò, una volta graziato, nel 1899 partecipando a un concorso, vinto, da direttore dell'Archivio di Stato. Durante quel periodo ebbe occasione di collaborare con vari storici italiani e stranieri. Particolarmente importante su il suo apporto alla stesura della trilogia sull'Eroe dei due mondi (Garibaldi's defence of the Roman Republic - 1907, Garibaldi and the Thousand - 1909 e Garibaldi and the making of Italy - 1911) scritta da George Macaulay Trevelyan. Di fede monarchica, giunse all'apice della carriera di archivista, divenendo nel 1918 responsabile dell'Archivio Sabaudo di Torino. Terminato tale incarico, alla pensione, non prima di essere stato nominato vice presidente dell'Accademia d'Italia, e aver aderito al fascismo, approvando le nefaste leggi razziali, si ritirò a Mantova. In un ritratto che fece di lui, subito dopo la sua scomparsa, Arrigo Cajumi scrive: "Di Alessandro Luzio, spentosi nell'agosto del 1946 senza che la sua scomparsa abbia destato echi o rimpianti diffusi, si narra che, in periodo repubblichino scorrazzasse in camicia nera a dimostrar plaudendo la sua fede; e durante la campagna d'Etiopia avesse composto un poema contro il Negus e cercasse di pubblicarlo pei tipi dell'Accademia d'Italia. Con il suo aspetto di placido ricercatorore, dietro gli occhiali e il cravattino bianco alla Laval, Luzio era un passionale, e oltre le sue personalissime interpretazioni di uomini e fatti, difendeva con il furore degli eruditi le proprie riserve di caccia. Comincio' con una tenace e sproporzionata riabilitazione di Carlo Alberto, e fini' col fare di Cavour un politico di secondo piano, subordinandolo al superiore ingegno di Vittorio Emanuele Secondo ! " [cfr.:A. Cajumi - "Colori e Veleni", Napoli, Edizioni Scientifiche Italiane].

Scritti (selezione)Modifica

  • I martiri di Belfiore e il loro processo, Tipografia Editrice L. F. Cogliati, Milano 1905.
  • Francesco Giuseppe e l'Italia, Milano, Treves, 1917.
  • Il processo Pellico-Maroncelli secondo gli atti officiali segreti, Milano, Cogliati, 1903.
  • Un pronostico satirico di Pietro Aretino (1534), Istituto italiano di arti grafiche, Bergamo 1900, alle pp. 150-152.
  • Giuseppe Mazzini carbonaro, nuovi documenti degli archivi di Milano e Torino.Torino, F.lli Bocca, 1920.
  • La Massoneria e il Risorgimento italiano,Bologna, Zanichelli, 1925 (ristampa anastatica: Sala Bolognese, Forni, 1966).
  • (con Gaetano Cesari) I copialettere di Giuseppe Verdi, con prefazione di Michele Scherillo, Milano: Tip. Stucchi Ceretti & C., 1913; Ristampa anastatica: Bologna: Forni, 1968.

BibliografiaModifica

  • R. Pertici, «LUZIO, Alessandro». In: Dizionario Biografico degli Italiani, Vol. LXVI, Roma: Istituto della Enciclopedia italiana (on-line)
  • Alessandro Luzio dal Risorgimento al fascismo: atti del convegno di studi di Mantova, 15 novembre 2008. Mantova, 2009.
  • A. Luzio, Saggi aretiniani, a cura di Paolo Marini, Manziana (RM), Vecchiarelli, 2011. SBN IT\ICCU\UFI\0565306
  • A. Luzio, Papà Radetzky; Firenze, Le Lettere, 2012.

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN22192883 · ISNI (EN0000 0001 2099 8179 · SBN IT\ICCU\RAVV\054945 · LCCN (ENn84081353 · GND (DE122323475 · BNF (FRcb12222009s (data) · ULAN (EN500321777 · NLA (EN35886487 · BAV ADV10207042
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie