Apri il menu principale

Alessandro Marzi Medici

arcivescovo cattolico italiano
Alessandro Marzi Medici
arcivescovo della Chiesa cattolica
Firenze, palazzo arcivescovile, sala coi ritratti dei vescovi fiorentini, alessandro medici e aless. marzi medici, e stemma orsini.jpg
I vescovi Alessandro de' Medici (a sinistra) e Alessandro Marzi Medici (a destra)
ArchbishopPallium PioM.svg
 
Nato28 agosto 1557, Firenze
Nominato vescovo12 febbraio 1596
Consacrato vescovo19 febbraio 1596
Elevato arcivescovo27 giugno 1605
Deceduto13 agosto 1630
 

Alessandro Marzi Medici (Firenze, 28 agosto 155713 agosto 1630) è stato un arcivescovo cattolico italiano, arcivescovo di Firenze dal 1605 al 1630.

Indice

BiografiaModifica

Venne nominato dopo l'elezione al soglio pontificio del suo predecessore, Alessandro di Ottaviano de' Medici.

Nacque a Firenze da Vincenzo Marzi Medici e da Elisabetta Vespucci, pronipote del navigatore Amerigo Vespucci. Studiò diritto canonico diventando dottore in utroque iure e divenne canonico della Metropolitana fiorentina (1583) e uditore della Nunziatura apostolica in Toscana.

Nel 1596 fu eletto vescovo di Fiesole, dove ottenne una solida esperienza pastorale, celebrando un sinodo diocesano nel 1599. Il 2 luglio 1605 prese possesso della cattedra vescovile di Firenze. La lettera che scrisse al clero e ai fedeli fiorentini dopo la sua elezione ad arcivescovo (datata 7 luglio 1605), suscitò simpatia e apprezzamento verso il concittadino diventato capo dell'arcidiocesi. Tenne regolari visite pastorali e sinodi, nel 1619, 1623 e 1627.

Protesse Ippolito Galantini, fondatore della Congregazione della dottrina cristiana, e ne incoraggiò l'apostolato. Scipione Ammirato ne lodò l'integrità della vita, la soavità e bontà dei costumi e la dotta conversazione.

Morì il 13 agosto 1630.

Genealogia episcopaleModifica

BibliografiaModifica

  • La chiesa fiorentina, Curia arcivescovile, Firenze 1970.

Altri progettiModifica