Apri il menu principale

Alessandro Puttinati

scultore, medaglista e incisore veronese
Statua di Carlo Porta, 1862

Alessandro Puttinati, anche Putinati, (Verona, 26 gennaio 1801Milano, 1 luglio 1872), è stato uno scultore italiano.

Indice

BiografiaModifica

Figlio dell’incisore e medaglista Francesco Putinati (circa 1775 - 1848), fu allievo e seguace dello scultore danese Bertel Thorvaldsen a Roma. Fra le sue opere più note alcune statue per il duomo di Milano; le statue di San Carlo e di Sant'Ambrogio in San Simpliciano;[1] il monumento a Carlo Porta (1862) che si trovava nei Giardini di Porta Venezia[2] e andato distrutto durante i bombardamenti anglo-americani pure a Milano;[3] quello a Garibaldi a Luino (1867) e della statua di Masaniello oggi presso la Galleria d'Arte Moderna (1846). In rapporti di cordiale amicizia con il Balzac, il Puttinati fu anche celebre creatore di statuette da scrivania raffiguranti i più noti personaggi dei salotti milanesi d metà Ottocento.[4] Sue anche le statue che ornavano il vestibolo della demolita Galleria De Cristoforis Di Milano raffiguranti i principali navigatori italiani Marco Polo, Cristoforo Colombo, Amerigo Vespucci e Flavio Gioia.

NoteModifica

  1. ^ Grandiosi lavori a San Simpliciano, in Topografia Storica Di Milano Ossia Prospetto Delle Cose Principali Che Costituiscono La Rinomanza, Il Lustro Ed Il Benessere Della Metropoli Milanese, Milano, Tipografia di Gius. Bernardoni, 1846, p. 259.
  2. ^ Milano, in Milano: con 16 incisioni e la pianta topografica della città, Guide Treves, Milano, Fratelli Treves, 1899, p. 22.
  3. ^ La statua distrutta fu presa a modello dallo scultore Ivo Soli che nel 1966 realizzò il monumento a Porta che si trova in largo Augusto a Milano.
  4. ^ Barbiera, Raffaello, Il salotto della contessa Maffei e la società milanese (1834-1886), Milano, Fratelli Treves, 1895, p. 53.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN13192993 · ISNI (EN0000 0000 1563 4891 · GND (DE122528417