Apri il menu principale

Alvaro Gasparini

allenatore di calcio e calciatore italiano
Alvaro Gasparini
Alvaro Gasparini - Pisa SC 1968-69.jpg
Gasparini al Pisa nel 1968
Nazionalità Italia Italia
Altezza 170 cm
Peso 69 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex centrocampista)
Ritirato 1961 - giocatore
Carriera
Giovanili
19??-19?? 600px White background horizontal HEX-FF0000 HEX-000080 stripes.svg Bastiglia
19??-1956 Roma
Squadre di club1
1956-1957 Jesi ? (?)
1959-1963 Cesena 121 (11)
1963-1967 Catanzaro 138 (6)
1967-1968 Novara 37 (2)
1968-1969 Pisa 21 (0)
1969-1970 Cesena 27 (0)
1970-1972 Ravenna 53 (0)
Carriera da allenatore
1974-1975 San Marino
1976-1979 Milan Vice
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Alvaro Gasparini (Bastiglia, 30 agosto 1938Buenos Aires, 5 giugno 1979) è stato un allenatore di calcio e calciatore italiano, di ruolo centrocampista.

Indice

BiografiaModifica

Nato a Bastiglia, in provincia di Modena, e cresciuto nelle giovanili del Bastiglia, la sua città gli ha intitolato un palestra comunale.[1] Negli anni 1980 il Milan club Lissone organizzò dei tornei giovanili intitolati alla memoria di Alvaro Gasparini.[2]

Pur essendo stato stroncato da un infarto, il suo nome è stato incluso tra quelli dei deceduti per la SLA. Nel 2009 il suo nome è tornato agli onori delle cronache in quanto collegato alle morti sospette nel calcio italiano sulle quali, da tempo, indaga il pubblico ministero torinese Raffaele Guariniello.[3]

CarrieraModifica

GiocatoreModifica

Dopo aver militato nelle giovanili della Roma e nello Jesi (in prestito)[4], esordisce tra i semi-professionisti nel 1959 con il Cesena in Serie D quando ha 21 anni. Promosso col Cesena in Serie C resta in tutto quattro stagioni in terra romagnola quindi approda in Serie B dove disputa 4 stagioni al Catanzaro e una al Novara, quindi nel campionato di Serie A 1968-1969 il suo esordio nella massimna serie con il Pisa, a trent'anni, nel quale disputa 21 partite. Gioca in Serie B con il Cesena nel 1970 e chiude la carriera a Ravenna in Serie C a trentaquattro anni.[5]

In carriera ha totalizzato complessivamente 21 presenze in Serie A e 202 presenze e 8 reti in Serie B.

AllenatoreModifica

Guida il San Marino nel campionato di Promozione 1974-1975.[6] Nella stagione di Serie A 1978-1979 è l'allenatore in seconda del Milan di Nils Liedholm e nell'estate del 1979, all'età di 40 anni, durante una tournée in Sud America viene stroncato da un infarto mentre siede in panchina:[7] morirà pochi giorni dopo, il 5 giugno a Buenos Aires, coi funerali che si svolsero a Cesena, sua città di adozione.[8]

PalmarèsModifica

GiocatoreModifica

Competizioni nazionaliModifica

Cesena: 1959-1960 (girone C)
Ravenna: 1971-1972 (girone D)

NoteModifica

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica