Apri il menu principale

Amedeo di Francesco da Settignano

architetto, ingegnere e scultore italiano

Amedeo di Francesco, detto anche Meo del Caprino (Settignano, 1430Settignano, 1501), è stato un architetto, ingegnere e scultore italiano del rinascimento attivo a Roma e a Torino nella seconda metà del XV secolo.

BiografiaModifica

Le prime notizie di suoi lavori si hanno a partire dal 1453 a Ferrara.

Dal 1462 si trova a Roma dove lavora a Palazzo San Marco (meglio conosciuto come Palazzo Venezia) e in Vaticano alla Loggia dei penitenzieri (che sarà distrutta nei successivi lavori di rifacimento della Basilica Vaticana).

Nel 1492 riceve dal Cardinale Domenico Della Rovere, divenuto Vescovo della città, l'incarico di costruire il nuovo Duomo della città di Torino.

Amedeo di Francesco porta a Torino, che fino ad allora era restata legata per tradizione e vicinanza all'architettura gotica d'oltralpe, il primo esempio di architettura rinascimentale tipicamente toscana, in cui, su di un impianto fondamentalmente semplice e lineare, si fondono elementi che ricordano le architetture del Brunelleschi e dell'Alberti.

Collegamenti esterniModifica

http://www.treccani.it/enciclopedia/amedeo-di-francesco_(Dizionario-Biografico)/

Controllo di autoritàVIAF (EN35316050 · GND (DE121584240 · WorldCat Identities (EN35316050