Ammasso del Centauro

ammasso di galassie nella costellazione del Centauro
Ammasso del Centauro
Ammasso di galassie
Centaurus cluster.jpg
La sezione più interna dell'ammasso del Centauro ripresa ai raggi X dal telescopio spaziale Chandra. La temperatura del gas interno è di alcune decine di milioni di kelvin.
Scoperta
ScopritoreGeorge Abell e Fritz Zwicky
Data1958
Dati osservativi
(epoca J2000)
CostellazioneCentauro
Ascensione retta12h 48m 51.8s[1]
Declinazione-41° 18′ 21″[1]
Distanza170,9[1] a.l.  
Redshift0.01140 (3 418 km/s)[1]
Caratteristiche fisiche
TipoAmmasso di galassie
Altre designazioni
Abell 3526, ACO 3526, A3526
Mappa di localizzazione
Ammasso del Centauro
Centaurus IAU.svg
Categoria di ammassi di galassie

Coordinate: Carta celeste 12h 48m 51.8s, -41° 18′ 21″

NGC 4696 visto dal telescopio spaziale Hubble. Credit: ESA/Hubble e NASA.

L’Ammasso del Centauro (Abell 3526) è un ammasso di centinaia di galassie, localizzato all'incirca a 170 milioni di anni luce nella costellazione del Centauro. Il membro più luminoso è la galassia ellittica NGC 4696 (~11m).

L'ammasso del Centauro fa parte del Superammasso dell'Idra-Centauro, assieme all'Ammasso dell'Idra.

È costituito da due sottogruppi di galassie che si muovono con velocità differenti.[2] Cen 30 è il sottogruppo principale e contiene NGC 4696. Cen 45 si muove alla velocità di 1500 km/s rispetto a Cen 30 e si ritiene che sia in fase di fusione con il sottogruppo maggiore.

È catalogato A3526 nel catalogo Abell.[3]

Principali galassie dell'Ammasso del Centauro
Nome R.A. (J2000) Dec (J2000) Tipo Redshift (z) Distanza x 106 anni luce
ESO 323-13 12h 51m 32.8s -41° 13′ 40″ S0? 0,015914 223
ESO 323-8 12h 50m 34.4s -41° 28′ 15″ S0 0,017686 246
ESO 323-34 12h 53m 25.9s -41° 12′ 10″ E5 0,01446 204
NGC 4696 12h 48m 49.2s -41° 18′ 39″ E1 0,009867 144
NGC 4661 12h 45m 14.9s -40° 49′ 27″ E-S0 0,008362 124
ESO 322-101 12h 49m 34.5s -41° 03′ 17″ S0 0,006521 99
ESO 322-102 12h 49m 37.8s -41° 23′ 17″ SB(s)0 0,012098 173
NGC 4729 12h 51m 46.3s -41° 07′ 56″ E 0,011154 161
PGC 43597 12h 51m 51.3s -41° 25′ 57″ S0 0,012088 173
NGC 4616 12h 42m 16.4s -40° 38′ 31″ E 0,015297 215
ESO 323-9 12h 50m 43.0s -41° 25′ 49″ S0 0,007955 118
NGC 4709 12h 50m 03.9s -41° 22′ 55″ E1 0,015604 219
ESO 322-89 12h 48m 22.8s -41° 07′ 25″ E 0,012335 176
NGC 4645 12h 44m 10.0s -41° 45′ 00″ E 0,008773 129
ESO 323-5 12h 50m 12.3s -41° 30′ 54″ S0 0,007952 118
NGC 4946 13h 05m 29.4s -43° 35′ 28″ E 0,01027 148
ESO 322-102 12h 49m 37.8s -41° 23′ 17″ SB(s)0 0,012098 173
NGC 4730 12h 52m 00.5s -41° 08′ 50″ SA(r)0 0,006981 105
ESO 322-93 12h 49m 04.1s -41° 20′ 20″ S 0,011571 166
NGC 4743 12h 52m 16.0s -41° 23′ 26″ SA0 0,009954 145
PGC 43175 12h 47m 33.4s -41° 07′ 55″ Im 0,012836 183
ESO 322-99 12h 49m 26.2s -41° 29′ 23″ SB0 0,014246 201
ESO 322-96 12h 49m 12.0s -41° 32′ 42″ S0 0,009467 138
NGC 4683 12h 47m 42.4s -41° 31′ 42″ SB(s)0 0,011908 171
NGC 4706 12h 49m 54.1s -41° 16′ 46″ SAB(s)0 0,0128812 183
ESO 322-81 12h 47m 21.8s -41° 14′ 15″ SA0 0,010377 150
NGC 4767 12h 53m 52.9s -39° 42′ 52″ E 0,00999 145
PGC 43252 12h 48m 23.0s -41° 11′ 12″ dE 0,01406 199
PGC 43427 12h 50m 07.7s -41° 23′ 53″ E 0, 233
ESO 323-32 12h 53m 20.3s -41° 38′ 08″ SAB 0,0015998 224
ESO 323-20 12h 52m 12.8s -41° 20′ 21″ Sc 0,016959 237
ESO 322-75 12h 46m 26.0s -40° 45′ 09″ SA0 0,015804 222
ESO 323-28 12h 52m 50.8s -41° 19′ 58″ S0 0,016238 227
PGC 43379 12h 49m 40.1s -41° 21′ 58″ dE 0,009607 140
NGC 4744 12h 52m 19.6s -41° 03′ 36″ SB(s)0 0,11201 161
ESO 323-19 12h 52m 03.1s -41° 27′ 36″ E 0,013159 187

NoteModifica

  1. ^ a b c d NASA/IPAC Extragalactic Database, in Results for Centaurus Cluster. URL consultato il 19 ottobre 2006.
  2. ^ Lucey J.R., Currie M.J., Dickens R.J., 1986, MNRAS, 221, 453, http://adsabs.harvard.edu/abs/1986MNRAS.221..453L
  3. ^ George O. Abell, Harold G., Jr. Corwin e Ronald P. Olowin, A catalog of rich clusters of galaxies (PDF), in Astrophysical Journal Supplement Series, vol. 70, May 1989, maggio 1989, pp. 1–138, Bibcode:1989ApJS...70....1A, DOI:10.1086/191333, ISSN 0067-0049 (WC · ACNP). URL consultato il 13 marzo 2012.

Voci correlateModifica

  Portale Oggetti del profondo cielo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di oggetti non stellari