Anselmo di Laon

filosofo e teologo francese

Anselmo di Laon (Anselmus Laudunensis) (Laon, 1050 circa – Laon, 1117) è stato un filosofo e teologo francese.

Nato da un'umile famiglia di Laon, avrebbe studiato sotto Anselmo d'Aosta nell'abbazia del Bec. Intorno al 1076 cominciò a insegnare con successo a Parigi, dove, come Guglielmo di Champeaux, si pose fra i realisti contro i nominalisti nelle controversie scolastiche sugli universali. Passato alla scuola di Laon nel 1090 circa, vi rimase fino alla morte; quella scuola di teologia – dalla quale espulse Abelardo nel 1113 - divenne una delle più note in Europa. Fu anche cancelliere e arcidiacono di Laon dal 1115.

Il Liber Pancrisi (ca 1120) lo considera uno dei tre maggiori maestri moderni, insieme con Ivo di Chartres e Guglielmo di Champeaux.

OpereModifica

Le sue opere più notevoli sono un commento all'intera Bibbia latina, Glossa interlinearis in universum Testamentum (Basilea 1502 e 1508; Anversa 1634, e in Patrol. Lat., CLXII[1], col. 1187 segg.), e le Sententiae seu flores sententiarum, brevi risposte a quesiti teologici e giuridici, di grande importanza per la storia del metodo scolastico come una delle prime collezioni del genere, che servì di modello anche ad Abelardo.

Scrisse poi delle Epistolae (una Epistola d H. abbatem S. Laurentii Leodiensis), delle Omelie, e delle Enarrationes sul Cantico dei cantici, su Matteo e sull'Apocalisse: queste ultime pubblicate fra le opere di S. Anselmo d'Aosta.

L'Archivio digitale della cultura medievale così presenta le sue opere:

Opera dubia: 1) Epistola de corpore et sanguine Domini; 2) Glossa interlinearis in universum Testamentum; 3) Sententiae seu flores Sententiarum; 4) Sermones; 5) Commentaria in Librum Cantici canticorum, Evangelium secundum Mattheum et Iohannem, Epistolas Pauli, librum Apocalypsis. Glossa ordinaria, diu Walafrido Straboni (n. 808/809, m. 18-8-849) tributa, re vera ab Anselmo Laudunensi scholastico, Radulpho Laudunensi (m. 1131/1138) et Gilberto Universali (m. 12-8-1134) conscripta est. A quibusdam codicibus necnon doctis viris ei tributae sunt etiam Gratiadei (v. 1102-1126) Glosulae epistolarum Pauli (cfr. Ingegno Difficoltà filologiche 154-156)[2].

Recezione delle opere.Modifica

L'opera più importante di Anselmo è una glossa interlineare sulle Scritture, continuata dopo la sua morte da altri, come Gilberto Porretano, la quale intendeva rappresentare un modo nuovo di insegnamento e il primo tentativo di analizzare e sistemare l'interpretazione biblica. Il tema fu adottato ed esteso da Ugo di San Vittore, Pietro Lombardo e Tommaso d'Aquino, per dare una sorta di manuale teologico

Altri commenti, che potrebbero essere di Anselmo, sono stati variamente attribuiti, in particolare al più noto Anselmo d'Aosta.

NoteModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN77109407 · ISNI (EN0000 0000 8016 3934 · LCCN (ENno96051735 · GND (DE118649566 · BNF (FRcb12141039q (data) · BNE (ESXX1736662 (data) · BAV ADV10279471 · CERL cnp01327111 · WorldCat Identities (ENlccn-no96051735