Antonio Corsetti

Antonio Corsetti
vescovo della Chiesa cattolica
Corsetti, Antonio – Singularia et notabilia, 1477 – BEIC 12484207.jpg
Singularia et notabilia, 1477
Nato1450 circa a Noto
Nominato vescovo26 luglio 1501 da Ferdinando II d'Aragona
Decedutoottobre 1503 a Roma
 

Antonio Corsetti, o Corsetto, latinizzato come Antonius Corsettus[1] (Noto, 1450 circa – Roma, ottobre 1503), è stato un giurista, accademico e religioso italiano del XV secolo, vescovo di Malta dal 1501 fino alla morte.[2]

BiografiaModifica

Nacque intorno al 1450 a Noto in Sicilia da una ricca famiglia, figlio di Cola e Giovannella. Nella città natale ebbe la sua prima istruzione e ben presto fece i voti. Studio diritto all'Università di Bologna, laureandosi in utroque iure nel 1479.[2]

Fu lettore di diritto canonico a Bologna tra il 1479 e il 1487, quando si trasferì all'Università di Padova su richiesta del doge della Repubblica di Venezia Agostino Barbarigo.[2] Nel decennio seguente ebbe un'intensa attività accademica e produsse la maggior parte delle proprie opere.[2] Grazie alla propria fama di canonista, divenne giudice della Sacra Rota Romana nel 1500, su nomina di papa Alessandro VI.[2]

Fu nominato vescovo di Malta il 26 luglio 1501 da re Ferdinando II d'Aragona e ufficializzato dal pontefice nel concistoro del 20 dicembre 1501, ma probabilmente non raggiunse mai la sua sede episcopale.[2]

Morì due anni dopo, nel 1503, a Roma.[3]

OpereModifica

NoteModifica

  1. ^ Anche Antonius Corsetus, Antonius Corsettius; Antonius Corsectus; Anto. Corsetus; Corsetus. Fonte: Corsetti, Antonio, su edit16.iccu.sbn.it.
  2. ^ a b c d e f DBI.
  3. ^ F. Giovanfrancesco Abela, Malta illustrata ovvero Descrizione di Malta isola del mare siciliano e Adriatico, 1780, pp. 48–50.

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN56727762 · ISNI (EN0000 0000 8343 8534 · SBN IT\ICCU\BVEV\020268 · LCCN (ENn88085445 · GND (DE124705294 · BNF (FRcb12568859b (data) · BNE (ESXX5468876 (data) · BAV (EN495/9030 · CERL cnp01353494 · WorldCat Identities (ENlccn-n88085445