Apri il menu principale
Antonio Mauro
arcivescovo della Chiesa cattolica
Template-Archbishop.svg
 
Incarichi ricoperti
 
Nato30 giugno 1914, Gallina
Ordinato presbitero9 luglio 1939
Nominato arcivescovo4 luglio 1967 da papa Paolo VI
Consacrato arcivescovo16 luglio 1967 da papa Paolo VI
Deceduto9 dicembre 2001, Roma
 

Antonio Mauro (Gallina, 30 giugno 1914Roma, 9 dicembre 2001) è stato un arcivescovo cattolico italiano.

Indice

BiografiaModifica

Nacque nel territorio di Gallina, all'epoca comune non ancora accorpato a Reggio Calabria, il 30 giugno 1914 da Paolo e Theresa Marino.

Formazione e ministero sacerdotaleModifica

Dopo aver studiato teologia, si laureò utroque iure presso la Pontificia Università Lateranense, completando poi gli studi diplomatici alla Pontificia Accademia Ecclesiastica. Venne ordinato sacerdote il 9 luglio 1939. Per molti anni esercitò il suo ministero nella chiesa di Santa Lucia a Reggio Calabria dove era parroco monsignor Aurelio Quattrone, che, riconoscendone l'indubbio valore, ne incoraggiò la futura carriera.

Ministero episcopaleModifica

Il 4 luglio 1967 papa Paolo VI lo nominò arcivescovo titolare di Tagaste e segretario della Congregazione per gli affari dei religiosi. Ricevette l'ordinazione episcopale il 16 luglio successivo dallo stesso pontefice, coconsacranti il vescovo di Cesena Augusto Gianfranceschi e il vescovo Jacques-Paul Martin, prefetto della Casa Pontificia.

Il 12 aprile 1969 venne nominato Vicepresidente del Segretariato per i Non Credenti.

L'11 ottobre 1975 fu nominato amministratore pontificio della Basilica di San Paolo fuori le Mura e delegato pontificio per la Basilica di Sant'Antonio di Padova.[1] Il 10 dicembre 1990 papa Giovanni Paolo II accettò la sua rinuncia ad entrambi gli incarichi per raggiunti limiti d'età.

Morì a Roma il 9 dicembre 2001 e venne sepolto, come da lui stabilito in testamento, nella cappella di famiglia nel cimitero del suo paese natale.[2]

Genealogia episcopaleModifica

NoteModifica

  1. ^ Acta Apostolicae Sedis, 67 (1975), p. 602.
  2. ^ (EN) Rev Antonio Mauro, su findagrave.com. URL consultato il 3 giugno 2018.

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN161691785 · ISNI (EN0000 0001 1782 8857 · WorldCat Identities (EN161691785