Arciabbazia di San Vincenzo

L'arciabbazia di San Vincenzo a Pennsylvania, Indiana, è un'abbazia benedettina della Congregazione americana cassinese. È il più antico monastero benedettino degli Stati Uniti e il più grande dell'emisfero occidentale. I monaci benedettini di San Vincenzo operano e insegnano presso la parrocchia della basilica di San Vincenzo, nel Saint Vincent College e nel seminario di Saint Vincent. I monaci forniscono anche assistenza pastorale per i cattolici nelle diocesi di Baltimora, Greensburg, Pittsburgh, Harrisburg, Altoona-Johnstown e Richmond. I monaci gestiscono anche una scuola militare a Savannah, Georgia.[1] L'arciabbazzia controlla anche il priorato "Wimmer" a Taiwan e il priorato di San Benedetto in Brasile.[2]

Arciabbazia di San Vincenzo
Stemma dell'arciabbazia.
StatoBandiera degli Stati Uniti Stati Uniti
LocalitàLatrobe
Coordinate40°17′34″N 79°24′03″W / 40.292778°N 79.400833°W40.292778; -79.400833
Religionecattolica
TitolareSan Vincenzo de' Paoli
OrdineBenedettino
Diocesi Greensburg
ArchitettoJ. William Schickel
Inizio costruzione1891
Completamento1905
Sito websaintvincentarchabbey.org

Le strutture originali dell'abbazia furono progettate dall'architetto tedesco-americano J. William Schickel e vennero costruite tra il 1891 e il 1905.

L'attuale arciabate è il reverendo Douglas Robert Nowicki, eletto dalla comunità monastica nel 1991 e rieletto nel 2010.

I monaci gestiscono il St. Vincent Archabbey Gristmill quotato nel National Register of Historic Places dal 1978.

Monaci provenienti da questa abbazia fondarono l'abbazia di Newark, l'abbazia di San Giovanni a Collegeville, Minnesota, l'abbazia di San Bernardo a Cullman, Alabama, l'abbazia di San Benedetto ad Atchison, Kansas, l'abbazia di Santa Maria a Morristown, New Jersey, l'abbazia di San Beda a Peru, Illinois, l'abbazia di San Procopio a Lisle, Illinois, e l'abbazia di Maria Ausiliatrice a Belmont, Carolina del Nord.

Storia modifica

 
Panorama dell'arciabbazia.

Gli inizi modifica

La data più logica per l'umile inizio di quella che sarebbe stata la grande impresa di Saint Vincent è il 16 aprile 1790. In questa data padre Theodore Brouwers, O.F.M. acquistò i 300 ettari di terreno chiamati "Sportsman's Hall Tract" e così fondò la Sportsman's Hall Parish. La parrocchia fu successivamente posta sotto il patronato di San Vincenzo de' Paoli e così fu chiamata parrocchia di San Vincenzo. Per aggiungere significato a questo evento, Saint Vincent fu la prima parrocchia cattolica del Pennsylvania ad ovest dei Monti Allegheni ad esistere tuttora. Come disse padre Andrew Arnold Lambing, il primo storico del cattolicesimo nella zona di Pittsburgh, su quel giorno, la parrocchia di Sportsman's Hall "è la culla della cattolicità nella Pennsylvania occidentale". Padre Brouwers fu, quindi, non solo il primo pastore residente della parrocchia dello Sportsman's Hall ma anche il primo prete cattolico a stabilire una residenza permanente nella Pennsylvania occidentale.

Padre Brouwers sprecò poco tempo nell'autunno del 1789 per predisporre i preparativi per la sua nuova parrocchia ma prima di lasciare Filadelfia, il 7 agosto 1789, acquistò un tratto di terreno nella Pennsylvania occidentale composto da circa 170 acri da Arthur O'Neill di Chester. Il tratto venne così chiamato "O'Neill's Victory". Questa terra si trova lungo la riva orientale del Creek Loyalhanna vicino all'attuale città di New Alexandria a Derry Township. Nel corso degli anni divenne noto a Saint Vincent come "Seven Mile Farm" e, nel 1970, fu acquistato dal Commonwealth della Pennsylvania sotto il diritto di dominio eminente per l'uso previsto nell'espansione del Keystone State Park.

Padre Brouwers arrivò a "O'Neill's Victory" durante la metà del mese di novembre del 1789 e divenne disincantato con quella proprietà come luogo per il suo quartier generale. Scoprì che la terra non era fertile come si aspettava e che il luogo era a quasi dodici miglia dal maggior numero del suo disperso gregge. Infatti, durante l'inverno del 1789 - 1790 padre Brouwers si convinse che "O'Neill's Victory" non era un buon posto per costruire una chiesa e la casa di un prete. Poiché non trovò un luogo adatto per celebrare i servizi divini, prese alloggio con la famiglia di Christian Ruffner, nella cui casa celebrò la messa e svolse altri servizi pastorali per i cattolici della zona. La casa dei Ruffner si trovava a circa tre miglia da Greensburg (allora chiamata Newtown), vicino all'attuale città di Crabtree (vicino allo storico Hannastown).

Mentre viveva nella casa di Christian Ruffner durante l'inverno del 1789-1790, padre Brouwers si face conoscere a fondo del suo gregge cattolico e dei suoi dintorni in generale. Durante questo stesso periodo, padre Brouwers trovò in Henry Kuhn un amico e un confidente che gli diede buoni consigli durante questo periodo di avversità. Fu Henry Kuhn a convincere padre Brouwers, nella primavera del 1790, ad abbandonare la sua intenzione originaria di costruire una casa e una cappella e quindi di localizzare il centro parrocchiale nella "O'Neill's Victory". Fu proprio questo Henry Kuhn che in quel momento fece conoscere a padre Brouwers un tratto più desiderabile di terra che era in vendita e lo esortò a comprarlo. Questo tratto di circa 300 acri nella Unity Township, circa sette miglia a est di Greensburg, era stato brevettato il 12 marzo 1790 da un certo John Hunter. Egli lo aveva chiamato Sportsman's Hall, un nome dato in origine da un gentiluomo di Harrisburg, che lo aveva usato come terreno di caccia. Questo tratto di terra lungo Forbes Road "sopra Ligonier conosciuto con il nome di Fourteen Mile Run" era stato originariamente acquistato nel 1766 da John Fraser, un commerciante indiano, che lo ricevette nel nome di re Giorgio III di Gran Bretagna. Padre Brouwers visitò la proprietà dello Sportsman's Hall e lo trovò molto di suo gradimento. Fu così che il 16 aprile 1790 venne redatto un atto firmato a Greensburg in cui il tratto di terra chiamato "Sportsman's Hall" fu trasferito da Joseph Hunter a Theodorus Brouwers per la somma di circa $ 2000, un grande somma per quei giorni, ma un affare a qualcosa di meno di $ 6,00 un acro.

Padre Brouwers si trasferì presto nella proprietà appena acquistata. Immediatamente ingaggiò un falegname per costruire una casa di tronchi tagliati, alta una volta e mezza e una piazza di diciassette piedi, che era conosciuta come "Sportsman's Hall", chiamata così come il nome stesso del terreno. Questo edificio avrebbe servito da casa per il parroco della parrocchia per quasi quaranta anni. Le aggiunte all'edificio aumentarono la sua lunghezza a circa ventiquattro piedi. Così questa casa di tronchi divenne la prima residenza di un pastore cattolico nella Pennsylvania occidentale e una delle stanze servì da prima chiesa. C'erano molte altre strutture costruite sulla proprietà: una casa per Christian Andrews, che insieme alla moglie Mary, frequentava la fattoria; c'erano anche alcuni fienili e stalle. Ma padre Brouwers continuava a celebrare la messa ogni domenica a casa di Christian Ruffner e per farlo percorreva le cinque miglia a cavallo.

Padre Brouwers morì il 29 ottobre 1790 e il suo corpo fu deposto in un appezzamento che si affacciava sulla Sportsman's Hall. Dal 1869 le sue spoglie riposano sotto l'imponente croce di pietra nel cimitero di Saint Vincent.

La seconda fase modifica

La seconda fase della parrocchia di Sportsman's Hall ebbe inizio il 17 novembre 1799 con l'arrivo di padre Peter Helbron, OFM Cap., che era stato nominato parroco della congregazione della contea di Westmoreland da monsignor John Carroll, vescovo di Baltimora. Padre Helbron divenne così il secondo pastore residente della parrocchia di Sportsman's Hall.

Padre Peter Helbron venne a Filadelfia, insieme a suo fratello, padre John Baptist (Charles) Helbron, OFM Cap., Sbarcarono il 14 ottobre 1787, dopo un viaggio transatlantico. I due erano venuti in America in risposta a un annuncio su un giornale tedesco nel quale si offriva un posto tra gli immigrati tedeschi nelle missioni della Pennsylvania.

Padre John Carroll, che era allora superiore della missione degli Stati Uniti d'America, accolse i due cappuccini tedeschi e li inviò nella congregazione di Goshenhoppen, nella contea di Berks, dove furono accolti dai numerosi coloni cattolici tedeschi. Padre Peter Helbron venne nominato parroco di Goshenhoppen il 12 novembre 1787 e vi rimase fino a quando divenne parroco della parrocchia della Santissima Trinità a Filadelfia, dopo che suo fratello, padre John Baptist Helbron, ripartì per l'Europa, nell'autunno del 1791. Quest'ultimo era infatti stato parroco della parrocchia della Santissima Trinità dal 1789 fino a quando si imbarcò per l'Europa per raccogliere denaro nel tentativo di coprire l'enorme debito della parrocchia. Ma Padre John Baptist Helbron era destinato a non tornare mai più in America, poiché fu ghigliottinato a Bayonne, in Francia, il 25 novembre 1793, all'età di quarantasette anni.

Dopo cinque anni di servizio nella parrocchia della Santissima Trinità e tre anni nella parrocchia di San Giuseppe, padre Helbron accettò la nomina del vescovo Carrol alla parrocchia dello Sportsman Hall. Con l'arrivo di padre Helbron nella sua nuova missione, il 17 novembre 1799, si aprì un nuovo capitolo nella storia della Chiesa nella Pennsylvania occidentale. Una stima del 1799 indica era che i membri della congregazione erano settantacinque. Con la sua energia carismatica, iniziò presto a migliorare la parrocchia. Ciò fu evidente quando nel 1800 la congregazione costruì per lui una casa che offriva migliori alloggi sia al sacerdote che al popolo. Dopo poco tempo fu costruita un'aggiunta alla casa per servire da cappella. Essa divenne la prima chiesa dell'insediamento. Padre Helbron la benedisse nel nome di Gesù.

Questo spazio, sebbene servì da luogo di culto per dieci anni, si rivelò presto troppo piccolo. Padre Helbron offriva la sua casa incompiuta come una cappella ma i parrocchiani erano ora decisi a costruire una nuova chiesa sul posto che padre Brouwers aveva scelto a tale scopo. E, al fine di raccogliere i fondi necessari, i parrocchiani furono chiamati a concedere contributi volontari: 73 persone si offrirono di contribuire con 206,50 dollari, secondo una lista conservata negli archivi parrocchiali. Il legname era abbondante e c'erano molti volontari. L'opera fece dunque progressi costanti. Henry Kuhn, un parrocchiano sempre attivo, dovette tuttavia attraversare gli Allegheni a cavallo per raggiungere Carlisle e acquistare il materiale necessario. Fu così che nel 1810 la gente della parrocchia di Sportsman's Hall ebbe una propria chiesa, per quanto rude, nella quale celebrare la liturgia.

Padre Helbron si prendeva cura dei bisogni spirituali e temporali dei parrocchiani della parrocchia dello Sportsman Hall ma non trascurava quei cattolici che vivevano in altre parti della Pennsylvania, ad ovest dei Monti Allegheni. Visitò i cattolici di almeno sette contee prima di ricevere qualsiasi assistenza nella forma di un compagno sacerdote missionario. Queste sette contee - ovvero Westmoreland, Fayette, Washington, Greene, Allegheny, Butler e Armstrong - formavano un semicerchio sul versante occidentale degli Allegani.

Una delle cose che padre Helbron fece dal momento del suo arrivo alla parrocchia di Sportsman's Hall nell'autunno del 1799 fu di tenere un registro per battesimi, matrimoni e funerali - qualcosa che nella zona non era mai stato fatto prima. Questi documenti, ritenuti "i più antichi di questa parte degli Stati Uniti", sono conservati negli archivi di Saint Vincent e sono stati una fonte preziosa di informazioni non solo per quanto riguarda i parrocchiani di Sportsman Hall ma anche per tutto il ministero missionario di padre Helbron nella Pennsylvania occidentale. A causa del valore di questa fonte, pubblicata per la prima volta tra il 1915 e il 1917 e poi ristampato nel 1985 sotto il titolo: "Catholic Baptisms in Western Pennsylvania, 1799-1828: Father Peter Helbron's Greensburg Register". Il lavoro di copiatura dal libro originale venne fatto dal padre benedettino John Miller e non fu un'impresa da poco a causa dell'utilizzo delle lingue tedesca e latina e per la grafia. La traduzione in inglese venne fatta dal dott. Lawrence F. Flick. Da questi documenti apprendiamo che, durante il parrocato di padre Helbron nella parrocchia di Sportsman's Hall dal 1799 al 1815 ci furono 825 battesimi, 47 matrimoni e 9 funerali.

Padre Helbron morì il 24 aprile 1816 a Carlisle, sulla strada di casa della sua amata parrocchia di Sportsman Hall, dopo un intervento a Filadelfia. È sepolto in un piccolo appezzamento di terra che confinava con la chiesa di San Patrizio a Carlisle.

L'inizio della crescita modifica

Il periodo di diciannove mesi nella parrocchia di Sportsman's Hall senza un sacerdote residente terminò il 27 novembre 1817, quando padre Charles Bonaventure Maguire, OSF, usando le sue stesse parole, "ottenne il possesso del beneficio". Era stato nominato infatti nominato parroco di Sportsman's Hall da padre Louis de Barth, amministratore della diocesi di Filadelfia.

Quando padre Maguire arrivò a Sportsman's Hall il 27 novembre 1817, in qualità di terzo pastore residente, trovò ben poco da elogiare. Tutti i beni personali, i mobili, le provviste, il bestiame e gli attrezzi agricoli di padre Helbron erano stati venduti e il ricavato era stato dato a Mary Hagan in affidamento per la chiesa di Carlisle - in accordo con le disposizioni testamentarie di padre Helbron. Padre Maguire fu così costretto a fare un considerevole esborso di denaro per comprare bestiame per la fattoria e gli attrezzi necessari per coltivare la terra. Inoltre vi era un granaio circolare in condizioni fatiscenti. Padre Maguire chiese alla congregazione di costruire un nuovo fienile. Assunsero dunque un falegname e il nuovo fienile venne presto completato. Per gestire la fattoria, padre Maguire impegnò suo fratello e fece in modo che sua sorella tenesse la casa per lui. Inoltre affittò le parti migliori della fattoria a un certo David Mulholland per un periodo di sette anni. La fattoria tuttavia si rivelò non redditizia per padre Maguire, in gran parte a causa di un improvviso deprezzamento dei prodotti agricoli. Presto dovette affrontare debiti personali, nonostante il salario che riceveva dalla congregazione.

Il ministero pastorale di padre Maguire, d'altra parte, fu ben accolto e offrì molte promesse. Durante gli oltre due anni del suo parrocato ci fu una generale soddisfazione per il suo servizio spirituale. Questo ministero favorevole e la crescita della popolazione della zona causarono un rapido aumento della congregazione. Padre Maguire teneva un'accurata registrazione di battesimi, matrimoni e funerali nella parrocchia di Sportsman's Hall, proprio come aveva fatto don Helbron. Nella primavera del 1820 padre Maguire venne trasferito a Pittsburgh per diventare parroco della parrocchia di Old Saint Patrick, dove ebbe una illustre carriera di pastore. Morì il 17 luglio 1833 a causa di una epidemia di colera che aveva colpito la popolazione di Pittsburgh.

Amministrazione modifica

Le dimissioni di padre Maguire come pastore della parrocchia dello Sportsman's Hall fu una grande delusione per la congregazione e il fatto che abbia lasciato un debito di 242,83 dollari aggiunse amarezza alla delusione. La reazione della congregazione consistette nel prendere in mano l'amministrazione delle proprietà di "Sportsman's Hall" e dell'"O'Neill's Victory". Erano convinti che i vari pastori avevano ingannato l'operazione agricola. E fu così che una petizione alla Legislatura dello Stato della Pennsylvania fu redatta e firmata da quasi tutti i membri della congregazione che chiedevano di conferire la gestione dei due tratti di terra a un consiglio di amministrazione. Padre Maguire riuscì a ottenere una contronotifica e fece inviare questa protesta alla legislatura, ma inutilmente. La petizione della congregazione venne concessa con un atto assembleare, datato 7 marzo 1821. Il testo attuale affermava che i pastori avevano abusato della fiducia riposta in loro dall'ultima Volontà e Testamento di padre Brouwers, e quindi i due tratti di terra furono messi nelle mani di un consiglio di amministrazione composto da cinque persone. Undici anni dopo, nel 1832, questo atto sarebbe stata annullato dalla Corte Suprema della Pennsylvania. Nel frattempo, il successore di padre Maguire come parroco della parrocchia dello Sportsman Hall sarebbe stato chiamato nel 1821 af affrontare le sfide dei fiduciari nominati dalla Legislatura dello Stato. Nel frattempo, il successore di padre Maguire come parroco della parrocchia dello Sportsman Hall nel 1821 sarebbe stato chiamato affrontare le sfide dei fiduciari nominati dalla Legislatura dello Stato.

Il quarto pastore residente della parrocchia di Sportsman's Hall fu padre Terrence McGirr, DD. Poco si sa del perché fu scelto questo sacerdote anche a causa della prossimità con l'insediamento come vescovo di Filadelfia di monsignor Henry Conwell, dopo una sede vacante durata oltre sei anni.

Quando nel marzo del 1821 arrivò padre McGirr, il fratello di padre Maguire occupava ancora la casa parrocchiale e conservava il possesso dei terreni in nome del fratello. Per questo motivo padre McGirr visse per diversi mesi a Youngstown, una frazione a due miglia di distanza lungo la "Pennsylvania Turnpike" che seguiva Forbes Road. Quando il signor Maguire lasciò la casa parrocchiale, padre McGirr si trasferì e assunse su di sé la gestione dei terreni, senza prestare molta attenzione al consiglio di amministrazione. Incoraggiò in questo suo fratello, Bernard McGirr, come agricoltore. I fiduciari, all'inizio, mostrarono sorpresa per le azioni indipendenti del loro pastore ma non protestarono a causa della prima impressione favorevole che aveva fatto su di lui. I fiduciari, tuttavia, gradualmente iniziarono a insistere sui loro presunti diritti e rendevano molto spiacevole per padre McGirr, la cui impetuosa natura stava iniziando a manifestarsi.

Durante la sua permanenza in carica, padre McGirr era fedele all'esecuzione delle sue funzioni pastorali nella parrocchia dello Sportsman's Hall e continuò le pratiche di padre Helbron e padre Maguire nel fare visite missionarie in altre parti della contea di Westmoreland, e nelle contee di Armstrong e Butler. Nel 1822 padre McGirr decise di erigere una piccola chiesa sotto il titolo di Nostra Signora del Monte Carmelo su un appezzamento di terreno vicino all'insediamento noto come New Derry, che era circa sei miglia a nord di Sportsman's Hall. L'intenzione di padre McGirr era di servire gli agricoltori cattolici irlandesi e i minatori di carbone che si erano stabiliti in questa zona. E, sebbene padre McGirr avesse occasionalmente tenuto dei servigi in questa rozza chiesa, essa non si sviluppò mai come parrocchia separata, ma divenne parte della parrocchia di Saint Martin, fondata nel 1856. Un altro luogo visitato da padre McGirr era la chiesa di San Patrizio a Cameron's Bottom, nella contea di Indiana. Questa chiesa era stata fondata da Loretto da padre Gallitzin nel 1820. C'era qualcosa di predittivo nella visita a Cameron's Bottom da parte di padre McGirr, dal momento che avrebbe servito queste persone nei suoi ultimi anni, tra il 1834 e il 1842.

Padre McGirr, durante i suoi nove anni di parrocato nella parrocchia di Sportsman's Hall, continuò la pratica di registrare battesimi e matrimoni nel libro che era stato iniziato da padre Helbron e proseguito da padre Maguire - successivamente stampato e pubblicato. Tuttavia le registrazioni fatte padre McGirr sono difettose e difficili da leggere.

Padre McGirr lasciò la parrocchia nel tardo autunno del 1830 e si recò a Loretto per stare con l'unico confidente che sembrava avere, padre Gallitzin. Fu su queste montagne degli Allegani che padre McGirr trascorse gli ultimi ventuno anni della sua vita. Padre Gallitzin fece diversi tentativi per riportare padre McGirr al ministero attivo. Sembra che padre McGirr abbia trascorso il resto della sua vita in una fattoria lungo la strada tra Ebensburg e Wilmore. Visse lì con suo fratello che gestiva la fattoria sotto la sua direzione. Questo decennio conclusivo della vita di padre McGirr fu evidentemente tranquillo e indisturbato, e morì pacificamente l'11 agosto 1851 - oltre undici anni dopo la morte di padre Gallitzin.

Una nuova era modifica

Nel novembre del 1830 il vescovo Francis Patrick Kenrick nominò parroco di Sportsman's Hall padre James A. Stillinger e iniziò una nuova e rinomata era della parrocchia. Padre Stillinger prese possesso della parrocchia il 18 novembre 1930 e notò con la propria grafia che iniziò "lo svolgimento dei doveri del santo ministero la prima domenica di Avvento, il 28 novembre 1830". Ma l'estensione del territorio di missione di padre Stillinger era più ampio della parrocchia dello Sportsman Hall. In effetti, il vescovo Kenrick lo aveva nominato, al tempo stesso, primo parroco della parrocchia dei santi Simone e Giuda, recentemente organizzata, a Blairsville, una cittadina che era stata incorporata nel 1825 e che si trovava a circa quindici miglia a nord-est di Sportsman's Hall, nella contea di Indiana.

C'era anche un accordo con il vescovo Kenrick sul fatto che i cattolici residenti in tutta la contea di Westmoreland erano affidati a padre Stillinger. E, nel 1832, fu diretto dal vescovo Kenrick per visitare, quando possibile, i pochi cattolici che risiedono a est del fiume Allegheny, a nord della linea dello Stato di New York, una distanza di 110 miglia. Una delle ragioni per cui un peso pastorale così grande ed espansivo era stato posto sulle spalle di padre Stillinger era il piccolo numero di sacerdoti che stavano officiando in Pennsylvania a ovest delle montagne di Allegheny in quel momento - Padre Stillinger disse che c'erano solo tre più lui stesso. Un altro motivo per cui questo grande fardello fu dato a padre Stillinger era il fatto che aveva ventinove anni ed era stato prete per soli nove mesi al momento di questo incarico del 1830,

Quando padre Stillinger assunse la responsabilità della Sportsman's Hall Parish, il 25 novembre 1830, scoprì che gli edifici e le terre della parrocchia - in realtà entrambi i trattati, "Sportsman's Hall" e "O'Neill's Victory" - erano nelle mani del consiglio di amministrazione di fiduciari che erano stati affidati alla direzione della Pennsylvania State Legislature in un Atto di Assemblea il 7 agosto 1821. Questi trustee "mostravano una disposizione non solo per gestire le temporalità con un'indipendenza troppo spesso caratteristica di tali persone, ma anche per controllare il pastore in misura tale da privarlo della libertà necessaria per uno nella sua posizione ". La migliore dimostrazione di questa posizione dominante da parte dei fiduciari era il fatto che la casa di Sportsman ' La parrocchia di Hall, dove padre Stillinger si aspettava di risiedere, era occupata dal responsabile della fattoria, e così il pastore decise, in base alle circostanze, di vivere a Blairsville per il momento. Abitò a Blairsville fino al 1835, quando la nuova residenza parrocchiale di Sportsman's Hall era pronta per l'occupazione.

Ma fin dall'inizio padre Stillinger prese una ferma posizione con i fiduciari nella Sportsman's Hall Parish e diede loro "per capire che si considerava capace di gestire i propri affari".

Il 28 maggio 1832 si tenne un incontro di membri attivi della parrocchia, e fu deciso all'unanimità che non si tenessero più elezioni per i fiduciari, ma che "dovrebbe andare su appuntamento, e che dovrebbe riposare con il Rev. Rev. Vescovo e il Pastore per fissare gli appuntamenti. " Sempre nel 1832, la Corte Suprema della Pennsylvania invertì l'atto di Assemblea del 1821 che aveva conferito al consiglio di amministrazione poteri straordinari.

La pace e l'armonia furono ripristinate nella Parrocchia di Sportsman's Hall, e la congregazione cominciò ad aumentare rapidamente. Fu così che la piccola Chiesa della Santa Croce, costruita in modo brutale nel 1810 durante il pastorato di Padre Helbron, risultò essere troppo piccola. Inoltre - come ricordava Padre Stillinger nella sua lettera autobiografica del 1870 - questa chiesa era "in uno stato di decomposizione e costruita rozzamente". Padre Stillinger vide anche la necessità di una residenza in cui il pastore potesse vivere; l'unica sistemazione presente per il sacerdote era una "baracca di tronchi sgangherata" - dando così un ulteriore motivo per cui padre Stillinger visse a Blairsville durante questi anni. Così Padre Stillinger, nell'estate del 1833, propose alla congregazione l'erezione di una chiesa più consistente, la chiesa di Saint Vincent e una residenza parrocchiale. A questa proposta la gente ha dato il proprio assenso. Anche il Vescovo Kenrick è stato molto favorevole a questi piani.

Allo stesso tempo, all'inizio degli anni trenta del XIX secolo, quando fu costruita la chiesa di Saint Vincent, padre Stillinger rivolse la sua attenzione all'erezione di una residenza parrocchiale. La stessa impresa di costruzione, Kerrins e Wilson, che stava costruendo la chiesa, eresse questa casa. Era una struttura di mattoni a due piani 40 'x 40', che si trovava a circa centocinquanta piedi a nord della chiesa. Fu eretto al costo di $ 2.600,00. Padre Stillinger fu in grado di trasferirsi in questa residenza parrocchiale nell'estate del 1835, e così trasferì la sua abitazione da Blairsville. Per i successivi nove anni avrebbe continuato a vivere nella parrocchia di Saint Vincent, mentre frequentava la congregazione a Saints Simon e Jude Parish a Blairsville.

Un'altra questione riguardante padre Stillinger e la Parrocchia di Saint Vincent che dovrebbe essere menzionata, era la sua preoccupazione per l'educazione. Il primo esempio fu il suo sogno di aprire un college e un seminario nel tratto di terra dello Sportsman's Hall. Ma, come si vedrà in seguito, il credito principale per l'impulso di fondare questa istituzione di istruzione secondaria appartiene davvero agli altri.

Sappiamo che, nel novembre 1844, Padre Stillinger trasferì il suo luogo di residenza dalla Parrocchia di Saint Vincent a Sportsman's Hall a Saints Simon e Jude Parish a Blairsville. Ma, proprio come aveva fatto mentre viveva a Blairsville dal 1830 al 1835, continuò a servire la congregazione nella parrocchia di Saint Vincent dal novembre 1844 fino alla nomina di un parroco che gli succedesse a Saint Vincent. Un'indicazione di questa mossa contemplata fu data dal vescovo Kenrick nella sua lettera del 23 marzo 1843 a padre Stillinger in cui parlava del "desiderio di essere sollevato dall'accusa della congregazione di San Vincenzo", ma ci vollero diversi anni e un cambiamento in diocesi e vescovo per effettuare questo trasferimento. Bishop O'Connor, non molto tempo dopo la sua installazione come vescovo di Pittsburgh,

Così terminò il pastorato di quattordici anni di padre Stillinger nella parrocchia di Saint Vincent. Conservava fedeli resoconti di battesimi, matrimoni e funerali nella parrocchia, e questi documenti sono conservati negli archivi di Saint Vincent. Tra il 1830 e il 1844 ci furono 597 battesimi registrati sulla firma di padre Stillinger, 124 matrimoni e circa 140 morti di adulti e bambini. Che testimonianza di servizio pastorale è stata fatta da padre Stillinger alla Parrocchia di Saint Vincent mentre era anche pastore a Blairsville e al servizio di diverse stazioni missionarie. Anche a credito di padre Stillinger c'era l'adeguamento armonioso alle difficoltà con i fiduciari della Sportsman's Hall. Ma è con sorpresa che apprende da padre Lambing, scrivendo nel 1914, che padre Stillinger ' L'accordo con la congregazione di Saint Vincent Parish, secondo il quale "dovrebbe ricevere $ 200,00 all'anno con una certa parte dei prodotti della fattoria", non fu pienamente onorato. In una lettera che padre Stillinger scrisse al vescovo O'Connor dopo aver lasciato Saint Vincent, dichiarò che, dopo aver lavorato lì per quattordici anni, invece di ricevere $ 2,800,00, aveva ricevuto solo $ 700,00.

L'era di padre Wimmer modifica

Alcuni uomini sono grandi durante la loro vita, altri sono diventati famosi dopo la morte. A quest'ultima classe appartiene Archabbot Boniface Wimmer, il pioniere del benedettinismo negli Stati Uniti e, secondo un moderno uomo di chiesa, il più importante missionario dell'Ordine nel XIX secolo.

Era nato vicino a Ratisbona, in Baviera, quando Napoleone controllava la maggior parte dell'Europa, e morì a Saint Vincent durante l'amministrazione del presidente Grover Cleveland. Dopo gli studi classici e filosofici a Ratisbona e ai corsi universitari a Monaco di Baviera, fu ordinato sacerdote nel 1831 e durante l'anno successivo entrò nel monastero di San Michele a Metten, poco prima restaurato dal re Luigi di Baviera. Aveva quattro co-novizi sacerdoti di cui tre divennero capi di monasteri e l'altro divenne arcivescovo di Monaco.

Come monaco di Metten, padre Boniface ricoprì vari incarichi, ma gradualmente arrivò a considerare l'attività missionaria come il lavoro della sua vita. Pertanto, dopo un incontro con padre Henry Lemke nel maggio 1845, decise di fondare un monastero negli Stati Uniti. Durante l'anno successivo partì con quattro studenti e 14 laici per stabilirsi nella diocesi di Pittsburgh, dove il vescovo O'Connor gli aveva concesso l'ammissione. Quando è atterrato a New York, diversi sacerdoti hanno cercato di distoglierlo dalla sua impresa monastica, dichiarando che non era in armonia con le abitudini americane. Tuttavia, continuò il suo viaggio e pochi giorni dopo il suo arrivo a Latrobe, il 24 ottobre 1846, investì la maggior parte dei suoi candidati con l'abito di San Benedetto.

I giorni pionieristici della comunità erano scoraggianti, specialmente durante il primo inverno, in una terra straniera e tra strane usanze. Tuttavia, con i nuovi arrivi durante l'anno successivo e il sostegno della patria, i giovani monaci hanno superato questi ostacoli. Allo stesso tempo la comunità crebbe rapidamente, l'università si sviluppò costantemente e le missioni aumentarono a passi da gigante.

Dopo cinque anni il monastero aveva quasi cento membri, la scuola comprendeva tre dipartimenti - quello ecclesiastico, classico e commerciale - e tre priori dipendenti erano stati fondati, nell'Indiana, a Carrolltown ea St. Marys. Nel 1852 don Boniface introdusse le prime suore benedettine negli Stati Uniti. Tutto ciò portò l'elevazione del monastero al rango di abbazia nel 1855, con Padre Bonifacio come primo abate.

Con questa distinzione iniziò il vero sviluppo dell'istituzione. In due anni successivi due nuovi priorati furono iniziati nel Minnesota e nel Kansas, che si svilupparono nelle importanti abbazie di San Giovanni e San Benedetto. Nel 1857 fu fondato St. Mary's Priory a Newark, nel New Jersey, e nel 1859 i sacerdoti di Saint Vincent furono installati a San Jose, in Texas. Quest'ultima fondazione doveva essere interrotta dopo otto anni a causa della grande mortalità di questi pionieri.

Allo stesso tempo il lavoro missionario continuò a essere più vicino a casa nella diocesi di Pittsburgh, Erie e Philadelphia. In quest'ultimo vescovo Neumann offrì all'Abate un certo numero di parrocchie, ma accettò solo il più vicino, Bellefonte, con le sue missioni. Il vescovo Young di Erie lo nominò vicario generale per i benedettini e trasferì a lui la missione francese di Cooper's Settlement. Il vescovo O'Connor di Pittsburgh gli ha affidato la parrocchia di Butler e le sue missioni. Così negli anni cinquanta le missioni e le stazioni benedettine si estendevano da Bellefonte a Santa Maria e da lì a Saint Vincent. Allo stesso tempo i sacerdoti dell'abbazia frequentavano i tedeschi lungo la ferrovia della Pennsylvania fino a Tyrone.

Tuttavia, l'Abate e la sua comunità non erano senza prove severe. Era un uomo di maniere soave e caritatevole verso tutti, ma non temeva di difendere i principi che aveva adottato una volta dopo una deliberazione matura. Tale disposizione lo ha portato in conflitto con i vescovi e le monache, i suoi stessi confratelli e persino i funzionari della curia romana. Generalmente riuscì a difendere la sua posizione, e dopo un lungo soggiorno a Roma fu nominato presidente della Congregazione Cassinese americana per la vita. In questa veste ha frequentato il Concilio Vaticano.

Allo stesso tempo le sue istituzioni sono diventate più sviluppate. Durante il suo soggiorno a Roma fondò un college nella Città Eterna per gli studi post-universitari dei suoi bravi chierici e sacerdoti, e sebbene fosse costretto a sospenderlo dopo la presa di Roma, lo restaurò nel 1880. Nel 1870 la Legislatura Statale autorizzò il suo collegio a Saint Vincent per rilasciare titoli accademici "come qualsiasi college o università negli Stati Uniti". Nel 1876 il vescovo Domenec scelse San Vincenzo come suo seminario diocesano e l'anno successivo il vescovo Tuigg di Pittsburgh fece lo stesso.

Ma le missioni dei tempi furono la sua più grande gloria. Il vescovo Gibbons di Richmond gli offrì una fattoria nella Carolina del Nord e questa divenne l'abbazia di Belmont. Il vescovo Quinlan di Mobile gli chiese di occupare un campo missionario nel nord dell'Alabama, che divenne l'abbazia di San Bernardo. Il vescovo James O'Connor di Omaha lo esortò a organizzare parrocchie boemi nel suo vicariato e questo portò alla fondazione dell'abbazia di San Procopio a Chicago. Il vescovo Gross di Savannah lo pregò di inviare sacerdoti per la conversione dei neri e l'abate Wimmer fondò una scuola di lavoro manuale per i negri a Skidaway Island, in Georgia.

Fu quindi naturale che i suoi amici volessero onorarlo in occasione del suo giubileo d'oro sacerdotale nel 1881, anche se rifiutò di autorizzare una celebrazione pubblica. Tuttavia, al suo giubileo monastico, due anni dopo, lo costrinsero ad acconsentire a un'osservanza. Si procurarono un certo numero di onori per lui dalla Santa Sede, in particolare il titolo di Archabbot.

Fedele al suo motto "Avanti, sempre avanti", tali marchi di stima sono diventati solo incentivi per più imprese. Durante i suoi ultimi anni ha stabilito altre tre case che sono diventate abbazie: San Antonio in Florida, St. Leo's Abbey; San Giuseppe a Wetaug, nel sud dell'Illinois, ora a San Pietro, nel Saskatchewan, in Canada; St. Mary's, Boulder, Colorado, ora Holy Cross Abbey a Cañon City, Colorado. Allo stesso tempo ha avuto una parte importante nella fondazione del Collegio benedettino internazionale, San Anselmo, a Roma.

Quando Archabbot Boniface morì, l'8 dicembre 1887, la sua banda missionaria composta da quattro studenti e 14 candidati fratelli laici era diventata una grande congregazione con cinque abbazie, due priorati canonici con 152 parrocchie, missioni e stazioni. I suoi membri comprendevano tre vescovi, quattro abati, due priori, 220 sacerdoti e altri religiosi di circa lo stesso numero.

In occasione della consacrazione della chiesa di archabbey, il santo vescovo Canevin riassunse la sua opera con queste parole: "Beato chi non ha perseguitato l'oro, né si è fidato del denaro e dei tesori, chi è colui che lo loderemo? "Perché ha fatto cose meravigliose nella vita".

La tradizione benedettina modifica

Fu l'obiettivo di Boniface Wimmer di trapiantare l'antico ordine benedettino dall'Europa al Nuovo Mondo. I Benedettini avevano già vissuto una lunga e notevole storia in Europa quando Wimmer li presentò in America. Avevano fondato centri di spiritualità, cultura e cultura in tutto il Vecchio Mondo, e questi centri, per quasi tredici secoli, avevano apportato contributi ineguagliabili non solo alla divulgazione ma, a volte, alla stessa sopravvivenza della civiltà occidentale. Durante l'alto Medioevo le comunità benedettine e le scuole ad esse collegate, avevano mantenuto viva la luce della fede e dell'apprendimento mentre le tribù barbariche discendevano dall'Europa, distruggendo il tessuto della vecchia civiltà romana. E nel diciannovesimo secolo, quando l'Europa fu nuovamente devastata dall'invasione, dal caos e dalla guerra,

Fin dall'inizio l'educazione ha avuto un ruolo importante nella tradizione benedettina. Le scuole erano collegate ai monasteri fin dai primi tempi e in esse si era sviluppata un'eredità di apprendimento umano e liberale incentrata su valori benedettini quali stabilità, comunità, ospitalità e moderazione. "Intendiamo istituire una scuola per il servizio del Signore", ha scritto san Benedetto nella sua regola monastica del VI secolo. "Nel redigere i suoi regolamenti, speriamo di non mettere nulla di duro, niente di pesante."

Il piano di Wimmer era imitare il modello dei suoi predecessori benedettini stabilendo comunità forti e stabili di monaci che avrebbero dedicato la loro vita al servizio di Dio, alla ricerca dell'apprendimento e all'educazione della gioventù. Egli credeva che l'America fosse terreno fertile per l'impianto di questa antica tradizione e che la tradizione stessa avrebbe apportato una nuova e vitale energia spirituale alla giovane nazione. Ha scritto: "Sono determinato ad avere i nostri monasteri non solo scuole di religione e scienze, ma anche asili nido delle belle arti per sviluppare un gusto migliore per queste cose e per mantenere dal nostro popolo lo spirito mercenario americano che pensa di nient'altro che come guadagnarsi da vivere, perché la necessità lo richiede e l'esempio lo incoraggia. "

Con l'aiuto di numerosi vescovi americani, nonché di amici e benefattori in Europa (tra cui re Ludovico I di Baviera, il cardinale Karl August von Reisach della Curia romana e l'arcivescovo Gregory Scherr di Monaco) Wimmer fondò a Saint Vincent la comunità che aveva immaginato. E poi per i restanti quarant'anni della sua vita, ha lavorato instancabilmente per rafforzare il monastero e la scuola in Pennsylvania e per stabilire altri in tutti gli Stati Uniti. Da Saint Vincent fondò comunità e scuole benedettine in Minnesota, Kansas, North Carolina, New Jersey, Illinois, Georgia e altrove. Nel 1855 papa Pio IX elevò San Vincenzo al rango di abbazia, nominando Wimmer suo primo abate, il primo abate benedettino del Nord America. E nel 1887, quando morì,

Saint Vincent College: The Early Years modifica

Gli inizi del Saint Vincent College erano modesti. Quando Wimmer arrivò nella contea di Westmoreland, in Pennsylvania, nel 1846, fu accompagnato da quattro studenti per il sacerdozio, giovani laici della Baviera che formarono la prima classe nella scuola stabilita a Saint Vincent.

Inizialmente il piano era rivolto alla comunità di Saint Vincent per dedicare le sue energie all'educazione dei giovani di lingua tedesca per il sacerdozio. Ma quel piano presto cambiò. La sollecitazione del vescovo Michael O'Connor di Pittsburgh e le condizioni e le necessità dei cattolici nelle vicinanze del monastero convinsero Wimmer che la nuova comunità non poteva limitare il suo lavoro ai soli tedeschi, che la sua scuola avrebbe dovuto educare i cattolici di lingua inglese pure, e quella sistemazione doveva essere fatta per gli studenti che non avevano ricevuto la chiamata ad una vocazione sacerdotale.

È una delle grandi virtù della tradizione benedettina che combina lo spirito di stabilità - sia spirituale che fisico - con uno spirito di adattabilità. Questa virtù ha aiutato soprattutto i benedettini di Saint Vincent nei primi anni, quando era necessaria flessibilità e apertura al cambiamento se la loro impresa avesse successo. Quasi subito i monaci iniziarono ad accettare i non tedeschi nella scuola di Saint Vincent, e ben presto iniziarono a ricevere i ragazzi del college che non erano destinati al sacerdozio.

Le registrazioni per i primi anni di Saint Vincent sono scarse e dove esistono, sono incomplete. Tuttavia, quelli che sopravvivono forniscono la chiara immagine di una comunità che lotta nelle terre coltivate della Pennsylvania occidentale per affermarsi saldamente nella giovane nazione; affrontare e superare le avversità con l'aiuto di tali degni mecenati come il vescovo di Pittsburgh, l'arcivescovo di Monaco, vari funzionari vaticani e il Re di Baviera abdicato; e sforzandosi di costruire sulle fondamenta della vecchia tradizione benedettina un collegio in grado di soddisfare le esigenze spirituali, intellettuali e pratiche degli immigrati nel Nuovo Mondo.

L'iscrizione è cresciuta costantemente. I registri sopravvissuti indicano che nell'autunno del 1849 c'erano 39 studenti nella scuola del monastero. Nel 1850 c'erano 50, e nel 1851, 60. Ormai Saint Vincent stava disegnando studenti non solo dalla Pennsylvania occidentale, ma anche da Milwaukee, Baltimora, New York, Buffalo e Philadelphia. La facoltà era aumentata da due nel 1846 a dodici nel 1851, e offrivano corsi di dogma, arte, liturgia, teologia morale, francese, filosofia, latino, tedesco, inglese, matematica e musica. La maggior parte della facoltà erano benedettini, ma nel 1848 arrivarono due laici istruiti a Monaco di Baviera - i professori Albert Breitenfeld e Aloysius Pichler - per insegnare rispettivamente matematica e musica. Nel 1852 Wimmer poteva scrivere al re Ludwig I: "Non dirò che la nostra istituzione è perfetta, ma l'aumento annuale dei numeri indica una crescita sana e l'approvazione delle persone. È almeno il primo e unico College cattolico tedesco

Il collegio modifica

Nel 1855, quando papa Pio IX innalzò la comunità in Pennsylvania alla dignità di un'abbazia e nominò Wimmer il suo primo abate, la scuola di Saint Vincent aveva iniziato a prendere forma più chiara. Ora era diviso in tre "dipartimenti" principali: il Seminario, il dipartimento classico e il dipartimento commerciale.

Il Seminario, dove la maggior parte delle lezioni erano condotte in latino, aveva 28 studenti che studiavano teologia e si preparavano al sacerdozio. Questi studenti di età compresa tra i diciotto ei ventisei anni, avevano già ricevuto solide basi nelle arti liberali. Trascorsero sei anni nel Seminario, i primi due studiando filosofia, gli ultimi quattro, la teologia.

Il Dipartimento di musica classica aveva 53 studenti nel 1855. Questi studenti, di età compresa tra i dodici ei diciotto anni, si sottoponevano a un programma di studi di sei anni in lingue, scienze umanistiche, matematica, scienze rudimentali e belle arti. Le classi superiori venivano insegnate in tedesco, più in basso in inglese. Questo programma di studi era destinato principalmente ai candidati per il Seminario, sebbene non tutti gli studenti del Dipartimento Classico andassero al sacerdozio. Alcuni si stavano preparando ad entrare nelle scuole professionali di legge e medicina.

Il dipartimento commerciale, che nel 1855 aveva 34 studenti, prevedeva un programma quadriennale simile al corso classico, ma omettendo lo studio del latino e del tedesco e includendo lo studio della "contabilità". Le lezioni del dipartimento commerciale erano tutte condotte in inglese, e gli studenti, che avevano un'età compresa tra i dodici ei diciotto anni, si stavano preparando per entrare in affari.

Questi tre dipartimenti formarono la struttura di base del Saint Vincent College per i successivi cinquant'anni.

Una delle principali preoccupazioni dell'amministrazione del college durante il periodo immediatamente precedente e successivo alla guerra civile fu la formazione della facoltà per i compiti di insegnamento. Wimmer, come presidente del collegio e abate del monastero, ha assunto il ruolo principale nell'organizzazione di un programma per lo sviluppo della facoltà. Tranne che per casi isolati, tutti i membri della facoltà universitaria erano monaci dell'Abbazia di Saint Vincent, e l'abate fece in modo che i più talentuosi ricevessero la migliore istruzione disponibile.

Alcuni dei sacerdoti-professori avevano già ricevuto una formazione universitaria in Europa quando venivano a Saint Vincent. Lo stesso Wimmer aveva studiato teologia all'Università di Monaco con professori famosi come Aman, Allioli Leber, Oken e Dllinger. Due dei primi rettori del collegio, i padri Ulric Spttle e Alphonse Heimler, avevano anche studiato all'Università di Monaco prima di unirsi al monastero in Pennsylvania.

Nel 1859 Wimmer mandò Heimler a Georgetown per studiare fisica e astronomia; ricevette un MA da Georgetown nel 1860. Durante questo periodo padre Edward Hipelius andò a Roma per studiare legge canonica, e Wimmer mandò i padri Cyril Eder e William Walter a Monaco per studiare storia, teologia ed ebraico. Nel 1866 Wimmer stabilì una casa di studi a Roma per gli studiosi benedettini americani e affidò a padre Oswald Moosmüller, storico e autore esperto. A questa casa di studi mandò monaci giovani e di talento come Adalbert M¸ller, Innocent Wolf e Hilary Pfr ‰ ngle. E nel 1870 mandò i padri James Zilliox e Xavier Baltes a studiare sotto i Gesuiti all'Università di Innsbruck.

Tra i laici di Saint Vincent negli anni 1850 e 1860 c'erano il Dr. Rudolph Müller, dell'Università di Monaco, professore di filosofia naturale, chimica e astronomia, e il professor Maurice Schwab di Monaco, direttore del dipartimento di musica di Saint Vincent per più di due decenni.

Wimmer scrisse al re Ludwig dei suoi progressi: "Stiamo tranquillamente continuando il nostro programma educativo, sono molto ansioso che il nostro college diventi gradualmente quello che dovrebbe essere: non solo una scuola preparatoria per i giovani che studiano per il sacerdozio, ma anche. ... un'istituzione che soddisfa tutte le richieste giuste. Finora ho nominato gli uomini migliori, che generalmente hanno ricevuto la loro istruzione nelle istituzioni tedesche, come professori ".

La guerra civile americana rallentò ma non inibì severamente lo sviluppo del college. C'erano difficoltà, ovviamente. Molti dei benedettini furono arruolati nell'esercito settentrionale, compreso un certo numero di professori. La comunità di Saint Vincent pagò la tariffa standard di $ 300 per far rilasciare dal servizio quattro di questi monaci, e Wimmer chiese al presidente Lincoln di rilasciare gli altri. "Non posso credere", scrisse a Lincoln, "che la legge intende far pressione sul clero (di qualsiasi denominazione) al servizio militare, perché in generale questi uomini sono davvero molto bellicosi, se il combattimento deve essere fatto con le loro lingue o penne, ma altrimenti restano a una buona distanza dal pericolo, e cosa dovrebbe guadagnare il governo se qualche centinaio di vigliacchi fosse nell'esercito? " La petizione ha avuto solo un parziale successo.

Padre Emmeran Bliemel, un professore del college che era stato mandato a lavorare come parroco nel Tennessee poco prima dello scoppio delle ostilità, si unì ai suoi parrocchiani come cappellano quando formarono parte del 10 ° reggimento del Tennessee dell'esercito confederato, e fu ucciso a Jonesboro, in Georgia, nel 1864 mentre amministrava gli ultimi riti a un soldato sul campo di battaglia.

A Saint Vincent stessa la guerra ha portato scarsità. I fondi erano esauriti e l'amministrazione trovava difficile ottenere le forniture necessarie per nutrire adeguatamente gli studenti. Ventitré studenti provenienti dagli stati del sud sono stati bloccati al college e non potevano pagare le tasse. Wimmer li sostenne dai fondi decrescenti del college per quattro anni, sussultando solo quando il fervore patriottico dei ragazzi del sud li portò a sollevare il battleflag confederato sul collegio, portando sul collasso l'ira di un plotone di contadini armati locali su Wimmer e il benedettino Comunità.

Una nuova prosperità modifica

La fine della guerra si diffuse in una nuova prosperità per il college, che iniziò a sviluppare le sue risorse e ricevere un rinnovato sostegno dall'America e dall'Europa. I doni e le donazioni dei benefattori di Monaco e di Roma hanno portato la collezione della biblioteca a oltre 12.000 volumi. La collezione d'arte fu ampliata e nel 1864 fu istituita una stampa abbaziale che pubblicò opere monastiche e teologiche negli anni 1860 e 1870.

In effetti, il college era progredito in tale fase che nel 1869 l'amministrazione chiese al legislatore del Commonwealth della Pennsylvania di concedergli lauree accademiche. Il 18 aprile 1870, il legislatore emise a Saint Vincent una carta che autorizzava la facoltà universitaria "a concedere e conferire tali titoli nelle arti e nelle scienze... come ritengono opportuno o concesso in altri college o università negli Stati Uniti. " Era una carta ampia che permetteva al college di concedere qualunque grado di protezione. E nel 1871 Saint Vincent ottenne i suoi primi titoli accademici quando Massimiliano Betzel di Staten Island, New York, e Martin Bergrath di Westfalia, Michigan, ricevettero la laurea triennale e William Sweeney di Wilbur, New York, ricevette il "master of accounts" grado.

Gli anni che seguirono furono la costante crescita dei tre dipartimenti del college. Nel 1884 c'erano 286 studenti, che avevano il vantaggio di una "grande biblioteca" e di moderni laboratori di chimica e fisica. c'erano 36 studenti nel Seminario, 156 nel Dipartimento Classico e 94 nel Dipartimento Commerciale (inclusi 8 "post-laureati", studenti che avevano terminato il corso commerciale ma che desideravano preparare in modo più approfondito gli studi professionali di legge e medicina). Il costo annuale per lezioni, vitto e alloggio era di $ 180,00.

Nel 1884 c'erano 37 membri di facoltà, tutti membri della comunità benedettina. Gli studenti che si preparavano per la professione legale frequentavano corsi di giurisprudenza, governo civile ed economia politica; quelli che si preparano per la scuola medica in fisiologia, chimica e botanica; e quelli per la professione di ingegnere, in algebra, geometria e disegno meccanico. Tutti gli studenti dovevano seguire un curriculum di base che includeva logica, inglese, retorica e letteratura, storia, latino, tedesco, elocuzione e composizione. Una scuola elementare "per principianti" era stata assegnata al college, dove nel 1885 c'erano 61 ragazzi di età compresa tra i dieci ei quattordici registrati, che si preparavano ad entrare nei dipartimenti classico e commerciale. Gli studenti di tutto il college provenivano da venti stati americani e cinque paesi stranieri,

La fine di un'era modifica

La morte di Boniface Wimmer nel 1887 pose fine a un'era a Saint Vincent. Per quaranta anni ha guidato il monastero e il college con una visione chiara e una mano ferma, e la sua morte ha lasciato un vuoto difficile da colmare. Padre Andrew Hintenach fu eletto a succedergli come abate della comunità e presidente del collegio, ma il mandato di Hintenach fu breve, e si dimise quattro anni dopo, a cui successe padre Leander Schnerr.

Sotto Schnerr il collegio entrò nel ventesimo secolo e iniziò a subire i cambiamenti che lo portarono a svilupparsi nell'istituzione universitaria di oggi. Nel 1905 esisteva una chiara differenziazione tra il college universitario, che offriva un corso di studi quadriennale, in una pista classica o commerciale, che portava a una laurea e alla scuola preparatoria (o alta). C'erano 43 studenti nella scuola preparatoria, 322 al college e 65 nel seminario.

Il college stesso era diviso in due residenze: una, l'università vera e propria, l'altra, lo scolasticato. Come ha spiegato il catalogo del college per il 1904-05, "lo scolasticato - che, a parte gli studi, è del tutto distinto e separato dal Collegio - costituisce il Seminario preparatorio per coloro che si sentono chiamati a diventare membri dell'Ordine Benedettino, quindi, solo quelli che hanno ricevuto l'intenzione di diventare Benedettini, la disciplina è calcolata per imprimere nella mente degli aspiranti un giusto senso delle esigenze della vita monastica ".

Ma anche per quegli studenti che non avevano intenzione di diventare benedettini, il regime di Saint Vincent all'inizio del XX secolo era decisamente monastico, come rivela il loro programma settimanale. Gli studenti sono saliti alle 5:00 del mattino e hanno partecipato alla messa alle 6:00 del mattino. Il resto della giornata era il seguente: 6:30 7:10 8:00 11:30 1:45 5:30 7:00 8:30 Colazione, seguito da Pranzo di classi di studio di ricreazione, seguito da cena di classi di preghiera e ricreazione, seguito da lezioni di preghiera di notte e letto di studio di ricreazione.

E il catalogo del college ha chiarito che gli studenti erano a Saint Vincent per sviluppare non solo le loro capacità intellettuali ma anche il loro carattere morale:

"Nello stampaggio di un carattere fermo, impavido, retto, devono essere incoraggiati e sviluppati tratti buoni, devono essere controllati ed eliminati le viziose abitudini, le inclinazioni naturali devono essere attentamente dirette o corrette. Al raggiungimento di questi fini è molto importante che le relazioni esistenti tra gli studenti e la Facoltà del Collegio non devono essere fraintese o incomprese: i superiori e i professori si mescolano con gli studenti non nel ruolo di detective e severi sorveglianti, ma piuttosto nella capacità di veri amici e saggi moderatori, la cui unica ambizione è assicurare il benessere temporale ed eterno dei loro sudditi e alunni La disciplina di Saint Vincent è severa, ma non severa, è rafforzata più dalla moral suasion che da misure energiche: nessuno studente ben disposto, che si rende conto del perché è al College, incontrerà grandi difficoltà nell'osservare le regole di condotta ".

Ma la vita a Saint Vincent nei primi anni del 1900 non era tutte regole di condotta e reggimento monastico. La facoltà era determinata a educare l'intera persona e ciò richiedeva un'attenzione particolare al benessere fisico degli studenti. Esercizio e ricreazione erano al centro del programma:

Cinque campi di pallamano si trovano piacevolmente nel boschetto e offrono molte ore di esercizio miroso e rinvigorente. Sette diamanti da baseball abbelliscono il campus e offrono ampie opportunità agli amanti del grande sport nazionale, mentre i giochi di natura meno violenta hanno i loro posti assegnati. Un grande ghiacciaio e la Loyal Hannah vicino sono luoghi di piacere per gli amanti del pattinaggio. Con il tempo piovoso e durante i tristi mesi invernali, gli studenti trascorrono la maggior parte del loro tempo libero nel Gymnasium. Così ogni possibile vantaggio di costruire e sviluppare una costituzione forte e sana, che contribuisce tanto alla felicità dell'uomo e alla sua utilità nella società, viene offerto allo studente durante il suo soggiorno al College.

La pace e la tranquillità di questo mondo quasi idilliaco, sulle colline della Pennsylvania occidentale, isolato dal caos e dalla confusione della vita urbana, innocente nella sua insularità, è stato infranto nel prossimo decennio da due eventi: la guerra e la febbre. E dopo il 1918, Saint Vincent, come il resto dell'America, non sarebbe mai più stato lo stesso.

La prima guerra mondiale aveva preoccupato la nazione prima che gli scimpanzé entrassero in conflitto nel 1917. A Saint Vincent, dove molti monaci erano nati in Germania e così tanti studenti di origine tedesca, c'era una palpabile simpatia per, se non apertamente, sostegno, Germania del Kaiser Wilhelm. Ciò non era insolito in America nel 1914, sebbene la nazione nel suo complesso si stesse gradualmente spostando verso l'allineamento con gli Alleati. Quindi Saint Vincent, che, come altre istituzioni cattoliche, ha sempre avuto un atteggiamento pregiudizievole e anticattolico non solo da parte di alcuni non cattolici locali ma a volte dalla stampa stessa, ora deve affrontare un crescente dubbio sulla sua lealtà anche alla nazione. Fin dai tempi di Wimmer, l'istituzione era considerata da tutti come un college cattolico tedesco. Il tedesco era parlato nelle sale tanto quanto l'inglese. Alcuni monaci anziani espressero il loro sostegno alla causa dell'Asse. Così, quando l'America protestante entrò in guerra contro il Kaiser Guglielmo, Saint Vincent sentì che doveva dimostrare la sua lealtà.

Gli studenti con cognomi tedeschi accorrevano negli uffici di reclutamento per unirsi alla crociata contro il barbarico Unno. Le preghiere venivano offerte nella basilica di archabbey per gli eserciti alleati. Alcuni dei giovani monaci si offrirono volontari per i doveri del cappellano. I professori più anziani, che parlavano tedesco nel chiostro e nelle sale del college, fecero uno sforzo cosciente per parlare inglese dappertutto. E quando la guerra finì nel novembre 1918, una trasformazione era avvenuta al college. Non si farebbe più da solo o, se è per questo, si considererebbe un'istituzione cattolica tedesca. Era diventato un self-consciously college cattolico americano. Come il resto dell'America, Saint Vincent era emerso dalla sua insularità in un istante.

Le conseguenze immediate della guerra hanno ulteriormente messo alla prova il coraggio dell'istituto. L'epidemia di influenza che ha colpito il mondo nel 1918 ha avuto un effetto devastante a Saint Vincent. L'infermeria traboccava di malati e morivano, e nella basilica si cantavano le messe del requiem. Il nuovo archabbot e presidente del collegio, padre Aurelius Stehle, ordinò le lezioni sospese. La crisi, tuttavia, fu di breve durata. Il college riaprì dopo un mese e subito iniziò a crescere. Sempre più famiglie cattoliche ora possono offrire ai loro figli un'istruzione superiore. Saint Vincent ha beneficiato della prosperità e nel 1919 ha arruolato 536 studenti. Fu progettata una nuova residenza (Aurelius) e l'istituzione entrò nei ruggenti anni venti con entusiasmo.

Tempi moderni modifica

Il periodo tra le due guerre visse delle evoluzioni sia nella struttura organizzativa che nel curriculum del college. Nel 1921 la scuola preparatoria fu separata dal College of Arts and Sciences - il seminario era stato separato diversi anni prima -, e il curriculum universitario venne diviso in due filoni: il vecchio Corso Classico, che forniva "le migliori basi per una borsa di studio avanzata" e che portava al conseguimento di un Bachelor of Arts, e un nuovo corso di scienze che era "di solito scelto da quelli in attesa di una carriera professionale nella giurisprudenza, medicina, odontoiatria, farmacia, agricoltura e ingegneria" e che portava a un diploma di Bachelor of Science. Dopo altri due anni di "studi professionali, letterari o scientifici" e dietro presentazione di una tesi accettabile, gli studenti che avevano conseguito il diploma di laurea venivano insigniti del titolo di laurea specialistica.

Nel 1927 il college fu diviso nei dipartimenti di arte, biologia, chimica, economia e sociologia, educazione, inglese, francese, tedesco, greco, storia, latino, matematica, musica, filosofia, fisica, scienze politiche, psicologia e religione, e fu istituito un diploma di laurea in belle arti. Due anni dopo venne aggiunto al curriculum un corso di aviazione e il college acquistò un biplano per addestrare i piloti studenteschi nel vicino aeroporto Latrobe.

L'anno 1931 segnò la prima significativa aggiunta di professori laici alla facoltà del Saint Vincent College. Dei 35 membri della facoltà nel 1931, dieci erano gli insegnanti laici nei dipartimenti di chimica, psicologia, musica, arte e istruzione. Con la grande depressione tuttavia, le iscrizioni studentesche iniziarono un costante declino che continuò fino alla fine della seconda guerra mondiale. C'erano 408 studenti nel 1933 e 388 nel 1934. Per arginare il declino il college aprì campus a Pittsburgh, Erie e St. Marys che per un certo periodo mantennero stabile il numero degli iscritti. Nel 1941, con l'entrata in guerra del paese, le iscrizioni crollarono vertiginosamente tanto che nel 1944 c'erano solo 230 studenti a Saint Vincent, molti dei quali studiavano per il sacerdozio.

Per compensare la perdita di entrate causata dal calo delle iscrizioni, l'amministrazione si assicurò un contratto con il governo federale per addestrare i piloti per l'aviazione e, nel 1940 i primi piloti degli studenti arrivarono nel campus. Tre anni dopo padre Felix Fellner, professore di storia al college e priore del monastero, scrisse ad un amico che: "Saint Vincent è ora sul sentiero di guerra con 350 tirocinanti e circa una dozzina di ufficiali tra le sue mura che occupano il seminario (che è stato trasferito nel Collegio), ma possono essere ascoltati ovunque. Tamburi e cornamuse, cantando e urlando non si armonizzano bene con la Pax Benedictina, specialmente quando siamo ai pasti e molti giovani gridano (per rinforzare i loro polmoni, mi hanno detto) proprio sotto le finestre del nostro refettorio. Il corpo ha dieci macchine sul vicino aeroporto per pratica".

Nel 1946, un anno dopo la fine della seconda guerra mondiale, Saint Vincent celebra il suo centenario. Il college era sull'orlo della sua più grande espansione in assoluto, e gli alumni e gli amici di tutta l'America si congratularono calorosamente con la sua facoltà e l'amministrazione per il loro centesimo anniversario. Padre James Reeves, presidente del vicino Seton Hill College, ha scritto dell'eccellente programma educativo di Saint Vincent:

"Nel programma di studi, i corsi pre-professionali sono strettamente legati al nucleo delle arti liberali, nella convinzione che l'avvocato, il dottore, l'ingegnere, l'insegnante, il leader politico, lo statista, l'amministratore pubblico, l'assistente sociale richiedono ampiezza di conoscenza e profondità di pensiero se vuole relazionare efficacemente i suoi sforzi professionali alla vita. Questa organizzazione evita il pericolo legato alla specializzazione dipartimentale. Questa specializzazione, secondo il college, appartiene alla scuola di specializzazione, all'università e nella scuola professionale. soccombuto al sistema elettivo libero... Né il ridicolo e il disprezzo né l'impulso per numeri più grandi hanno deviato questo collegio dalla tradizione delle arti liberali con i suoi argomenti correlati enfatizzando quelle discipline che costituiscono il patrimonio comune della persona istruita. La scelta e la specializzazione appartengono al collegio delle arti liberali, ma solo dopo che lo studente ha familiarizzato con le autostrade del pensiero umano. "

Fu durante questo periodo della metà degli anni '40 che, seguendo la guida di distinte istituzioni di arti liberali in tutti gli Stati Uniti, Saint Vincent organizzò il suo curriculum in major dipartimentali e un curriculum di base, il modello di curriculum che esiste oggi. Nel 1948 c'erano 19 major disponibili per gli studenti delle Divisioni di Lettere, Scienze sociali, Scienze e Busiens. L'anno seguente, beneficiando come tutti i college e le università americane del GI Bill, Saint Vincent iscrisse 872 studenti, un aumento radicale rispetto al minimo della Seconda Guerra Mondiale di 230.

Il cambiamento ha continuato a verificarsi a Saint Vincent, dal momento che l'afflusso di ex soldati americani alla fine degli anni '40 ha modificato radicalmente la composizione del corpo studentesco e ha spinto il college verso la corrente principale dell'istruzione superiore americana. Nel 1956, per la prima volta nella sua storia, il college ricevette un presidente che non era anche superiore della comunità monastica. In accordo con una decisione del capitolo generale della Congregazione americana cassinese dei Benedettini, l'Arciabate Denis Strittmatter rinunciò al titolo di direttore generale del collegio e nominò membro di facoltà alla presidenza. Padre Quentin Schaut, del dipartimento inglese, fu nominato presidente di Saint Vincent quando divenne chiaro che, a causa della crescita e dello sviluppo del college, un singolo amministratore non poteva dirigere adeguatamente sia il suo lavoro che quello della comunità monastica. Padre Quentin è stato presidente fino al 1962, quando gli succedette Padre Maximilian Duman del Dipartimento di Biologia.

Fu durante il mandato di Padre Massimiliano che San Vincenzo subì un devastante incendio nel 1963 che distrusse molti edifici del collegio ma che fortunatamente non causò alcuna perdita di vite umane. Negli anni che seguirono, iniziò una nuova era nella storia del college. Fuori dalle ceneri del passato emerse un nuovo Saint Vincent. Nuovi edifici aumentarono, nuove sfide furono affrontate durante i turbolenti anni '60, furono introdotti nuovi programmi e nel 1983 le donne furono ammesse per la prima volta come studenti a Saint Vincent.

Ably ha guidato negli ultimi venticinque anni presidenti come Fathers Maynard Brennan (1963-1968), Fintan Shoniker (1968-1971), Cecil Diethrich (1971-1982), Augustine Flood (1982-1985), John Murtha (1985 -1995) e Martin Bartel, Saint Vincent è diventato un fiorente istituto di oltre mille studenti in cui passato e presente si uniscono per promettere un futuro dinamico.

Cronotassi dei superiori modifica

  • Bonifacio Wimmer (1855 - 1887)
  • Andrew Hintenach (1888 - 1892)
  • Leander Schnerr (1892 - 1918)
  • Aurelius Stehle (1918-1930)
  • Alfred Koch (1930 - 1949)
  • Denis Strittmatter (1949 - 1963)
  • Rembert George Weakland (1963 - 1967)
  • Egbert Donovan (1967 - 1979)
  • Leopold Krul (1979 - 1983)
  • Paul Maher (1983 - 1991)
  • Douglas Robert Nowicki, dal 1991

Note modifica

  1. ^ Chuck Moody, Benedictine Fathers continue rich, historic tradition, su pittsburghcatholic.org, Pittsburgh Catholic (archiviato dall'url originale il 4 maggio 2014).
  2. ^ Directory of Independent Monasteries and their Dependent Houses, su osb.org, The American-Cassinese Congregation.

Bibliografia modifica

Altri progetti modifica

Collegamenti esterni modifica

Controllo di autoritàVIAF (EN143892470 · ISNI (EN0000 0001 2202 4677 · LCCN (ENno95044738 · GND (DE1231076-1 · J9U (ENHE987007345030305171 · WorldCat Identities (ENlccn-no95044738