Aroldo del Wessex

Aroldo III del Wessex (10671098) era figlio di Aroldo II d'Inghilterra e di Ealdgyth Swan-neck, e probabilmente fratello gemello di Ulf del Wessex. Fu spinto in esilio dalla conquista normanna dell'Inghilterra, e trovò rifugio alla corte del re di Norvegia.

BiografiaModifica

Nascita e parentelaModifica

La famiglia di Aroldo era una delle più potenti d'Inghilterra anglosassone: suo nonno paterno era Godwin del Wessex, e suo padre era Aroldo II d'Inghilterra, che ereditò lo stesso titolo e fu incoronato re d'Inghilterra all'inizio del 1066. La prima moglie di Aroldo II, che sposò in una forma di cerimonia non riconosciuta dalla chiesa, fu chiamata Ealdgyth Swan-neck, e la sua seconda moglie fu Edith di Mercia, sorella dei conti Edwin e Morcar di Mercia. Gli storici credono quasi all'unanimità che Edith di Mercia fosse la madre di Aroldo, anche se il biografo di Edith nell'Oxford Dictionary of National Biography ammette solo che questo non è "impossibile". Aroldo nacque probabilmente postumo a Chester, dove sua madre era fuggita per sfuggire all'esercito in avanzata di Guglielmo il Conquistatore. È stato sostenuto che fosse un gemello di Ulf del Wessex, ma questo è considerato dubbio.

EsilioModifica

Nell'inverno del 1069-1070 Chester fu occupata dai Normanni, ma presumibilmente Ealdgyth e il suo giovane figlio erano fuggiti a quel tempo, e il suo rifugio più ovvio sarebbe stata la città norreno-irlandese di Dublino, che in precedenza aveva protetto altri membri della famiglia di Aroldo. Ad un certo punto Aroldo II d'Inghilterra salpò per la Norvegia e fu accolto dal re, la cui famiglia ricordò con gratitudine la generosità di Aroldo II nel permettere ad Olaf, figlio di Harald III Sigurdsson Hardrade, di tornare a casa dopo la disastrosa battaglia di Stamford Bridge. Nel 1098 fu uno degli uomini che Magnus Barefoot portò con sé in una spedizione nelle Orcadi, nelle Ebridi, nell'Isola di Man e nell'Anglesey. Nessuna ulteriore menzione di Aroldo appare in nessuna fonte.

NoteModifica

  1. Mason 2004, pag. 138–140.
  2. Walker 2010, pag. 222–223.
  3. Mason 2004, pag. 139–140.
  4. "Aroldo II del Wessex". Oxford Dictionary of National Biography (online ed.). Oxford University Press.
  5. Fryde, E. B.; Greenway, D. E.; Porter, S.; Roy, I., eds. (2003). Handbook of British Chronology. Londra: Offices of the Royal Historical Society (Uffici della Royal Historical Society) pag. 29. ISBN 0861931068. Retrieved 10 Settembre 2018.
  6. Freeman, Edward A. (1871). The History of the Norman Conquest of England, Its Causes and Its Results. Volume IV: The Reign of William the Conqueror (La storia della conquista normanna dell'Inghilterra, le sue cause e i suoi risultati.Volume IV: Il regno di Guglielmo il Conquistatore). Oxford: Clarendon Press. pag.. 756. Retrieved 10 Settembre 2018.
  7. Barlow 2013, pag. 128.
  8. È richiesta l'iscrizione all'abbonamento o alla biblioteca pubblica del Regno Unito.
  9. Walker 2010, pag. 205.
  10. Walker 2010, pag. 39, 88, 220.
  11. Jump up to: Barlow 2013, pag. 170.
  12. Mason 2004, pag. 192.

BibliografiaModifica