Anglosassoni

popoli germanici che vissero nella Britannia
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il concetto linguistico-culturale contemporaneo, vedi Paesi anglosassoni.
LocationEngland.png

Questa voce fa parte della serie
Storia dell'Inghilterra

Voci principali
Economia dell'Inghilterra medievale
Periodo anglosassone
Unificazione nazionale
Età altomedievale
Conquista normanna dell'Inghilterra
Periodo normanno
Età basso medievale
Peste nera in Inghilterra
Anarchia
Età dei Plantageneti
Guerra dei cent'anni
Guerra delle due rose
Dinastia Tudor
Età elisabettiana
Rinascimento inglese
Età di Giacomo I
Età di Carlo I
Guerra civile inglese
Protettorato di Cromwell
Restaurazione inglese
Gloriosa rivoluzione
Era georgiana
Reggenza
Età edoardiana
Prima guerra mondiale
Tra le due guerre mondiali
Seconda guerra mondiale


Vedi anche

Rappresentazione di abiti Anglosassoni.
Il famoso "Elmo di Sutton Hoo", basato sul modello di quello da parata romano e che presenta decorazioni simili a quelli di elmi trovati in Svezia a "Vecchia Uppsala" (v. Elmo vichingo)

Il termine anglosassone (plurale anglosassoni) è un termine collettivo con cui si descrivono di solito popoli germanici culturalmente e linguisticamente simili, che vissero nella Britannia. La loro classe dominante parlava lingue germaniche.

Indice

StoriaModifica

Il termine anglosassone viene dagli scrittori latini dell'epoca di re Alfredo il Grande (IX secolo), che utilizzavano per lui il titolo di rex Anglorum Saxonum o rex Angul-Saxonum.

Già agli inizi dell'VIII secolo, nella sua Historia ecclesiastica gentis Anglorum san Beda il Venerabile (I.15) suggerisce che

Comunque, altri scrittori antichi non sembrano conoscere queste precise distinzioni e del resto l'utilizzo nel titolo della sua opera del termine gentis Anglorum farebbe pensare che gli Anglosassoni furono pensati in questi termini, almeno dall'VIII secolo.

In Europa, questo termine fu usato per la prima volta da Paolo Diacono, storico dei Longobardi, che potrebbe comunque averlo utilizzato solo per distinguere i Sassoni dell'Inghilterra dai Sassoni del Continente.

Il dibattito sull'origineModifica

San Beda il Venerabile li identifica come discendenti delle tribù degli Juti, degli Angli e dei Sassoni. Il loro stanziamento definitivo nella Gran Bretagna avvenne tra gli anni 441 e 443[1].

Il nome "Anglosàssoni" veniva usato per indicare alcune popolazioni di origine germanica che, comunemente vengono indicate negli Angli, nei Sassoni e negli Juti che, tra il V e il VI secolo d.C., emigrarono dalle coste della Germania settentrionale e della Danimarca nella Gran Bretagna. Questi popoli erano organizzati politicamente in una "Eptarchia" comprendente sette regni. Sant'Agostino di Canterbury, inviato da papa Gregorio Magno, convertì al cristianesimo gli Anglosassoni.

Si discute se questi popoli, giunti nell'isola, abbiano spazzato via le popolazioni che vi trovarono, oppure se si fusero con queste, sicuramente ne misero in fuga la maggior parte verso l'Irlanda. Un'interpretazione alternativa degli eventi è quella che ci fu una limitata occupazione militare della Britannia orientale, con la popolazione che andò gradualmente adottando la lingua e la cultura della classe dominante. Si discute anche sulla quantità di elementi di ceppo germanico presenti nell'isola prima del ritiro dei Romani dalla Britannia, che potrebbero aver facilitato una qualche migrazione. Fu con gli Anglosassoni che almeno dal IX secolo si cominciò a parlare di un regno d'Inghilterra.

Attualmente, con il termine di anglosassoni, si indicano in italiano le popolazioni di lingua inglese della Gran Bretagna e dell'America settentrionale.

Arte anglossasoneModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Arte anglosassone.

L'arte degli Anglosassoni non era particolarmente diversa da quella degli altri popoli germanici che avevano invaso il continente Europeo; le sue tecniche erano specialmente quelle della lavorazione del metallo e degli smalti cloisonnès, le opere erano principalmente gioielli, spille, fibule, fibbie, armi ornate, e altri oggetti come testimonia lo stupendo tesoro funerario di Sutton Hoo, ora al British Museum di Londra.

Lo stabilirsi di una fitta rete di collegamenti tra sedi monastiche in seguito alla seconda evangelizzazione (secc. VI-VII) e l'affermarsi dei solidi regni locali di Northumbria, Mercia e Wessex portarono a una notevole fioritura artistica e a un organico riprendersi dei contatti con il continente.

NoteModifica

  1. ^ Jacques Le Goff, La civiltà dell'occidente medievale

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Mappe della Britannia post-romanaModifica

da earlybritishkingdoms.com

Controllo di autoritàGND (DE4002009-5 · BNF (FRcb11978403c (data)