Apri il menu principale

Autoritratto con foglio di musica

dipinto di Marietta Robusti

L'Autoritratto con foglio di musica è un dipinto di Marietta Robusti, detta la Tintoretta perché figlia di Jacopo Robusti, il Tintoretto.

Autoritratto con foglio di musica
Autoritratto dela tintoretta alla spinetta.jpg
AutoreMarietta Robusti, detta la Tintoretta
Data1580 circa
Tecnicaolio su tela
Dimensioni93,5×91,5 cm
UbicazioneGalleria degli Uffizi[1], Firenze

Storia e descrizioneModifica

Nel 1675 il cardinale umanista e collezionista Leopoldo de' Medici pagava per questo autoritratto 125 ducati, attraverso il suo emissario Marco Boschini[2], al fine di alimentare la sua rara e preziosa collezione di autoritratti di artisti famosi. In questo dipinto la Tintoretta si era rappresentata in una morbida veste a minute piegoline increspate, color grigio perla e con trasparenze rosate alla gonna e allo scollo, con un vezzo di vere perle girocollo e con i capelli biondi spartiti in mezzo alla fronte e raccolti in treccioline. Ha dipinto se stessa in piedi, davanti alla sua spinetta e con un libro di musica, aperto e in evidenza fra le mani. Con le dita sfiora i tasti, dimostrando di saper anche suonare.[3]

Pittrice e cantante, Marietta mostrava in primo piano la pagina musicale n. 24 del madrigale a quattro voci Madonna per voi ardo, composto dal musicista francese Philippe Verdelot e pubblicato a Venezia nel 1533.[4] Marco Boschini scrisse al granduca Leopoldo: Circa poi al ritratto di Marieta Tintoretta questo si certo che noi lo teniamo per vero e reale sì della sua effigie come di sua mano, e quando anco fosse quello dice l'Altezza Vostra che il padre li avesse dato qualche penelata, che questo noi non l'acertiamo, ma dato che fosse questo, sarebbe stato come si suol dire qui in Venezia, poner lo zuchero sopra la torta.[5]

Qui, bellezza e grazia femminili sono state associate alle arti della musica strumentale, del canto e della pittura: espressioni che si addicevano a dame colte e agiate di quel tempo. Marietta, andata in sposa all'argentiere Jacopo d'Augusta, rimase ancorata alla nativa Venezia, sacrificata anche dall'amore possessivo di suo padre, il Tintoretto.

Altri due autoritratti, attribuiti a Marietta Robusti, sono alla Galleria Borghese a Roma, e al Kunsthistorisches Museum di Vienna; ma dubbia è la loro autenticità, perché non suffragata da documenti d'epoca.

EsposizioniModifica

  • 2011, Autoritratte: artiste di "capriccioso e destrissimo ingegno", Firenze.[5]

NoteModifica

  1. ^ Inventario numero 1898. Questo autoritratto entrò agli Uffizi il 28 ottobre 1682, compreso nella collezione del defunto cardinale de' Medici.
  2. ^ Era stato acquistato dal cavalier Fontana, veneziano.
  3. ^ Uffizi1979,  p. 976.
  4. ^ Philippe Verdelot, Il primo libro de madrigali a 4 v. / di Verdelotto, Vinegia, Zovan Antonio e i fratelli da Sabio, ad instantia de lo Scotti et per Andrea Antico intagliato, 1533, SBN IT\ICCU\MUS\0155773.
  5. ^ a b Giusti Galardi.

BibliografiaModifica

  • Bice Viallet, Gli autoritratti femminili delle RR. Gallerie degli Uffizi in Firenze, Roma, Alfieri & Lacroix, 1923, SBN IT\ICCU\CUB\0662501.
  • Gallerie degli Uffizi, Gli Uffizi: Catalogo generale, Firenze, Centro Di, 1980 [1979], SBN IT\ICCU\RAV\0060995.
  • Giovanna Giusti Galardi, Autoritratte: artiste di "capriccioso e destrissimo ingegno". Galleria degli Uffizi, "Mai visti", Firenze, Polistampa, 2010, SBN IT\ICCU\MOD\1580320.

Voci correlateModifica