Ave, Caesar, morituri te salutant

locuzione latina
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Morituri te salutant" rimanda qui. Se stai cercando il romanzo di Danila Comastri Montanari, vedi Morituri te salutant (romanzo).

Ave, Caesar, morituri te salutant (lett. Ave, Cesare, quelli che stanno per morire ti salutano) è, per tradizione, considerata la frase latina che i gladiatori indirizzavano all'imperatore prima dell'inizio dei giochi gladiatòri.

L'Ave, Caesar, morituri te salutant indirizzato dai gladiatori a Vitellio, nella visione artistica di Jean-Léon Gérôme (1859)

EquivociModifica

Una tale tradizione non ha attestazioni letterarie se non in Svetonio, De Vita Caesarum, 5 (Divus Claudius), 21, 6.

L'originale svetoniano è tuttavia leggermente diverso dalla forma tramandata: "Ave imperator, morituri te salutant!"[1]. L'invocazione è rivolta all'imperatore Claudio ed è pronunciata non da gladiatori ma dai condannati a morte che in un'occasione unica e molto particolare, l'inaugurazione dei cunicoli di Claudio per prosciugare nel 52 il lago Fucino, si apprestavano a partecipare alla naumachia appositamente indetta dall'imperatore romano[2].

L'interpretazione tradizionale è quindi da considerarsi molto probabilmente errata o modificata, in assenza di ulteriori attestazioni a supporto.

Uso correnteModifica

Oggi la frase è usata con tono scherzoso e sdrammatizzante quando si incomincia un'attività o un'azione rischiosa e dall'esito incerto.

NoteModifica

  1. ^ Testo latino e traduzione inglese su LacusCurtius
  2. ^ Domenico Carro, Morituri Te Salutant, Romaeterna. URL consultato il 24 gennaio 2019.

Voci correlateModifica