BIOSIS Previews

BIOSIS Previews è un servizio di database bibliografico in lingua inglese con abstract e indicizzazione delle citazioni. Fa parte della suite Web of Science di Clarivate Analytics. BIOSIS Previews indicizza i dati dal 1926 ad oggi.[1][2]

BIOSIS Previews fa parte di Life Sciences nel Web of Science. La sua copertura comprende la letteratura sulle scienze della vita e sulle scienze biomediche, con una copertura profonda e globale su una vasta gamma di aree tematiche. Ciò si ottiene con l'accesso a contenuti di riviste indicizzate da Biological Abstracts e contenuti supplementari, indicizzati, e contenuti non giornalistici di Biological Abstracts/Reports, Reviews, Meetings (o BA/RRM o Biological Abstracts/RRM) e le pubblicazioni principali di BIOSIS. Questa copertura include letteratura in ricerca pre-clinica e sperimentale, metodi e strumentazione, studi sugli animali, questioni ambientali e di consumo e altre aree.[1][2][3]

Il database è fornito anche da EBSCO Information Services attraverso una partnership con Clarivate Analytics.[4]

Biological Abstracts consiste in 350.000 riferimenti per quasi 5.000 titoli di riviste e monografie primarie. Biological Abstracts/RRM include inoltre oltre 200.000 citazioni non giornalistiche.

Biological Abstracts/RRM è l'ex BioResearch Index.[2]

PanoramicaModifica

I contenuti accettabili per il Web of Knowledge e BIOSIS Previews sono determinati da un processo di valutazione e selezione basato sui seguenti criteri: impatto, influenza, tempestività, revisioni paritarie e rappresentazione geografica.[3][5]

BIOSIS Previews copre 5.000 riviste peer reviewed. Inoltre, la copertura non giornalistica comprende la copertura delle riunioni, gli abstract degli incontri, le conferenze, le revisioni della letteratura, i brevetti degli Stati Uniti, libri, software, capitoli di libri, note, lettere e rapporti selezionati. Ancora, la copertura non giornalistica comprende discipline rilevanti dalla botanica alla microbiologia e alla farmacologia. Inoltre, questo database contiene oltre 18 milioni di record, più di 500.000 record vengono aggiunti ogni anno e i backfile sono disponibili dal 1926 ad oggi. Sulla piattaforma è stata sviluppata l'indicizzazione specializzata che ha aumentato la precisione del recupero delle informazioni. I dati e i termini tassonomici, i termini patologici migliorati, i numeri di banca dati sequenziati e un vocabolario concettualmente controllato risalgono al 1969.[2][3][5][6]

Anche alcuni brevetti statunitensi fanno parte degli archivi di BIOSIS Previews, specialmente quelli risalenti gli anni dal 1926 al 1968, dal 1986 al 1989 e dal 1994 ad oggi. I dati archiviati sono il contenuto in formato elettronico dei volumi 1-49 stampati di Biological Abstracts.[2]

Controparte stampataModifica

Le controparti stampate per questo indice bibliografico sono state:[2]

  • Biological Abstracts
  • Biological Abstracts/RRM
  • BioResearch Index

Copertura tematicaModifica

Le aree tematiche trattate sono ampie e interdisciplinari. Il contenuto è disponibile per tutte le discipline delle scienze della vita. Ciò include biologia tradizionale (botanica, ecologia, zoologia) e materie interdisciplinari (biochimica, biomedicina e biotecnologia). Sono indicizzate anche la letteratura correlata della terra e delle scienze geologiche, vale a dire l'ecologia. La letteratura è anche disponibile per argomenti relativi alla copertura delle scienze della vita quali strumenti e metodi.[6]

StoriaModifica

Nel 1926, la Society of American Bacteriologists e la Botanical Society of America, riconoscendo la necessità di una maggiore integrazione delle informazioni sulle scienze della vita, accettarono di fondere le loro due pubblicazioni, Abstracts of Bacteriology[7] e Botanical Abstracts[8], creando così Biological Abstracts. Una società senza scopo di lucro è stata costituita per amministrare la pubblicazione su basi finanziarie solide. Nel 1964, il nome dell'azienda fu cambiato in BioSciences Information Service of Biological Abstracts (BIOSIS).[9][10][11] Oltre al servizio di indicizzazione e astrazione, ha pubblicato The Zoological Record dal 1980 al 2004.

Nel 2004 la società è stata acquistata da Thomson Scientific ed è ora parte della divisione Science and Healthcare di Thomson Reuters.[12] I proventi di quella vendita sono stati applicati per finanziare una dotazione e creare una nuova fondazione per la concessione di sovvenzioni. Il consiglio di amministrazione di tale fondazione ha scelto come nuovo nome dell'organizzazione: J.R.S. Biodiversity Foundation. Ciò riflette sia l'eredità storica della fondazione che il suo futuro ambito di sovvenzioni. Le iniziali J.R.S. indicano il nome di uno dei fondatori di BIOSIS.[13] Nel 2007, Wolters Kluwer ha annunciato la disponibilità digitale dei database BIOSIS Archive e Zoological Record Archive tramite i loro servizi online su Ovid Technologies.[14] L'archivio BIOSIS comprende i dati dei volumi stampati di Biological Abstracts dal 1926 al 1968 e Zoological Record Archive che contiene i dati pubblicati in The Zoological Record dal 1864 al 1977.[14] Nel 2010 il Biosis Citation Index è stato pubblicato sul Web of Knowledge Platform, combinando un'ampia indicizzazione e la copertura di database della Biosis Previews con le funzionalità di tracciamento delle citazioni del Web of Science.[15]

NoteModifica

  1. ^ a b (EN) BIOSIS Previews, su wokinfo.com, Clarivate Analytics. URL consultato il 22 marzo 2018.
  2. ^ a b c d e f (EN) ProQuest Dialog, su www.proquest.com. URL consultato il 22 marzo 2018.
  3. ^ a b c (EN) Biosis Life Sciences Databases (PDF), su wokinfo.com, Thomson Reuters, 2011. URL consultato il 22 marzo 2018.
  4. ^ (EN) EBSCO Information Services and Clarivate Analytics to Make Two New Resources Available via EBSCOhost®, in EBSCO, 15 dicembre 2016. URL consultato il 22 marzo 2018 (archiviato dall'url originale il 22 dicembre 2017).
  5. ^ a b (EN) BIOSIS Previews, su thomsonreuters.com, Thomson Reuters. URL consultato il 22 marzo 2018 (archiviato dall'url originale il 13 dicembre 2009).
  6. ^ a b (EN) BIOSIS Previews - Source: Thomson Scientific, Inc., su ovid.com, Ovid Technologies. URL consultato il 22 marzo 2018 (archiviato dall'url originale il 9 maggio 2010).
  7. ^ (EN) Society of American Bacteriologists, Abstracts of bacteriology, in Abstracts of bacteriology, Lippincott Williams & Wilkins, 1917. URL consultato il 22 marzo 2018.
  8. ^ (EN) Board of Control of Botanical Abstracts, Botanical abstracts, in Botanical abstracts, Lippincott Williams & Wilkins, 1918. URL consultato il 22 marzo 2018.
  9. ^ (EN) H. E. Kennedy, BIOSIS to the Rescue, in BioScience, vol. 38, n. 5, 1º maggio 1988, pp. 309–310, DOI:10.2307/1310730. URL consultato il 22 marzo 2018.
  10. ^ (EN) William Campbell Steere, Phyllis V. Parkins e Hazel A. Philson, Biological abstracts/BIOSIS: the first fifty years, the evolution of a major science information service, Plenum Press, 1976, ISBN 0306309157, OCLC 2119498. URL consultato il 22 marzo 2018.
  11. ^ (EN) Richard Trumbull, Biosis - 50 Years of Biological Abstracts, in BioScience, vol. 26, n. 5, 1º maggio 1976, p. 307, DOI:10.1093/bioscience/26.5.307. URL consultato il 22 marzo 2018.
  12. ^ (EN) Thomson Acquires BIOSIS Publishing Assets, in Business Wire, 12 gennaio 2004. URL consultato il 22 marzo 2018.
  13. ^ (EN) About JRS, su jrsbiodiversity.org, J.R.S. Biodiversity Foundation. URL consultato il 22 marzo 2018.
  14. ^ a b (EN) Ovid Expands Portfolio of Archive Content with BIOSIS Archive and Zoological Record Archive, in Wolters Kluwer, 6 marzo 2007. URL consultato il 22 marzo 2018.
  15. ^ (EN) BIOSIS Citation Index, su wokinfo.com, Clarivate Analytics. URL consultato il 22 marzo 2018.

Collegamenti esterniModifica