Apri il menu principale

Balthasar Cordier (anche noto con il nome latino: Balthasar Corderius) (Anversa, 7 giugno 1592Roma, 24 giugno 1650) è stato un gesuita, grecista e patrologo belga.

BiografiaModifica

Balthasar Cordier entrò nella Compagnia di Gesù nel 1612 e, dopo aver insegnato greco, teologia morale e Sacra Scrittura, si dedicò alla traduzione e alla pubblicazione di varie opere dei Padri greci.[1]

OpereModifica

Cordier curò le seguenti edizioni critiche:

  1. Catena sexaginta quinque Patrum græcorum in S. Lucam, Antverpiæ, Officina Plantiniana, 1628.
  2. Catena Patrum græcorum in S. Joannem, Antverpiæ, Officina Plantiniana, 1630.
  3. Joannis Philoponi in cap. I Geneseos ... libri septem, Viennæ, typis Gregorii Gelbhaar, 1630.
  4. S. Cyrilli apologiæ morales, Viennæ, 1630.
  5. Opera S. Dionysii Areopagitæ cum S. Maximi scholiis, Antverpiæ, Officina Plantiniana, 1634. Più volte ripubblicata: Parigi, 1644; 1655; Lione: 1677; Venezia: 1755; Brescia: 1854.[2]
  6. Expositio Patrum græcorum in Psalmos, vol. 1, Antverpiæ, Officina Plantiniana, 1643.
  7. Expositio Patrum græcorum in Psalmos, vol. 2, Antverpiæ, Officina Plantiniana, 1646.
  8. Symbolæ in Matthæum, 2 voll., soltanto il secondo dei quali è suo, Toulouse, 1646–47.
  9. S. Dorothei archimandritæ institutiones asceticæ, Antverpiæ, typis viduæ Cnobbarti, 1646.
  10. S. P. N. Cyrilli archiepiscopi Alexandrini homiliæ XIX in Jeremiam, Antverpiæ, ex officina Plantiniana Balthasari Moreti, 1648.

Fu anche autore di un commentario al Libro di Giobbe, (Job Illustratus) (I edizione: Anversa, 1646; ristampato nel Cursus S. Scripturæ di Migne e nell'edizione di Campon dei commentari di Cornelio a Lapide).

NoteModifica

  1. ^ Giorgio Stabile, Renato Badalì, La Biblioteca del Cardinale. Enrico Benedetto Clemente Stuart Duca di York a Frascati 1761-1803, Gangemi Editore, 2008, p. 65.
  2. ^ Inos Biffi, Costante Marabelli, Figure del pensiero medievale, vol. 1, Jaca Book, 2009, p. 208.

BibliografiaModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN7544019 · ISNI (EN0000 0001 1855 9660 · LCCN (ENnr97028005 · GND (DE123902592 · BNF (FRcb13498729q (data) · CERL cnp00472460 · WorldCat Identities (ENnr97-028005