Apri il menu principale

Bandito sì... ma d'onore!

film del 1962 diretto da Jean Chérasse
Bandito sì... ma d'onore!
LaVendetta.jpg
Louis de Funès nella parte del "bandito d'onore"
Titolo originaleLa Vendetta
Lingua originaleFrancese
Paese di produzioneFrancia, Italia
Anno1962
Durata85 min
Dati tecnicib/n - 35 mm
Generecommedia
RegiaJean Chérasse
Soggettodal romanzo di Henri Omessa Le candidat Lauriston
SceneggiaturaAlbert Valentin, Jean Clouzot, Jean Cherasse, Jacques Emmanuel
ProduttoreB. Christin-Falaize e N.A Constantini
Produttore esecutivoAntoine Maestratti
Casa di produzioneLe Trident, S.I.F.E.C (Parigi) - M.E.C Cinematografica (Roma)
FotografiaRoland Pontoizeau
MontaggioGeorges Arnstam, con J.C Hamon
MusicheDerry Hall, direttore d'orchestra Raymond Bernard - (éditions "Le rideau rouge")
ScenografiaRobert Giordani, con Jacques d'Ovidio e Frédéric de Pasquale
TruccoMaittret Phong
Interpreti e personaggi

Bandito sì... ma d'onore (La Vendetta) è un film del 1961 diretto da Jean Chérasse e interpretato da Louis de Funès.[1].

Indice

TramaModifica

Monsieur Lauriston è un parigino che si ritirato in Corsica dopo il pensionamento. A causa di un malinteso, si ritrova a concorrere per la candidatura di sindaco del villaggio, cosa che Bartoli, proprietario del bar locale, ha molta difficoltà ad accettare, poiché da tempo desidera di diventare lui sindaco.

Discussioni e polemiche creano due fazioni opposte, che ben presto danno origine a tumulti, al tal punto che una delle due parti chiama a suo sostegno alcuni gangster americani di origine corsa. Tra i malviventi d'America e quelli locali, chiamati a sostenere l'altra parte, ben presto s'inizia una vera e propria guerra, che si concluderà con la vittoria proprio di colui - il tranquillo parigino - che non aveva alcun desiderio di essere eletto.[2]

CriticaModifica

Ambientato nella selvaggia Corsica, il film è una sorta di parodia sui luoghi comuni dell'isola e i propri abitanti. Louis de Funès è il personaggio Amoretti, bandito d'onore, mentre i suoi partner sono due simpatici e popolari caratteristi italiani: Mario Carotenuto e Marisa Merlini. Il film presenta diversi punti di contatto con il precedente Totò, Peppino e i fuorilegge (1956) di Camillo Mastrocinque.[3]

NoteModifica

  1. ^ The Vendetta, su Films de France.
  2. ^ scheda cinematografica, si miticofufu.it. Vedi anche scheda IMDb.
  3. ^ Edoardo Caroni, Comicità alla francese. Il cinema di Louis de Funès, Bonanno Editore, 2012, p. 33.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema