Apri il menu principale
Battlenet logo.JPG
Il logo di Battle.net
Distributore Blizzard Entertainment
Tipo Servizio di gioco online
Data Attivazione 20 novembre 1996
Piattaforme Windows
MacOS
PlayStation 3
Xbox 360
Sito web Battle.net

Battle.net è il servizio gratuito di gioco online della Blizzard Entertainment. Il servizio fu attivato già a novembre 1996, ma fu varato ufficialmente solo un mese dopo, il 31 dicembre a seguito dell'uscita di Diablo. Battle.net è stato il primo servizio di gioco online incorporato direttamente nei giochi che lo utilizzano.

Con il rilascio di Starcraft II, il servizio è stato notevolmente migliorato per far fronte alle esigenze dei videogiochi più moderni. Il servizio Battle.net è ora anche completamente localizzato in italiano.

Indice

StoriaModifica

DiabloModifica

Quando Battle.net fu lanciato con Diablo, offriva solo alcune funzionalità di base come la chat e l'elenco delle partite in corso. Gli utenti potevano connettersi al server, parlare con altri giocatori e prendere parte a partite multigiocatore di Diablo. Oltre ai dati sull'account dell'utente, non veniva memorizzata né filtrata nessuna informazione di gioco dai server di Battle.net, perché i giocatori di una stessa partita venivano collegati direttamente, e i dati venivano memorizzati sui loro computer. Questo limitava la lag, ma non offriva nessuna protezione contro il cheating.

StarCraftModifica

 
Logo utilizzato dal 1998 al 2009

Con l'uscita di StarCraft nel 1998, l'uso di Battle.net aumentò considerevolmente. Furono aggiunte funzionalità come la graduatoria dei giocatori (Ladder) e i filtri nella lista delle partite. I CD di StarCraft, al contrario di quelli di Diablo, furono dotati di una protezione contro la pirateria che usa un codice univoco (CD-Key) associato ad un particolare CD. In un dato momento, solo un giocatore può essere connesso a Battle.net, usando un determinato CD-Key. Dalla uscita di Starcraft, tutti i giochi Blizzard hanno utilizzato il sistema di connessione CD-Key per collegarsi a Battle.net. Con il rilascio dei Gateway, fino 4 giocatori possono collegarsi a Battle.net utilizzando lo stesso codice purché siano in un Gateway diverso. Non essendo sullo stesso Gateway, i giocatori che utilizzano lo stesso codice non potranno giocare insieme, chattare e via dicendo.

Per prevenire lo spam, cheating e la violazione dei Termini di servizio, le CD-Key possono subire delle sanzioni: MUTED, vengono private le funzionalità di sussurare (whisper) a qualsiasi giocatore e chattare su ogni canale di Chat Battle.net. VOIDED, viene privato l'accesso a tutti i canali Battle.net. JAILED, vengono rimosse tutte le funzioni elencate nelle due punizioni precedenti. BANNED, si perde l'accesso totale al servizio di Battle.net.

Warcraft II: Battle.net EditionModifica

Nel 1999, a causa del successo di StarCraft su Battle.net (particolarmente nella Corea del Sud), la Blizzard decise di pubblicare Warcraft II Battle.net Edition, una nuova versione di Warcraft II: Tides of Darkness con l'espansione Warcraft II: Beyond the Dark Portal, aggiornata per essere giocabile su Battle.net.

Diablo IIModifica

Nel 2000 fu pubblicato Diablo II. La principale novità del gioco riguardo a Battle.net è che le partite online sono completamente client-server: la partita non viene simulata nei computer di ogni giocatore, bensì si svolge sui server di Battle.net. Anche tutti i dati dei personaggi sono memorizzati sui server (c'è anche la possibilità di creare un personaggio che risiede sul computer del giocatore, ma questi personaggi non possono partecipare a partite insieme a personaggi di Battle.net). Diablo II introdusse un'altra peculiarità che fa apparire i giocatori nella chatroom come avatar con lo stesso aspetto dei personaggi nel gioco. Inoltre è stata aggiunta una graduatoria "Hardcore" che caratterizza i personaggi che non possono più essere resuscitati se muoiono nel gioco. Anche con Diablo II l'uso di Battle.net aumentò in modo significativo.

Warcraft IIIModifica

Con Warcraft III, uscito nel 2002, la principale funzionalità che fu aggiunta al servizio è il matchmaking anonimo, che permette ad un utente di iniziare una partita con dei giocatori scelti automaticamente dal sistema in base alla graduatoria di ognuno. Inoltre fu aggiunto il supporto per i clan. Con l'espansione Warcraft III: The Frozen Throne fu aggiunta la funzionalità dei tornei.

Giochi SupportatiModifica

Legacy Battle.netModifica

Altri client Legacy Battle.net

  • Diablo Shareware
  • Diablo Spawn
  • Starcraft Shareware
  • Starcraft Spawn
  • WarCraft II Battle.net Edition Spawn
  • Starcraft: Japanese Version
  • Starcraft: Japanese Version Spawn
  • Warcraft III DEMO Version
  • Chat (Telnet) *Disabilitato

Battle.net v2.0Modifica

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica