Apri il menu principale

Beautiful People (film)

film del 1999 diretto da Jasmin Dizdar
Beautiful People
Titolo originaleBeautiful People
Paese di produzioneRegno Unito
Anno1999
Durata107 min
Rapporto1,85:1
Generecommedia
RegiaJasmin Dizdar
SoggettoJasmin Dizdar
SceneggiaturaJasmin Dizdar
ProduttoreChristopher Collins, Ben Woolford
Produttore esecutivoBen Gibson, Roger Shannon
Casa di produzioneArts Council England, British Film Institute, Channel Four Films
Distribuzione in italianoBiM Distribuzione
FotografiaBarry Ackroyd
MontaggioJustin Krish
MusicheGarry Bell
ScenografiaJon Henson
CostumiLouise Page
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Beautiful People è un film del 1999 diretto dal regista bosniaco Jasmin Dizdar. È stato presentato alla 52ª edizione del Festival di Cannes nella sezione Un Certain Regard aggiudicandosi il premio di miglior film.[1]

TramaModifica

Londra, 13 ottobre 1993: mentre tutto il Paese attende che la nazionale inglese affronti in una gara determinante per i mondiali di calcio la squadra olandese, nella Ex-Jugoslavia la guerra è al suo culmine.

Su un autobus due profughi, un croato e un serbo provenienti dallo stesso villaggio e un tempo grandi amici, cominciano a picchiarsi, scendono, il serbo viene investito da un'auto, vengono portati in ospedale dove successivamente si riappacificheranno.

Il dottor Mouldy, medico del servizio sanitario nazionale, è stato lasciato dalla moglie e tenta di ottenere l'affidamento dei figli, intanto cerca di capire come mai la giovane immigrata Dzemila e suo marito vogliano abortire. Solo dopo apprenderà che la ragazza è stata stuprata da dei soldati durante la guerra.

I genitori di Griffin sono tristi perché vedono loro figlio traviato dalla cattiva compagnia di due suoi amici. I tre decidono di andare a Rotterdam per seguire la partita, non avendo trovato i biglietti si ritroveranno a vedere la propria squadra perdere 2-0 in un pub circondati da tifosi olandesi. In aeroporto, durante il loro ritorno, Griffin (a causa della stanchezza ed effetti di alcool e droghe) si addormenta tra i generi di soccorso pronti per essere paracadutati dall'ONU in Bosnia. Griffin si ritrova nel mezzo dei combattimenti, qui partecipa a delle azioni di soccorso. Decide di smettere di drogarsi e, tornato a casa, porta con sé un bambino cieco portato via dalla guerra che rimarrà a casa dei genitori.

Porzia, una dottoressa che proviene da una famiglia di conservatori dell'alta borghesia, si innamora del suo paziente Pero, un ex-soldato bosniaco. I due decidono di sposarsi nonostante i pregiudizi dei suoi familiari emersi durante un pranzo.

Kate vive in uno stato costante di ansia causata dal pensiero di quello che potrebbe succedere al marito corrispondente di guerra della BBC. Il cronista si dimette e parte per un viaggio con la moglie ora finalmente serena.

RiconoscimentiModifica

NoteModifica

  1. ^ (EN) Awards 1999, festival-cannes.fr. URL consultato il 5 luglio 2011 (archiviato dall'url originale il 6 febbraio 2015).

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema