Apri il menu principale

Bernardino Molinari

direttore d'orchestra italiano

BiografiaModifica

 
Molinari in Jerusalem, 1945

All'Accademia di Santa Cecilia di Roma, Molinari si appassionò e condivise lo studio con Stanislao Falchi e con Remigio Renzi (RR, 1858-1938, organista, compositore e maestro, al tempo allievo di Gaetano Capocci).

Nel 1912 venne nominato direttore artistico dell'Orchestra dell'Augusteo a Roma, successivamente rinominata Orchestra dell'Accademia nazionale di Santa Cecilia, carica che mantenne fino alla fine della seconda guerra mondiale. Poiché questa era allora, come ora, la posizione di leader di una orchestra sinfonica in Italia, suscitò l'invidia di molti rivali.

Dopo la liberazione di Roma del 4 giugno 1944, Molinari venne duramente contestato dal pubblico, in particolare in due concerti del 9 e del 12 luglio, per la sua adesione al regime fascista, tanto che dovette abbandonare l'Orchestra di Santa Cecilia. In seguito, a Roma poté solamente dirigere l'Orchestra del Teatro dell'Opera. [1]

Molinari diresse, come direttore ospite, le orchestre più importanti in Europa ed in America, sempre come direttore di musica sinfonica. A differenza di molti direttori italiani, raramente diresse l'opera lirica.

Il compositore Robert Starer racconta di una sua esperienza musicale che ebbe come giovane arpista nell'Orchestra Palestina negli quaranta:

(EN)

«"…I sat behind [my] harp, glanced at the most intricate harp part I had ever encountered, and looked with heavily beating heart at the conductor, Bernardino Molinari, a fine, experienced maestro. He must have sensed how I felt, for he gave me every single cue and somehow helped me to get through the first movement without any noticeable mishap…"[2]»

(IT)

«"... Mi sono seduto dietro la [mia] arpa, guardando la parte più intricata di un'arpa che avessi mai incontrato, e fissavo, con il cuore in tumulto, il direttore d'orchestra Bernardino Molinari, un grande maestro pieno d'esperienza. Egli deve aver intuito come mi sentivo, e mi diede ogni singolo attacco, e in qualche modo mi aiutò a superare il primo movimento senza alcun contrattempo evidente ... "»

(Robert Starer)

Prime esecuzioniModifica

RegistrazioniModifica

OnorificenzeModifica

NoteModifica

  1. ^ MOLINARI, Bernardino Dizionario Biografico degli Italiani, Treccani, Volume 75 (2011).
  2. ^ Robert Starer, Continuo – A Life in Music, Random House, New York, 1987, ISBN 0-394-55515-5

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN102400921 · ISNI (EN0000 0001 1938 3636 · LCCN (ENno89001657 · GND (DE1059555506 · BNF (FRcb14207812z (data) · WorldCat Identities (ENno89-001657