Betschwanden

centro abitato del comune di Glarona Sud (GL)
Betschwanden
frazione
Betschwanden – Stemma
Betschwanden – Veduta
Localizzazione
StatoSvizzera Svizzera
CantoneWappen Glarus matt.svg Glarona
DistrettoNon presente
ComuneGlarona Sud
Territorio
Coordinate46°56′48″N 9°01′41″E / 46.946667°N 9.028056°E46.946667; 9.028056 (Betschwanden)Coordinate: 46°56′48″N 9°01′41″E / 46.946667°N 9.028056°E46.946667; 9.028056 (Betschwanden)
Altitudine600 m s.l.m.
Superficie9,74 km²
Abitanti182 (2010)
Densità18,69 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale8777
Prefisso055
Fuso orarioUTC+1
Codice OFS1601
TargaGL
Nome abitantibetschwander
Cartografia
Mappa di localizzazione: Svizzera
Betschwanden
Betschwanden
Sito istituzionale

Betschwanden (toponimo tedesco) è una frazione di 182 abitanti del comune svizzero di Glarona Sud, nel Canton Glarona.

Geografia fisicaModifica

StoriaModifica

 
Il territorio del comune di Betschwanden prima degli accorpamenti comunali del 2011

Già comune autonomo che si estendeva per 9,74 km², il 1º gennaio 2011 è stato accorpato agli altri comuni soppressi di Braunwald, Elm, Engi, Haslen, Linthal, Luchsingen, Matt, Mitlödi, Rüti, Schwanden, Schwändi e Sool per formare il nuovo comune di Glarona Sud[1][2].

Monumenti e luoghi d'interesseModifica

 
La chiesa riformata
  • Chiesa riformata, eretta nel XIV secolo[1].

SocietàModifica

Evoluzione demograficaModifica

L'evoluzione demografica è riportata nella seguente tabella[1]:

Abitanti censiti

Infrastrutture e trasportiModifica

La località è servita dalla stazione di Diesbach-Betschwanden sulla ferrovia Ziegelbrücke-Linthal (linea S25 della rete celere di Zurigo).

AmministrazioneModifica

Ogni famiglia originaria del luogo fa parte del comune patriziale che ha la responsabilità della manutenzione di ogni bene comune.

NoteModifica

  1. ^ a b c Karin Marti-Weissenbach, Betschwanden, in Dizionario storico della Svizzera, 4 novembre 2016. URL consultato il 19 luglio 2020.
  2. ^ (DE) Porträt, su sito istituzionale del comune di Glarona Sud. URL consultato il 19 luglio 2020.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN7666156619132028780000
  Portale Svizzera: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Svizzera