Apri il menu principale
Bogud / Baud
(Βογος)
Bogud. AR Denarius 802149.jpg
Monete in argento emesse durante il regno di Bogud
Re di Mauretania
Predecessore Bocco I
Successore Bocco II
Nome completo Bogud di Mauretania
Altri titoli Condottiero berbero
Morte Metone, 31 a.C.
Padre Bocco I
Coniuge Eunöe
Figli Bocco III

Bogud (in greco antico: Βογος, Bogos; nelle monete BOCUT; ... – Metone, 31 a.C.) fu re della Mauretania occidentale tra il 49 e il 38 a.C..

Indice

BiografiaModifica

Fu il fratello minore di Bocco II (re della Mauretania orientale), e probabilmente come lui era figlio di Mastanesosus e sposato con Eunoe, che si racconta ebbe una relazione con Cesare. [1]

Alleato anch'egli come il fratello con Giulio Cesare contro il partito senatorio e i seguaci di Pompeo, non ebbe parte attiva nella Guerra d'Africa, mentre fu determinante nella successiva fase della guerra civile combattuta in Spagna.[2][3]

Nel 45 a.C. ebbe infatti un ruolo determinante nella vittoria riportata da Cesare su Gneo Pompeo alla battaglia di Munda:[4] un'audace manovra della cavalleria mauretana arrivò ad attaccare la retroguardia di Pompeo, e il dietrofront delle cohorti che cercavano di proteggere da questo attacco venne interpretato come l'inizio della fuga, cosicché in breve l'esercito dei Pompeiani fu messo in rotta.[3][2]

Dopo la morte di Cesare (44 a.C.), Bogud sostenne Marco Antonio, mentre il fratello si alleava con Ottaviano. Passato in Spagna per combattere a fianco delle truppe di Marco Antonio (assedio di Cadice), venne sorpreso lontano dalla madrepatria quando una ribellione a Tingit (l'odierna Tangeri) lo esautorò e concluse un'alleanza coi romani ottenendo la qualifica di città romana.[3][2]

Con questa rivolta Bogud perse il regno, che venne annesso da Bocco, col beneplacito di Ottaviano. Quanto a Bogud, dovette fuggire, fino a quando, nel 31 a.C., venne sorpreso dall'attacco di Agrippa e ucciso a Metone in Messenia.[4][3][2]

NoteModifica

  1. ^ Svetonio, Vite dei Cesari, I, 52.
  2. ^ a b c d Voce su Enciclopedia Britannica
  3. ^ a b c d d'Avezac, p. 70
  4. ^ a b Bògud su Treccani

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica