Apri il menu principale
Braccio Martelli
vescovo della Chiesa cattolica
Braccio Martelli.JPG
BishopCoA PioM.svg
 
Incarichi ricopertiVescovo di Fiesole
Vescovo di Lecce
 
Nato1501, Firenze
Nominato vescovo20 giugno 1530 da papa Clemente VII
Consacrato vescovo17 aprile 1533 dall'arcivescovo Gabriele Mascioli Foschi, O.E.S.A.
Deceduto17 agosto 1560, Lecce
 

Braccio Martelli o erroneamente Braccio Martello (Firenze, 1501Lecce, 17 agosto 1560) è stato un vescovo cattolico italiano.

Monsignor Braccio Martelli in un'incisione del Cinquecento. Nella didascalia compare la scritta:
"Mons. Braccio di Piero Martelli
vescovo di Fiesole e poi di Lecce
uno dei padri del Sacrosanto
Concilio di Trento"

Indice

BiografiaModifica

Figlio di Pietro Martelli, e fratello del condottiero fiorentino Antonio Martelli.

Fu canonico della cattedrale metropolitana di Firenze, poi cameriere segreto di Clemente VII.

Il 20 giugno 1530 fu eletto, a soli 29 anni, vescovo di Fiesole.

Dal 13 dicembre 1545 all'11 marzo 1547 partecipò al Concilio di Trento, di cui è ritenuto uno dei padri.

Il 12 febbraio 1552 fu trasferito alla sede di Lecce, dove si rivelò grande mecenate. Ancora oggi si possono ammirare presso il Duomo di Lecce, opere commissionate da lui. Nella città, è ricordato con una via dedicatagli in centro.

Morì a Lecce il 17 agosto 1560, a 59 anni.

È sepolto nella cripta del Duomo di Lecce, con gli altri vescovi della città.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN88638354 · ISNI (EN0000 0000 9344 5842 · LCCN (ENn93075803
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie