Brigitte Bierlein

Brigitte Bierlein
Europaforum Wachau-2019 1188 (cropped).JPG
Brigitte Bierlein nel 2019

Cancelliere federale dell'Austria
Durata mandato 3 giugno 2019 –
7 gennaio 2020
Presidente Alexander Van der Bellen
Predecessore Hartwig Löger
(ad interim)
Successore Sebastian Kurz

Presidente della Corte costituzionale dell'Austria
Durata mandato 23 febbraio 2018 –
3 giugno 2019
Predecessore Gerhart Holzinger
Successore Christoph Grabenwarter (ad interim)

Vicepresidente della Corte costituzionale dell'Austria
Durata mandato 1º gennaio 2003 –
22 febbraio 2018
Predecessore Karl Korinek
Successore Christoph Grabenwarter

Dati generali
Partito politico Indipendente
Titolo di studio Laurea in Giurisprudenza
Università Università di Vienna
Professione Avvocato

Brigitte Bierlein (Vienna, 25 giugno 1949) è una giurista e politica austriaca, Cancelliere federale dell'Austria dal 3 giugno 2019 al 7 gennaio 2020, è stata la prima donna nella storia austriaca a ricoprire tale carica.

BiografiaModifica

 
Brigitte Bielein nella veste di Presidente della Corte costituzionale austriaca nel 2018

Brigitte Bierlein, nata nel 1949 a Vienna durante l'occupazione alleata dell'Austria, è figlia di un dipendente pubblico e di una casalinga. Ha studiato al Gymnasium Kundmanngasse, diplomandosi nel 1967. La Bierlein inizialmente voleva studiare arte o architettura all'università di arti applicate ma alla fine ha scelto di studiare legge, in parte anche su consiglio della madre e in parte perché non voleva essere un onere finanziario per i suoi genitori più del necessario. Si è iscritta così all'Università di Vienna, laureandosi in giurisprudenza nel 1971.

È stata avvocato generale dell'ufficio del procuratore (il principale procuratore generale del paese) dal 1990 al 2002 e membro del comitato esecutivo dell'Associazione internazionale dei pubblici ministeri dal 2001 al 2003. Nel 2003, è stata nominata vicepresidente della Corte costituzionale austriaca. Dal gennaio 2018 ha ricoperto il ruolo di presidente della medesima, diventando la prima donna ad assumere tale carica.

Cancelliere federaleModifica

 
La cancelliera Bierlein stringe la mano al presidente federale Alexander Van der Bellen.
 
Brigitte Bierlein (ultima a destra) insieme ad alcuni membri della sua squadra di governo: da sinistra Thomas Starlinger (difesa), Brigitte Zarfl (lavoro), Alexander Schallenberg (affari esteri) e Clemens Jabloner (giustizia) - 12 giugno 2019.

Senza affiliazione politica, è vicino al centrodestra austriaco.

In seguito alla vicenda dello scandalo di Ibiza, il 30 maggio 2019 il presidente austriaco Alexander Van der Bellen l'ha nominata cancelliere, alla guida di un governo di transizione in carica fino alle elezioni legislative dell'autunno. È la prima donna cancelliere nella storia dell'Austria[1]. Ha proposto i nomi di Clemens Jablons, ex presidente della Corte amministrativa suprema, per la carica di vice cancelliere e ministro della giustizia, e quello del diplomatico Alexander Schallenberg come ministro degli affari esteri.

Ha prestato giuramento il 3 giugno 2019. Ha lasciato l'incarico il 7 gennaio 2020, a seguito delle elezioni parlamentari anticipate che hanno visto la vittoria dell'ÖVP del suo predecessore Sebastian Kurz.

Vita privataModifica

Brigitte Bierlein non è sposata e non ha figli. Vive con il giudice in pensione Ernest Maurer.[2]

OnorificenzeModifica

Onorificenze austriacheModifica

  Gran Decorazione d'Onore in Argento con Fascia dell'Ordine al merito della Repubblica austriaca

Onorificenze straniereModifica

  Cavaliere di gran croce dell'Ordine al Merito della Repubblica italiana (Italia)
«Su proposta della Presidenza del Consiglio dei Ministri»
— 10 febbraio 2020[3]

NoteModifica

  1. ^ (EN) Lauren Said-Moorhouse CNN, Austria names its first female chancellor, su CNN. URL consultato il 2 giugno 2019.
  2. ^ (DE) Verfassungsgerichtshof: Vertraut und distanziert, in Wiener Zeitung, 13 aprile 2018. URL consultato il 4 giugno 2019.
  3. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN305441866 · ISNI (EN0000 0003 9002 6396 · GND (DE1045329606 · WorldCat Identities (ENviaf-305441866