Butilacrilato

composto chimico
Butilacrilato
formula chimica
formula chimica
Nomi alternativi
n-butil acrilato

estere butilico dell'acido acrilico
butil-2-propenoato

Numero CAS 141-32-2
Caratteristiche generali
Aspetto Liquido incolore, forte odore
Stato di aggregazione (in c.s.) liquido
Proprietà chimico-fisiche
Densità (g/cm3, in c.s.) 0.89 (20 °C)
Solubilità in acqua 0.1% (20 °C)
Temperatura di fusione (K) 209
Temperatura di ebollizione (K) 418
Proprietà tossicologiche
LD50 (mg/kg) 1800 (cutanea, coniglio)
Indicazioni di sicurezza
Flash point (K) 313
Temperatura di autoignizione (K) 540[1]

frasi R: R 10-36/37/38-43
frasi S: S 2-9

Il butilacrilato o acrilato di butile è un estere utilizzato nell'industria manifatturiera.

ApplicazioniModifica

Il butilacrilato viene utilizzato in vernici, sigillanti, rivestimenti, adesivi, carburanti, tessuti, materie plastiche e mastici.[2]

BiochimicaModifica

Nei modelli di roditori, il butilacrilato viene metabolizzato dalla carbossilesterasi o dalle reazioni con glutatione; questa disintossicazione produce rifiuti di acido acrilico, butanolo e acido mercaptico, che viene escreto nelle urine, nelle feci e sotto forma di anidride carbonica.[3][4][5]

ProduzioneModifica

Il butilacrilato può essere prodotto in diverse reazioni. L'acetilene, l'alcool 1-butilico, il monossido di carbonio, il nichel carbonile e l'acido cloridrico possono reagire per produrre butilacrilato. Un'altra sintesi di butilacrilato comporta la reazione di butanolo con metilacrilato o acido acrilico.[2]

SicurezzaModifica

È altamente reattivo e polimerizza facilmente se esposto a calore o perossidi; pertanto, i preparati commerciali possono contenere un inibitore della polimerizzazione. Reagisce facilmente con acidi e basi forti, ammine, alogeni, composti dell'idrogeno e ossidanti. Il butil acrilato è designato come liquido combustibile di classe II. Può essere stabilizzato con idrochinone o idrochinone etil etere.[1]

Le persone possono essere esposte al butilacrilato respirandolo, assorbendo la pelle, ingoiandolo o contatto con gli occhi. I sintomi dell'esposizione comprendono irritazione agli occhi, alla pelle e al tratto respiratorio superiore; dermatite da sensibilizzazione; necrosi corneale; nausea; vomito; diarrea; dolore addominale; tosse; gola infiammata; edema polmonare; e difficoltà respiratorie (dispnea).[6][2]

NoteModifica

  1. ^ a b Butyl Acrylate, in International Chemical Safety Cards, NIOSH, 1º luglio 2014.
  2. ^ a b c Butyl Acrylate, PubChem, 28 novembre 2015.
  3. ^ Screening Information Data Set for n-Butyl acrylate, CAS #141-32-2, Organization for Economic Cooperation and Development, October 2002 (archiviato dall'url originale il 7 novembre 2015).
  4. ^ Zondlo Fiume M, Final report on the safety assessment of Acrylates Copolymer and 33 related cosmetic ingredients, in Int. J. Toxicol., 21 Suppl 3, 2002, pp. 1–50, DOI:10.1080/10915810290169800, PMID 12537929.
  5. ^ Monographs on the Evaluation of the Carcinogenic Risk of Chemicals to Humans, Geneva: World Health Organization, IARC, 1999.
  6. ^ N-Butyl Acrylate, OSHA/NIOSH, 28 settembre 2011.

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàGND (DE4280058-4