Apri il menu principale

Giacomo Camillo De Carlo

ufficiale, aviatore e diplomatico italiano
(Reindirizzamento da Camillo De Carlo)
Giacomo Camillo De Carlo
Camillo De Carlo.jpg
NascitaVenezia, 6 aprile 1892
MorteVittorio Veneto, 29 marzo 1968
Cause della morteCause naturali
Dati militari
Paese servitoItalia Italia
Forza armataRegio Esercito
Specialitàosservatore
RepartoReggimento Lancieri di Firenze
25ª Squadriglia
Gradotenente di cavalleria
GuerrePrima guerra mondiale
DecorazioniMedaglia d'oro al valor militare
Altre carichediplomatico, politico, scrittore e collezionista
voci di militari presenti su Wikipedia

Giacomo Camillo De Carlo (Venezia, 6 aprile 1892Vittorio Veneto, 29 marzo 1968) è stato un ufficiale, aviatore e diplomatico italiano. Giacomo Camillo De Carlo nacque a Venezia il 6 aprile 1892, figlio di Marco e di Paola Morpurgo, sorella del filologo triestino Salomone Morpurgo. Tenente di cavalleria del Regio Esercito durante la Prima guerra mondiale, ricoprì il ruolo di osservatore su velivoli del Corpo Aeronautico Militare si distinse per più episodi che gli valsero diverse decorazioni, venendo insignito anche della medaglia d'oro al valore militare per la sua opera di coordinamento della resistenza al di là delle linee nemiche. Il 7 giugno 1916 volava nella 25ª Squadriglia fino al 10 novembre 1917 ed in seguito fu tra i creatori della Giovane Italia, il reparto segreto che prendeva terra nelle linee nemiche portando informatori in borghese sui Voisin III. Nel periodo interbellico, dal 1931 al 1938, fu a capo dell'amministrazione comunale di Vittorio Veneto.

OnorificenzeModifica

  Medaglia d'oro al valor militare
«In un momento grave e decisivo per le sorti d'Italia, offrivasi per primo, con sublime ardimento, per farsi trasportare, di nottetempo, in aeroplano al di là del Piave, per iscoprire direttamente quanto il nemico macchinasse su quel lembo di Patria strappatoci e accuratamente celato agli altri ordinari mezzi di informazione. Per quasi tre mesi, sostenuto dal vigile affetto delle popolazioni, ma sospettato e ricercato dalla polizia nemica, riusciva, vivendo vita di leggenda, a mandare preziose informazioni e ad organizzare un efficace servizio. Falliti i tentativi di ritorno per via aerea, scelse quella di mare, rientrando per riferire di persona ed offrirsi nuovamente al rischioso cimento. Fulgido esempio di valore e di audacia, rinnovava imprese che già, nei tempi tristi della straniera tirannide, avevano fatto tremare gli oppressori ed aperto la via alla redenzione.»
— Fronte del Piave, giugno - agosto 1918. (data conferimento: 29 aprile 1923)[1]
  Medaglia d'argento al valor militare (2)
  Medaglia di bronzo al valor militare

NoteModifica

  1. ^ De Carlo Giacomo Camillo, su Il sito ufficiale del Presidente della Repubblica, http://www.quirinale.it/. URL consultato il 23 settembre 2014.

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN102920959 · ISNI (EN0000 0000 7307 6330 · LCCN (ENn2009071310 · WorldCat Identities (ENn2009-071310