Apri il menu principale

Camillo Pellegrino (poeta)

poeta e scrittore italiano (1527 – 1603)
Replica alla risposta degli Accademici della Crusca, 1585

Camillo Pellegrino (Capua, 1527Capua, 1603) è stato un poeta, scrittore e presbitero italiano.

Indice

BiografiaModifica

Camillo Pellegrino senior, da non confondere con lo storico omonimo, suo pronipote, fu un rimatore capuano, appartenente a una generazione di famosi poeti della sua terra, tra cui spiccano Giovan Battista Attendolo e Benedetto dell'Uva.

In appendice ad un'antologia che raccoglieva alcune poesie di questi tre autori,[1] apparve con frontespizio proprio un dialogo, Il Carrafa o vero Della epica poesia, stampato a Firenze nel novembre 1584.[2]

Ispiratosi a un colloquio realmente avvenuto presso la Rocca di Mondragone tra Attendolo e Luigi Carafa, principe di Stigliano, il dialogo apre la secolare querelle tra ariosteschi e tasseschi, assegnando a Torquato Tasso la supremazia nella poesia epica, rispetto ad Ariosto. Protagonisti dell'opera sono appunto Attendolo e il principe, e al primo sono riservate le considerazioni tecniche che lo portano a riscontrare nell'autore della Liberata una «poesia nuova» e uno stile all'avanguardia.

In seguito a una risposta stizzita della nascente Accademia della Crusca - in particolare di Leonardo Salviati - sulla supremazia, nella poesia epica, del poeta dell'Orlando Furioso, Pellegrino rispose con una Replica del 1585.[3]

Fu primicerio della cattedrale di Capua e familiare di Matteo di Capua principe di Conca e di Marcantonio Carafa, cui dedicò la sua opera principale, Il Carrafa.[4]

OpereModifica

  • Il Carrafa o vero Della epica poesia. Dialogo, In Firenze, nella stamperia del Sermartelli, 1584.
  • Replica di Camillo Pellegrino alla Risposta degli accademici della Crusca. Fatta contra il Dialogo dell'Epica Poesia in difesa, come e' dicono, dell'Orlando Furioso dell'Ariosto, Vico Equense, Gioseppe Cacchij, 1585.

NoteModifica

  1. ^ Parte delle rime di d. Benedetto Dell'Uva, Giovanbatista Attendolo et Cammillo Pellegrino. Con un brieve discorso dell'epica poesia, In Firenze, nella stamperia del Sermartelli, 1584.
  2. ^ M. L. Doglio, Origini e icone del mito di Torquato Tasso, Roma, Bulzoni, 2002, pp. 41-43.
  3. ^ Pasquale Sorrentino, Nuove considerazioni intorno al dialogo de «Il Carrafa. Ovvero della epica poesia», in Civiltà aurunca, nº 90, aprile-giugno 2013, pp. 7-40.
  4. ^ Dizionario Letterario Bompiani,  p. 115.

BibliografiaModifica

  • Antonio Altamura, Pellegrino, Camillo, in Dizionario Letterario Bompiani. Autori, III, Milano, Bompiani, 1957, p. 115.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN12435147 · ISNI (EN0000 0000 6140 2282 · SBN IT\ICCU\CFIV\094777 · LCCN (ENn2001065974 · GND (DE1060474808 · BNF (FRcb12869409f (data) · BAV ADV11073400