Carlo II d'Amboise

politico e militare francese

Carlo II d'Amboise (Chaumont-sur-Loire, 1473Correggio, 11 febbraio 1511) è stato un politico e militare francese.

Carlo II d'Amboise
Andrea Solario 003.jpg
Ritratto di Carlo II d'Amboise (opera di Andrea Solari, conservato presso il Louvre)
NascitaChaumont-sur-Loire, 1473
MorteCorreggio, 11 febbraio 1511
Luogo di sepolturaCastello di Amboise
EtniaFrancese
ReligioneCattolicesimo
Dati militari
Paese servitoProposed flag of Île-de-France.svg Regno di Francia
Forza armataEsercito Reale Francese
ArmaFanteria, Marina
Anni di servizio15011511
Grado
GuerreGuerra della Lega di Cambrai
Battaglie
Decorazionicavaliere dell’Ordine di San Michele
Altre caricheGovernatore di Milano e di Parigi
voci di militari presenti su Wikipedia

BiografiaModifica

Era figlio di Carlo I d'Amboise (1430-1481), governatore della Champagne e della Borgogna, favorito di Luigi XI, e di Anna di Bueil, dama d'Aubijoux, figlia di Giovanni IV di Bueil e di Marguerite Dauphine d'Alvernia, contessa di Sancerre.

 
Stemma di famiglia

Durante la sua vita fu insignito di diversi titoli ed ebbe varie cariche politiche. Fu signore di Chaumont, di Meillant e di Charenton-du-Cher. Cavaliere dell'Ordine del Re, fu successivamente gran ciambellano, maresciallo e ammiraglio di Francia negli anni 1502, 1504 e 1508. Fu governatore della città di Parigi, del ducato di Milano, della signoria di Genova e della provincia di Normandia. Luogotenente generale in Lombardia nel 1501, assistette il 26 agosto 1502 al solenne ingresso di Luigi XII di Francia nella città di Genova. Nel 1509 combatté nella battaglia di Agnadello.

Fu mecenate di Leonardo da Vinci.

DiscendenzaModifica

Sposò Jeanne Malet de Graville, figlia di Louis Malet de Graville, dalla quale ebbe un figlio, Georges (1503-1525), morto nella battaglia di Pavia del 1525. Ebbe anche un figlio naturale Michel, nato a Napoli intorno al 1510.

OnorificenzeModifica

  Cavaliere dell'Ordine di San Michele

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN120268176 · ISNI (EN0000 0000 7805 0308 · CERL cnp01222328 · GND (DE141011955 · BNF (FRcb14960439n (data) · WorldCat Identities (ENviaf-120268176