Caronte (album)

album dei The Trip del 1971
Caronte
ArtistaThe Trip
Tipo albumStudio
Pubblicazione1971
Dischi1
Tracce5
GenereRock progressivo
EtichettaRCA
The Trip - cronologia
Album precedente
(1970)
Album successivo
(1972)

Caronte (1971) è il secondo album del gruppo di rock progressivo italiano The Trip.

Il discoModifica

Caronte, pubblicato nel 1971, fu l'album di maggior successo e più rappresentativo dei Trip[1]. A differenza del disco precedente (The Trip, 1970), ancora molto legato al rock e al blues anni sessanta, Caronte si ispira chiaramente al rock progressivo britannico, e in particolare a gruppi come King Crimson, Emerson, Lake & Palmer e (in misura minore) Pink Floyd. Gli arrangiamenti, ricchi di contaminazioni con la musica classica, cambiamenti di ritmo, effetti musicali psichedelici e armonie complesse, sono dominati dalle tastiere di Joe Vescovi, emulo ligure di Keith Emerson.

Caronte è un concept album; la storia narrata dai testi riprende il tema dantesco del traghettatore Caronte, reinterpretato però come metafora del perbenismo che condanna i suoi "maledetti" a perdersi ("attraversare il fiume").[2] I due grandi maledetti a cui l'album si riferisce sono Janis Joplin e Jimi Hendrix (a cui sono dedicati rispettivamente Little Janie e Ultima ora e ode a Jimi Hendrix). La copertina del disco si serve di alcune illustrazioni di Gustave Doré. Nell'intera discografia dei Trip, è il Long Playing selezionato per la guida "I 100 migliori dischi del Progressive italiano", del critico Mox Cristadoro, pubblicata nel 2014.

Lista dei braniModifica

  1. Caronte I
  2. Two brothers
  3. Little Janie
  4. L'ultima ora e Ode a Jimi Hendrix
  5. Caronte II

FormazioneModifica

NoteModifica

  1. ^ Fabio Truppi, Il progressive italiano e il mito dell'isola perduta, 7 dicembre 2012 on line su psycanprog
  2. ^ Recensione - Caronte - The Trip - TrueMetal.it, su truemetal.it. URL consultato il 6 marzo 2014 (archiviato dall'url originale il 6 marzo 2014).

Collegamenti esterniModifica

  Portale Rock progressivo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock progressivo