Chamaeza

genere di uccelli

Chamaeza Vigors, 1825 è un genere di uccelli passeriformi della famiglia Formicariidae[1].

Come leggere il tassoboxProgetto:Forme di vita/Come leggere il tassobox
Come leggere il tassobox
Chamaeza
The birds of British Guiana (8294021229).jpg
C. campanisona
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Infraphylum Gnathostomata
Superclasse Tetrapoda
Classe Aves
Sottoclasse Neornithes
Superordine Neognathae
Ordine Passeriformes
Sottordine Tyranni
Infraordine Furnariides
Famiglia Formicariidae
Genere Chamaeza
Vigors, 1825
Specie

EtimologiaModifica

Il nome scientifico del genere, Chamaeza, deriva dall'unione delle parole greche χαμαι (khamai, "al suolo") e ζαω (zaō, "vivere"), col significato di "che vive a terra", in riferimento alle abitudini di vita di questi uccelli.

DescrizioneModifica

 
C. mollissima.

Al genere vengono ascritte specie di dimensioni medio-piccole (19-22,5 cm), dall'aspetto paffuto e massiccio simile a quello delle Pitte, con testa arrotondata munita di becco sottile e appuntito, ali arrotondate e piccole, forti zampe allungate e coda vestigiale e squadrata: la livrea tende al bruno dorsalmente ed al bianco ventralmente, in quest'ultimo caso con le singole penne orlate di scuro a dare un effetto screziato molto mimetico.

BiologiaModifica

Le specie ascritte al genere presentao abitudini di vita diurne, passando la maggior parte della giornata alla ricerca di cibo (costituito principalmente da piccoli invertebrati) al suolo o a poca distanza da esso, da soli o in coppie (si tratta infatti di uccelli monogami, nei quali i due sessi collaborano in tutte le fasi dell'evento riproduttivo), fermandosi di tanto in tanto per emettere i richiami alti e rombanti tipici di questi uccelli.

Distribuzione e habitatModifica

Il genere è endemico del Sudamerica centro-settentrionale, popolando un areale che in molte specie è piuttosto ristretto, ma che va comunque globalmente dalla Colombia a sud fino alla Bolivia centrale, e da qui ad est fino all'Argentina nord-orientale: l'habitat di questi uccelli è rappresentato dalla foresta pluviale con denso sottobosco.

TassonomiaModifica

Al genere vengono ascritte sei specie[1]:

NoteModifica

  1. ^ a b (EN) F. Gill e D. Donsker (a cura di), Family Formicariidae, in IOC World Bird Names (ver 9.2), International Ornithologists’ Union, 2019. URL consultato il 12 gennaio 2019.

Altri progettiModifica

  Portale Uccelli: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di uccelli