Apri il menu principale
Chi
Ferry on river chi.jpg
Piccolo traghetto sul Chi
StatoThailandia Thailandia
RegioniThailandia del Nordest
Lunghezza765 km[1]
Portata media290 m³/s
Bacino idrografico49 480 km²
NasceMonti Phetchabun
SfociaMun
Mappa del fiume

Il fiume Chi (in lingua thai: แม่น้ำชี, RTGS: Mae Nam Chi, IPA: mɛ̂ːnáːm tɕʰīː; in lingua isan: Mae Si, IPA: mɛːsīː) è il fiume più lungo fra quelli che scorrono per intero in Thailandia.[1] È lungo 765 km e si getta nelle acque del Mun, che è più corto ed ha una portata maggiore. Nella stagione delle piogge, la valle del Chi è soggetta a frequenti inondazioni.[2]

Indice

CorsoModifica

Il fiume nasce dai monti Phetchabun nella provincia di Chaiyaphum e attraversa con un percorso tortuoso la parte centrale dell'Altopiano di Korat. Scorre verso est bagnando le province di Khon Kaen e Maha Sarakham, piega poi a sud ed entra nelle province di Roi Et, Yasothon e Sisaket. È il fiume principale delle città di Khon Kaen, Maha Sarakham, Roi Et e Yasothon. Sfocia nel Mun nella provincia di Ubon Ratchathani, pochi chilometri ad ovest della città di Ubon Ratchathani.[1]

PortataModifica

La portata d'acqua annua è di 9,3 km³.[3]

ImportanzaModifica

Il fiume è navigabile e viene impiegato i per trasporti, serve inoltre per usi domestici, agricoli e industriali. Il Chi assume particolare importanza per la pesca, è uno dei corsi d'acqua della regione che fornisce agli abitanti la maggior quantità di pesce, utilizzato per il consumo e la vendita.[1]

Fondamentale per l'irrigazione dei campi, il Chi fu inserito negli anni novanta nel progetto governativo Khong-Chi-Mun, che prevedeva la realizzazione di una rete di canali che unissero le acque di Mekong, Mun e Chi. Lo scopo di tale progetto era di rendere più fertile una larga parte dell'Isan, la cui terra è per tradizione particolarmente secca. Il progetto incontrò vibranti proteste di gruppi ambientalisti, che ne criticavano l'impatto ambientale ed i costi. Nel quadro del progetto, la diga Rasi Salai realizzata sul Mun, i cui costi sono lievitati in corso d'opera da 140 a 871 milioni di baht, ha innescato un disastro ambientale e solo alcuni degli agricoltori che ne hanno subito gli effetti sono stati indennizzati. La diga è stata chiusa definitivamente e molti dei canali previsti non sono mai stati realizzati.[4]

StoriaModifica

Nel XVIII secolo, il sovrano del Regno di Champasak fece trasferire con imbarcazioni sul Chi alcuni dei propri sudditi a colonizzare l'Altopiano di Korat, a quel tempo quasi interamente depopolato. La prima ondata migratoria ebbe luogo nel 1718, quando 3000 laotiani risalirono il fiume e fondarono Suwannaphum, che sarebbe in seguito diventato un distretto della provincia di Roi Et. Fu questo il primo insediamento lungo il fiume e nella zona centrale dell'altopiano.[5] Dopo il fallimento nel 1827 della ribellione del Re di Vientiane Anuvong contro i siamesi, questi ultimi deportarono molti altri laotiani nella valle del Chi. Con la nascita di nuovi centri abitati, i siamesi si garantirono una certa sicurezza militare di cui non avrebbero goduto se la zona fosse rimasta inaccessibile e potenziale rifugio per eventuali ribelli.[5]

NoteModifica

  1. ^ a b c d (TH) Ruamruedee Panchan, Tuantong Jutagate e Supranee Wigraiboon, Fish species composition caught by gillnets: Case study from Chi River, Maha Sarakham province, Thailand (PDF), mijst.mju.ac.th, 10 luglio 2013. URL consultato il 30 maggio 2015.
  2. ^ (EN) Water level in Chi River still high, reliefweb.int
  3. ^ (EN) Delineation of flood hazards and risk mapping in the Chi River Basin, fincid.fi
  4. ^ (EN) Rasi Salai Dam, Thailand, ejatlas.org. URL consultato il 30 maggio 2015.
  5. ^ a b (EN) Brow, James, Population, land and structural change in Sri Lanka and Thailand, in Contributions to Asian studies, Kogan Page, 1976, pp. 47-48, ISBN 90-04-04529-5.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Thailandia: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Thailandia