Apri il menu principale

Chiesa di Nostra Signora della Salute

Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando la chiesa di Venezia, vedi Basilica di Santa Maria della Salute.
Chiesa di Nostra Signora della Salute
La Spezia - Chiesa di Nostra Signora della Salute.JPG
StatoItalia Italia
RegioneLiguria
LocalitàLa Spezia
ReligioneCristiana cattolica di rito romano
TitolareNostra Signora della Salute e San Rocco
Diocesi Spezia-Sarzana-Brugnato
Consacrazione28 maggio 1910
Inizio costruzione1887
Completamento1900

La Chiesa Parrocchiale e Santuario di Nostra Signora della Salute (o anche Madonna della Scorza) alla Spezia è una chiesa cattolica e sorge nel centro storico cittadino, in piazza Benedetto Brin, nel cuore del quartiere Umberto I.

StoriaModifica

La costruzione del sacro edificio avvenne nel 1887 nell'ambito della realizzazione del nuovo quartiere popolare Umberto I; fu portato a termine nel 1900 seppur ancora mancante di alcuni elementi architettonici della facciata: i due campanili dalle cupole neo-barocche vennero infatti ultimati solo nel 1912.
La lapide commemorativa posta all'interno del battistero, collocata nel 1910 in occasione della solenne consacrazione da parte del vescovo Giovanni Carli, ricorda che il tempio venne edificato per desiderio del suo predecessore Giacinto Rossi, su progetto dell'architetto Maurizio Dufour e che venne aperto al culto dal 1900.

La chiesa veniva ad ereditare nome e devozione dell'antico tempio adiacente il Convento dedicato alla Madonna della Scorza , che risaliva alla seconda metà del XVI secolo e che sorgeva nell'area dell'attuale viale Ferrari.
Di quell'oratorio, ampliato nell'Ottocento e poi demolito in seguito allo spostamento della Stazione ferroviaria dall'area di Valdellora all'attuale sede della Stazione centrale, rimangono oggi solo alcune colonne riutilizzate nell'edificio dell'ex Hotel Terminus, edificato tra il 1906-08 ad opera dell'architetto Zanazzo e oggi in profonda fase di recupero e restauro.

DescrizioneModifica

 
Crocifisso ligneo

L'interno presenta una sola navata voltata con matronei ai lati del presbiterio e un altare maggiore barocco di marmo che risale al 1771; le decorazioni interne sono state realizzate da Costa, Navarrini e Bifoli.

Il trono posto a circa undici metri da terra è "protetto" da quattro colonne di marmo giallo di Verona con sculture e decorazioni in marmo di Carrara, dove si trova la venerata effigie della Madonna della Salute, olio su tela che prima era conservato in sede sconosciuta. Infatti origine e autore sono ignoti; sembra comunque che sia opera risalente al XVI secolo. La tela è stata adornata nel 1925 da diademi in oro realizzati fondendo gioielli e monili donati dai parrocchiani.

Altre opere conservate all'interno dell'edificio.

Sulla cantoria in controfacciata si trova l'organo a canne Tamburini opus 92, costruito nel 1925 ed inaugurato il 10 ottobre dello stesso anno con un concerto di Ulisse Matthey. Restaurato nel 1991 dalla medesima ditta costruttrice, è a trasmissione penumatico-tubolare e dispone di 22 registri su due manuali e pedale.

CuriositàModifica

Nella piazza Brin antistante la chiesa c'è la Fontana delle Voci, opera dello scultore Mirko Basaldella (1956).

Galleria d'immaginiModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica