Chiesa di San Biagio (Catania)

edificio religioso di Catania
(Reindirizzamento da Chiesa di Sant'Agata alla Fornace)
Chiesa di San Biagio
Catania - Chiesa di San Biagio.jpg
Sant'Agata alla Fornace o san Biagio, Catania
StatoItalia Italia
RegioneSicilia
LocalitàCatania
ReligioneCristiana cattolica
TitolareSan Biagio
Arcidiocesi Catania

Coordinate: 37°30′26″N 15°05′05″E / 37.507222°N 15.084722°E37.507222; 15.084722

La chiesa di San Biagio,[1] detta anche chiesa di Sant'Agata alla Fornace,[1] è un chiesa cattolica di Catania, nel quartiere San Biagio della Calcarella o Anfiteatro romano di Catania, e sorge all'estremità occidentale di piazza Stesicoro.

StoriaModifica

 
Navata.
 
Portale.
 
Controfacciata.

La chiesa costruita nel XVIII secolo dopo il tremendo terremoto del 1693,[1] sorge - per volontà dell'arcivescovo Andrea Riggio[1] - sul luogo ove, secondo la tradizione, era ubicata la fornace in cui Sant'Agata subì il martirio. Infatti, dopo essere stata rinchiusa in carcere per non aver voluto abiurare alla sua fede, venne prima sottoposta alle torture con il fuoco e quindi le furono asportate le mammelle.

EsternoModifica

La facciata della chiesa è dell'architetto Antonino Battaglia, che ha progettato altre chiese di Catania dopo il terremoto del 1693, in stile neoclassico con colonne binate che sostengono un timpano triangolare.

InternoModifica

L'interno è ad una sola navata molto lineare e sobrio. Sull'altare maggiore una tela settecentesca dell'Addolorata, talvolta sostituita da una statua della Madonna. Ingegnoso l'artificio dell'altare maggiore, arricchito da volute e colonne e dalle statue di san Giovanni Evangelista e santa Maria Maddalena.

Parete destraModifica

  • Cappella di San Biagio.
  • Cappella di Sant'Andrea Apostolo.

   

Parete sinistraModifica

  • Cappella della Sacra Famiglia.
  • Cappella di San Giovanni Nepomuceno.

   

TransettoModifica

Transetto destro: Cappella di sant'Agata. Sopra l'altare dal magnifico paliotto in marmi policromi, si conservano protetti da una teca i resti della fornace (carcarella) in cui subì il martirio la Santa, la cui scena è riprodotta nell'affresco di Giuseppe Barone del 1938. Una lapide posta sotto l'altare cita:

(LA)

«Hic Vultata est Candentibus»

(IT)

«Qui fu voltata tra i carboni ardenti.»

(cartella dell'altare)

Transetto sinistro: Cappella del Santissimo Crocifisso.

   

OrganoModifica

L'organo a canne è frutto di una ricostruzione fedele all'originale di uno strumento di scuola siciliana della prima metà del XVIII secolo, operata dai Fratelli Ruffatti nel 1978; lo strumento dispone di 12 registri su unico manuale e pedale.[2]

NoteModifica

  1. ^ a b c d Francesco Ferrara, pp. 536.
  2. ^ Ennio Cominetti, Mirabile strumento, su suonare.it. URL consultato l'8 marzo 2019.

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Galleria d'immaginiModifica

 

Altri progettiModifica