Apri il menu principale

Claudia Vinciguerra

giornalista, critico cinematografico e critico televisivo italiana

BiografiaModifica

Figlia di Mario Vinciguerra, intellettuale antifascista, Claudia Vinciguerra perse la madre a soli tre anni. Trascorse la sua infanzia a Napoli, dove ebbe modo di stringere amicizia con le figlie di Benedetto Croce[1].

Critico cinematografico a Il Giorno, divenne poi un personaggio televisivo proponendo le sue surreali recensioni (condite sovente da gaffe, da risate fragorose e dal suo forte accento romanesco), per la qual cosa divenne oggetto di imitazioni da parte dell'attore Teo Teocoli. Le sue apparizioni in tv aumentarono dagli anni novanta. Collaborò soprattutto con la trasmissione domenicale Mattina in famiglia di Rai 2, condotta da Tiberio Timperi e Miriam Leone: in essa la giornalista analizzava i programmi televisivi della settimana appena trascorsa, affiancando inoltre Gianni Ippoliti nella lettura dei giornali di cronaca rosa.

Morì la mattina di domenica 12 settembre 2010 all'Ospedale San Carlo di Nancy di Roma[2], dove era stata ricoverata a causa di un malore.[3]

NoteModifica

  1. ^ [1] accesso=13-09-2010
  2. ^ Ansa.it, Morta Claudia Vinciguerra critica della tv, 13-09-2010. URL consultato il 13-09-2010.
  3. ^ Marco Giovannelli, È morta Claudia Vinciguerra, critico tv "vittima" delle imitazioni di Teo Teocoli, in Il Messaggero, 12 settembre 2010. URL consultato il 13-09-2010 (archiviato dall'url originale il 15 settembre 2010).

Collegamenti esterniModifica