Miriam Leone

attrice, conduttrice televisiva ed ex modella italiana (1985-)

Miriam Leone (Catania, 14 aprile 1985) è un'attrice, conduttrice televisiva ed ex modella italiana, vincitrice di Miss Italia 2008.

Miriam Leone
Miriam Leone cropped.jpg
Miriam Leone a Miss Italia 2008
Altezza176 cm
Scarpe40 (UE)
Occhiverdi
Capellicastani
MissItalia 2008

Divenuta popolare con la vittoria del noto concorso di bellezza, si è rapidamente affermata come conduttrice televisiva, intraprendendo poi la carriera di attrice. Per il suo lavoro in campo interpretativo ha ottenuto due Nastri d'argento, un Ciak d'Oro e una candidatura al David di Donatello per la migliore attrice protagonista.

BiografiaModifica

Miriam Leone nasce a Catania, in Sicilia, il 14 aprile 1985. Vive la sua gioventù ad Acireale, figlia di un insegnante di lettere, Ignazio Leone, e di Gabriella Leotta, impiegata presso il comune di Aci Catena. Ha un fratello minore di nome Sergio.[1][2] Frequenta il liceo classico "Gulli e Pennisi" ad Acireale e al termine degli studi superiori si iscrive alla facoltà di Lettere e filosofia dell'Università degli Studi di Catania, non terminando però gli studi.

La giovane siciliana partecipa al concorso Miss Italia nel 2008 con il titolo di Miss Prima dell'Anno. Dopo essere stata inizialmente eliminata nel corso del programma, viene successivamente ripresa in gara e si aggiudica in finale la fascia di Miss Italia 2008, oltre al titolo di Miss Cinema attribuitole da Anna Strasberg dell'Actors Studio, che le assegna anche una borsa di studio.[3]

Dal giugno al settembre 2009 conduce su Rai 1, Unomattina estate in coppia con Arnaldo Colasanti.[4] Sempre per la stessa rete, il 6 agosto 2009 conduce, assieme a Massimo Giletti, la serata Mare latino. Dal 26 settembre 2009 è alla conduzione, insieme a Tiberio Timperi, su Rai 2 di Mattina in famiglia, conduzione confermata anche per la stagione 2010-2011, con il programma spostato su Rai 1. Nel 2010 avviene il suo debutto come attrice sia sul grande schermo con il film Genitori & figli - Agitare bene prima dell'uso, di Giovanni Veronesi, sia sul piccolo schermo con il film TV Il ritmo della vita, diretto da Rossella Izzo e trasmesso su Canale 5.[4]

Nel 2011 conduce su Rai 1 le premiazioni ai Nastri d'argento. Per la stagione 2011-2012 viene nuovamente confermata alla conduzione di Mattina in famiglia, che in quest'annata cambia il suo titolo in Unomattina in famiglia, sempre affiancata da Tiberio Timperi.

Dal settembre 2011 entra a far parte del cast dell'undicesima stagione della fiction Distretto di Polizia in onda su Canale 5, dove interpreta il personaggio di Mara Fermi, una escort d'alto bordo. Nel novembre è al fianco di Ale e Franz come spalla comica in A&F - Ale e Franz Show in onda su Italia 1. Entra nel cast del film I soliti idioti - Il film, uscito nel 2011, ed è protagonista di un episodio della quinta stagione della sitcom Camera Café in onda su Italia 1. Il 28 dicembre 2011 prende parte alla puntata pilota dello sketch-show di Rai 4 Big End - Un mondo alla fine, con Francesco Mandelli e Fabrizio Biggio.[5] Dal 18 aprile 2012 conduce su Rai Movie il programma Drugstore dedicato a cinema e cultura digitale.

Nell'autunno 2012, oltre a condurre nuovamente assieme a Timperi una nuova edizione di Unomattina in famiglia, recita al fianco di Terence Hill nella seconda stagione della fiction di Rai 1 Un passo dal cielo[4] e inoltre conduce, assieme ad Enrico Bertolino, il varietà comico di seconda serata Wikitaly - Censimento Italia in onda su Rai 2. Viene in seguito riconfermata, sempre in coppia con Tiberio Timperi, alla conduzione di Unomattina in famiglia anche per l'edizione 2013-2014, ma decide di intraprendere appieno la carriera di attrice.[6]

Partecipa al film Fratelli unici di Alessio Maria Federici,[4] dove è protagonista al fianco di Raoul Bova, Luca Argentero e Carolina Crescentini. Poi è in La scuola più bella del mondo di Luca Miniero,interpretando a fianco di Christian De Sica, Rocco Papaleo, Angela Finocchiaro e Lello Arena, film distribuito nelle sale nel novembre 2014.[4] Nello stesso anno appare, accanto a Claudio Gioè, anche nel decimo episodio della seconda stagione della fiction Il tredicesimo apostolo, trasmessa su Canale 5. Nello stesso periodo veste anche i panni della contessa Clara Grandi in Fossà, la protagonista femminile de La dama velata,[7] feuilleton in costume ambientato in Trentino tra la fine dell'Ottocento e gli inizi del Novecento, in onda su Rai 1 per la regia di Carmine Elia, dove è affiancata da Lino Guanciale. La serie italo-spagnola torna in replica nel 2022 riscontrando, a distanza di sette anni dalla prima messa in onda, un ottimo successo televisivo.

In seguito prende parte alla serie tv di Sky Italia 1992,[8] ambientata nella Milano di Tangentopoli, in cui interpreta il personaggio di Veronica Castello, un'aspirante showgirl pronta a tutto pur di sfondare in televisione.[9]

Nei primi mesi del 2015 inizia a girare la fiction poliziesca Non uccidere,[10] ancora sotto la regia di Gagliardi, che viene trasmessa dall'autunno dello stesso anno su Rai 3, dove interpreta anche qui la protagonista, l'ispettrice di polizia Valeria Ferro, specializzata nella risoluzione di crimini maturati in comunità chiuse ed in ambiente domestico-familiare.

Tra il 2015 e il 2016 la Leone è sul set di tre pellicole cinematografiche: In guerra per amore di Pif, Fai bei sogni di Marco Bellocchio (tratto dall'omonimo romanzo di Massimo Gramellini) e Un paese quasi perfetto di Massimo Gaudioso.[4] Nel 2016 è, inoltre, nel cast totalmente rinnovato della storica trasmissione di Italia 1 Le Iene, assieme a Geppi Cucciari e Fabio Volo. Del cast fanno parte anche Pif e Nadia Toffa, che però condurranno, sempre con Geppi Cucciari, il secondo appuntamento settimanale del programma.[11]

In seguito è co-protagonista del film TV di Rai 1 In arte Nino sulla vita di Nino Manfredi, accanto ad Elio Germano.[12] È anche tra gli interpreti della produzione kolossal internazionale I Medici, serie televisiva incentrata sulla celebre famiglia fiorentina, e inoltre torna a vestire sia i panni di Valeria Ferro nella seconda stagione di Non uccidere (che passa da Rai 3 a Rai 2), sia quelli di Veronica Castello in 1993, seconda serie della trilogia dedicata agli anni di Tangentopoli.[13] Inoltre viene scelta da Gucci come testimonial, insieme ad altre modelle, della campagna Cruise Resort 2018.[14]

Nella primavera del 2018 torna al cinema come protagonista della commedia dei registi esordienti Giancarlo Fontana e Giuseppe Stasi, Metti la nonna in freezer, dove recita accanto a Fabio De Luigi, Lucia Ocone e Barbara Bouchet.[15] In seguito è ancora protagonista al cinema del thriller Il testimone invisibile diretto da Stefano Mordini, in cui recita accanto a Riccardo Scamarcio e Fabrizio Bentivoglio, che viene distribuito nelle sale dal 13 dicembre 2018.[16] Le riprese del film si sono svolte tra Roma e il Trentino, per la durata di sei settimane.[17]

Nell'autunno 2018 riprende per l'ultima volta i panni di Veronica Castello, iniziando a girare la serie televisiva di Sky Italia 1994, ultimo capitolo della trilogia dedicata agli anni di Tangentopoli, che viene trasmessa sul canale Sky Atlantic nell'autunno 2019.[18]

Nel 2021 interpreta Eva Kant nel film Diabolik diretto dai Manetti Bros., in cui è affiancata da Luca Marinelli.[19] A inizio anno affianca Roberto Bolle alla conduzione di Danza con me, programma di Rai 1. Ad ottobre è al cinema per la regia di Simone Godano, affiancata da Stefano Accorsi, in Marilyn ha gli occhi neri.

Nel marzo 2022, accanto a Pierfrancesco Favino, per la regia di Riccardo Milani, torna al cinema con Corro da te. Nel medesimo anno viene nominata Italian Brand Ambassador della casa di gioielleria e alta gioielleria italiana Bulgari. A novembre riprende i panni di Eva Kant in Diabolik - Ginko all'attacco!, affiancata questa volta da Giacomo Gianniotti, oltre che essere al cinema anche con War - La guerra desiderata di Gianni Zanasi, con Edoardo Leo.

Vita privataModifica

Dal 18 settembre 2021 è sposata con Paolo Carullo, musicista e manager di Caltagirone. La cerimonia religiosa ha avuto luogo presso la chiesa di Santa Maria La Nova a Scicli.[20]

FilmografiaModifica

CinemaModifica

TelevisioneModifica

VideoclipModifica

TelevisioneModifica

PubblicitàModifica

RiconoscimentiModifica

  • Premio Afrodite
    • 2021 – Migliore attrice protagonista per L'amore a domicilio
  • Premio Fabrique du Cinema
    • 2015 – Attrice rivelazione

NoteModifica

  1. ^ Alessandra B, Miriam Leone in una veste tutta nuova! Spunta lo scatto inedito, su chenews.it, 11 maggio 2020. URL consultato il 14 gennaio 2021 (archiviato il 22 luglio 2020).
  2. ^ Miriam Leone: «Anche brutti va bene», su vanityfair.it, 4 ottobre 2014. URL consultato il 14 gennaio 2021 (archiviato il 26 novembre 2020).
  3. ^ Miss Italia è Miriam Leone, siciliana dai capelli rossi, in La Repubblica, 14 settembre 2008. URL consultato il 14 settembre 2008 (archiviato il 5 settembre 2018).
  4. ^ a b c d e f Biografia di Miriam Leone, su comingsoon.it. URL consultato il 28 novembre 2019 (archiviato il 2 ottobre 2019).
  5. ^ Michele Biondi, Big End: su Rai 4 il 28 dicembre si ironizza sulla fine del mondo, in TV Blog, 27 dicembre 2011. URL consultato il 28 dicembre 2011 (archiviato il 14 gennaio 2012).
  6. ^ [1] Archiviato il 30 giugno 2013 in Internet Archive. lanostratv.it
  7. ^ La dama velata, intervista a Miriam Leone, su sorrisi.com, 13 marzo 2015. URL consultato il 25 gennaio 2016 (archiviato il 1º febbraio 2016).
  8. ^ Miriam Leone torna in tv con 1992 – La Serie e Non uccidere. Poi il cinema, su lanostratv.it, 2 gennaio 2016. URL consultato il 25 gennaio 2016 (archiviato il 30 gennaio 2016).
  9. ^ 1992 Serie tv Sky Cinema personaggi Archiviato il 13 novembre 2013 in Internet Archive. tvblog.it
  10. ^ Rai tre, Non uccidere: tutto il cast della serie tv con Miriam Leone, su cinquequotidiano.it, 15 gennaio 2016. URL consultato il 25 gennaio 2016 (archiviato il 19 gennaio 2016).
  11. ^ Le iene 2016, adesso è ufficiale: ecco chi sono i nuovi conduttori, su si24.it, 18 gennaio 2016. URL consultato il 25 gennaio 2016 (archiviato il 1º febbraio 2016).
  12. ^ In arte Nino, Miriam Leone a Blogo: "Interpretare Erminia Manfredi è privilegio e responsabilità insieme" (VIDEO), su tvblog.it, 22 settembre 2017. URL consultato il 28 novembre 2019 (archiviato il 28 novembre 2019).
  13. ^ Alvaro Moretti, Miriam Leone: "Con 1993 una discesa agli inferi, incarno la tv dei falsi sorrisi", su leggo.it, 12 maggio 2017. URL consultato il 16 maggio 2017 (archiviato il 15 maggio 2017).
  14. ^ La Gucci Cruise Resort 2018, su mgmagazine.it, 7 giugno 2017. URL consultato il 15 settembre 2017 (archiviato il 15 settembre 2017).
  15. ^ Metti la nonna in freezer... e ridi: Miriam Leone e Fabio De Luigi piacciono e divertono, su cinema.popcorntv.it, 9 aprile 2018. URL consultato il 9 aprile 2018 (archiviato il 10 aprile 2018).
  16. ^ 'Il testimone invisibile', Scamarcio e Miriam Leone nel thriller di Natale, su video.repubblica.it, 12 novembre 2018. URL consultato il 25 novembre (archiviato il 26 novembre 2018).
  17. ^ Il testimone invisibile: trailer e poster del thriller con Riccardo Scamarcio, su cineblog.it, 16 novembre 2018. URL consultato il 25 novembre 2018 (archiviato il 26 novembre 2018).
  18. ^ 1994, Miriam Leone racconta il personaggio di Veronica Castello VIDEO, su tg24.sky.it, 29 settembre 2019. URL consultato il 28 novembre 2019 (archiviato il 29 settembre 2019).
  19. ^ Miriam Leone è una sexy e sensuale Eva Kant sul set di "Diabolik": guarda le prime immagini del film in arrivo, su tgcom24.mediaset.it, 11 ottobre 2019. URL consultato il 28 novembre 2019 (archiviato il 9 dicembre 2019).
  20. ^ Miriam Leone si sposa, ecco chi è il futuro marito Paolo Carullo, su vanityfair.it, 18 settembre 2021. URL consultato il 18 settembre 2021 (archiviato il 18 settembre 2021).
  21. ^ David di Donatello 2022, tutte le candidature, su rai.it.
  22. ^ Francesco Gallo, Nastri d'argento: in lizza per la premiazione a Taormina anche l'attrice Miriam Leone, in La Sicilia, 30 maggio 2018. URL consultato il 30 settembre 2018 (archiviato il 30 settembre 2018).
  23. ^ Nastri d’argento 2021, ecco tutti i vincitori, su rollingstone.it. URL consultato il 22 giugno 2021 (archiviato il 22 giugno 2021).

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN315940194 · ISNI (EN0000 0004 4879 1497 · LCCN (ENno2018112819 · GND (DE1070190365 · WorldCat Identities (ENlccn-no2018112819