Apri il menu principale

StoriaModifica

Nel medioevo, Conches-sur-Gondoire era solamente un monastero situato sulla cima di un colle. Durante le guerre di religione del Cinquecento, la maggior parte del monastero fu bruciata e distrutta da una banda di soldati protestanti.

Del complesso originale rimangono soltanto la chiesa (XII secolo), una cripta gotica con una colonne e capitelli, uno stagno quadrato circondato dai pietre ed alcuni cottage.

Una di queste case appartenne a pittore francese Maurice Boitel che dipinse molti paesaggi di questa zona durante la seconda parte del XX secolo. Durante gli anni sessanta, la casa di Boitel fu il punto d'incontro di molti pittori, musicisti e scienziati come Gabriel Deschamps, Pierre Gaillardot, Pierre Dejean, Mario Faustino-Lafetat, Louis Vuillermoz, Rodolphe Caillaux, Andrée Bordeaux Le Pecq, Albert Besson, Gustave Ribaud, Daniel du Janerand, Françoise Ardré e molti altri.

MonumentiModifica

La chiesa del XII secolo, il castello del XIX secolo ed il suo parco aperto ai visitatori.

SocietàModifica

Evoluzione demograficaModifica

Abitanti censiti

 

NoteModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN136487594 · LCCN (ENnr95027482 · WorldCat Identities (ENnr95-027482
  Portale Francia: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Francia