Apri il menu principale

EtimologiaModifica

Il nome scientifico della specie, woodfordi, rappresenta un omaggio a Charles Morris Woodford, naturalista e governatore coloniale inglese.

DescrizioneModifica

DimensioniModifica

Misura 40-41 cm di lunghezza, per 555-615 g di peso[3]: a parità d'età, i maschi sono più grossi e pesanti rispetto alle femmine[3].

AspettoModifica

 
Veduta ventrale di esemplare impagliato.

i tratta di uccelli dall'aspetto robusto e massiccio, muniti di testa arrotondata con becco lungo, appuntito e lievemente ricurvo verso il basso, con collo robusto, ali digitate, zampe forti e coda squadrata e piuttosto corta.

Il piumaggio si presenta interamente di colore nero lucido, con presenza di riflessi metallici verdi sulla testa e purpurei su corpo e ali.
I due sessi sono del tutto simili nella colorazione.

Il becco, come intuibile dal nome comune, è di colore bianco avorio, con punta nera: anche la base della mandibola superiore appare di questo colore, che tuttavia è dato dalle lunghe vibrisse presenti attorno alle narici ed orientate in avanti. Le zampe sono di colore nerastro: gli occhi sono invece di colore bianco-azzurrino.

BiologiaModifica

Il corvo beccobianco è un uccello dalle abitudini di vita essenzialmente diurne e moderatamente gregarie, che di notte dormono riuniti fra i rami di un albero in gruppi di una quindicina d'individui, mentre durante il giorno si muovono nella canopia e fra i rami alti alla ricerca di cibo, attività che viene svolta da soli, in coppie o in piccoli gruppi di 3-4 individui.

Il richiamo di questi uccelli è rappresentato da un breve gracchio rimbombante che suona come wah-wah: esso ricorda il richiamo dell'affine corvo di Torres, rispetto al quale si presenta più acuto e veloce.

AlimentazioneModifica

Si tratta di uccelli onnivori, la cui dieta è incentrata sul consumo di insetti (in particolar modo coleotteri), artropodi ed altri invertebrati, nonché delle loro larve e da cibi di altra origine, come frutta, bacche, semi, granaglie e piccoli vertebrati.

RiproduzioneModifica

Le informazioni sulla riproduzione di questi uccelli sono molto scarse e limitate all'osservazione di esemplari che si approssimavano ad andare in amore durante i mesi di giugno-luglio, il che farebbe pensare a un periodo riproduttivo durante la primavera australe[3]: per il resto, si ha motivo di ritenere che i costumi riproduttivi del corvo beccobianco siano analoghi, per modalità e tempistica, a quelli osservabili nelle altre specie di corvo.

Distribuzione e habitatModifica

Il corvo beccobianco è endemico delle Isole Salomone, dele quali popola la porzione centrale e sud-orientale (isole di Choiseul, Santa Isabel e Guadalcanal).

L'habitat di questi uccelli è costituito dalla foresta pluviale tropicale di pianura e collina (con predilezione per quest'ultima), spingendosi fino a 1250 m di quota[3].

TassonomiaModifica

Secondo alcuni, il corvo beccobianco sarebbe da accorpare col corvo di Bougainville, col quale però non sembrerebbe presentare un'affinità filogenetica particolarmente stretta[3].

Alcuni autori riconoscerebbero una sottospecie vegetus del sud di Santa Isabel[3], tuttavia la specie viene generalmente considerata monotipica[2].

NoteModifica

  1. ^ (EN) BirdLife International 2012, Corvus woodfordi, su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2018.2, IUCN, 2018.
  2. ^ a b (EN) Gill F. and Donsker D. (eds), Family Corvidae, in IOC World Bird Names (ver 9.1), International Ornithologists’ Union, 2019. URL consultato il 30 ottobre 2018.
  3. ^ a b c d e f (EN) White-billed Crow (Corvus woodfordi), su Handbook of the Birds of the World. URL consultato il 30 ottobre 2018.

Altri progettiModifica

  Portale Uccelli: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di uccelli