Creative Scotland

Creative Scotland
Alba Chruthachail
(Comhairle Ealain na h-Alba)
StatoScozia
Istituito2010
PredecessoreScottish Arts Council
Chief ExecutiveJanet Archer
ChairSir Richard Findlay (Presidente)
BilancioBilancio 2014/2015 (PDF)
IndirizzoWaverley Gate, 2-4 Waterloo Place, Edimburgo EH1 3EG, Regno Unito
Sito webwww.creativescotland.com

Creative Scotland (gaelico scozzese: Alba Chruthachail, al̪ˠapə xɾuhəxal) è l'ente di sviluppo delle arti e industrie creative (cinema & teatro) della Scozia. Basato a Edimburgo, è un organo pubblico esecutivo del Governo scozzese.[1]

L'ente ha assorbito le funzioni dello "Scottish Screen" e dello Scottish Arts Council in data 1º luglio 2010 e ha l'ulteriore mandato di appoggiare e promuovere l'applicazione di abilità creative nelle industrie artistiche, umanistiche e cinematografiche.[2]

Sin dalla nascita, l'ente Creative Scotland è stato coinvolto in alcune controversie con importanti personaggi delle arti e del cinema nazionali. Nel 2012, 400 artisti, scrittori, drammaturghi e musicisti hanno protestato contro la gestione dell'ente, provocando le dimissioni del direttore esecutivo di allora, Andrew Dixon.[3][4] Nel marzo 2011, Creative Scotland è stato al centro di un dibattito al Parlamento scozzese a causa di spese sospette, come il finanziamento di GB£58.000 ad un programma di danza basato sulle opere di Alfred Hitchcock ed un viaggio a Tonga per studiare le danze polinesiane.[5][6] Nel gennaio 2015, l'ente è stato biasimato da alcuni registi per avere offerto meno della metà del denaro necessario ad un film di grande importanza che doveva essere girato in Scozia, al che la produzione si trasferì nel Galles.[7][8]

ObiettiviModifica

Gli obiettivi di Creative Scotland sono:[9]

  • promuovere l'apprezzamento e il piacere delle arti e della cultura;
  • identificare, sostenere e sviluppare il talento e l'eccellenza nelle arti e nella cultura;
  • far realizzare tutti i benefici delle arti e della cultura;
  • collaborare con associati per assistere le industrie creative.

NoteModifica

  1. ^ "Who We Are", sul sito ufficiale.
  2. ^ "What We Do", sul sito ufficiale.
  3. ^ "Under-fire Creative Scotland chief quits after rebellion", articolo di Brian Ferguson su The Scotsman del 4 dicembre 2012.
  4. ^ "Creative Scotland chief quits after artists' revolt", articolo di Phil Miller su The Herald Scotland del 4 dicembre 2012.
  5. ^ "Creative Scotland" su Scots Language Centre.
  6. ^ "Official Report", Relazione parlamentare, sul sito ufficiale del Parlamento scozzese.
  7. ^ "Film makers slam Creative Scotland over lack of funding as Glasgow misses out on Hollywood blockbuster", su The Daily Record del 21 gennaio 2015.
  8. ^ "Scottish film industry 'left to wither' and lags behind neighbours, Holyrood finds", di Libby Brooks su The Guardian del 18 febbraio 2015.
  9. ^ "Creative Scotland defends using National Lottery proceeds to fund arts", articolo di Philip Askew, su edinburghnapiernews.com del 25 novembre 2014.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN237144782999967904080 · ISNI (EN0000 0004 0606 7054 · WorldCat Identities (ENlccn-no2011037116
  Portale Scozia: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Scozia