Crema bavarese

Crema bavarese
Bavarian cream, strawberries, caramel sauce, spoon.jpg
Una bavarese guarnita con fragole e caramello
Origini
Luogo d'origineFrancia Francia
Dettagli
Categoriadolce
Ingredienti principali
  • latte
  • uova
  • zucchero
  • panna/albumi/altro
  • addensante
[1]

La crema bavarese, o più semplicemente bavarese, viene comunemente descritta sui manuali di pasticceria come un apparecchio liquido, aromatizzato o meno, addensato con gelificanti animali (come la colla di pesce) o vegetali (come l’agar agar) e reso più soffice dall'addizione di un elemento montato (panna, albumi o altro). Ne esistono di dolci e di salate.

Il nomeModifica

Il dolce prende il nome dalla regione tedesca della Baviera. Va notato come comunemente si tenda a utilizzare il nome bavarese preceduto dall'articolo femminile, magari sottintendendo la parola "crema"; tuttavia, il termine corretto sarebbe al maschile, in quanto deriva dal francese bavarois (e gli si potrebbe sottintendere la parola "budino"). La bavarese vera e propria, però, non è un dolce, ma una bevanda[2] di origine tedesca composta da tè, latte e liquore importata in Italia come bevanda all'inizio del '700 dai cuochi francesi al servizio dei Wittelsbach, casa regnante di Baviera. Nel secolo successivo, in Francia, nacque il dolce bavarese, ispirato appunto alla bevanda bavarese.

La preparazioneModifica

Nei budini che derivano dalla famiglia dei bavaresi la base è costituita da crema inglese: si porta ad ebollizione il latte con eventuali aromi e vi si scioglie la colla di pesce precedentemente ammollata, cioè ammorbidita. Si sbattono i tuorli con lo zucchero e gli altri ingredienti con funzione aromatica (cacao, cioccolato, caffè e liquori, puree di frutta fresca o secca), aggiungendovi il latte una volta sfiorato il bollore. Quindi si rimette in casseruola il composto e lo si cuoce senza far bollire, mescolando a lungo. Una volta cotto, si lascia intiepidire mescolando di tanto in tanto, aggiungendo poi, una volta raffreddato completamente, la panna, gli albumi o un surrogato rigorosamente semimontati. La parziale montatura dell’elemento alleggerente consente, in fase di incorporazione tra le due parti, di montare ulteriormente il composto senza il rischio di smontarlo con effetto spiacevole la perdita di volume.

Può essere servita come dolce al cucchiaio, essere usata come farcitura o fare da base per preparazioni più elaborate.

NoteModifica

  1. ^ Bavaresi alla crema, su Corriere della Sera. URL consultato il 19 novembre 2014.
  2. ^ Bavarése in Vocabolario, su treccani.it. URL consultato il 19 novembre 2014.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica