Direzione centrale della polizia criminale

(Reindirizzamento da Criminalpol)

La Direzione centrale della polizia criminale (abbreviato Criminalpol) è una direzione del dipartimento della pubblica sicurezza del Ministero dell'Interno della Repubblica Italiana.

StoriaModifica

La Criminalpol nacque negli anni sessanta ad opera del capo della polizia Angelo Vicari, come divisione per il coordinamento (concetto mutuato da altri corpi stranieri) in Italia dell'Interpol con alcuni servizi investigativi interni.

Fu poi istituita nel 1984, come direzione centrale, ed oggi è uno dei cardini dell'attività di polizia italiana.

FunzioniModifica

Coordina le investigazioni di polizia giudiziaria a livello nazionale, raccoglie ed elabora i dati e le informazioni connesse ai criminali più rilevanti e ai latitanti[1], gestisce i collaboratori di giustizia e supporta a livello tecnico-scientifico gli organi investigativi e l'Autorità Giudiziaria.

Ha il compito della cooperazione internazionale con i paesi esteri nella lotta al crimine organizzato (Interpol), con reciproco scambio di informazioni e di strategie operative.[2]

È guidata dal Vice direttore generale della pubblica sicurezza - Direttore Centrale della Polizia Criminale. Dal marzo 2019 è il Prefetto Vittorio Rizzi.

Servizio Cooperazione Internazionale di PoliziaModifica

Il D.M. del 25 ottobre 2000, al fine di potenziare le attività di cooperazione di polizia a livello tecnico-operativo e di assistenza giudiziaria, ha accorpato le preesistenti strutture tecnico-operative a proiezione internazionale (il Servizio Interpol, la Divisione S.I.Re.N.E. e l'Unità nazionale Europol) istituendo il Servizio per la Cooperazione Internazionale di Polizia (S.C.I.P.), a cui per gli aspetti della cooperazione tecnico-operativa tutte le strutture del Dipartimento della Pubblica Sicurezza e delle altre Forze di Polizia debbano far riferimento.

Il Servizio ha tra i suoi compiti:

Cooperazione internazionale con i paesi esteri nella lotta al crimine organizzato con reciproco scambio di informazioni e di strategie operative e procedure finalizzate a combattere i fenomeni criminosi transnazionali più preoccupanti (traffico di stupefacenti, riciclaggio, traffico di autoveicoli, falso nummario, criminalità informatica ed ambientale).

Per tali compiti il Servizio si avvale dell'apporto fornito da 5 Divisioni:

  • Divisione I^ Affari Generali;
  • Divisione II^ Interpol - Reati contro la persona;
  • Divisione III^ Interpol - Reati contro il patrimonio;
  • Divisione IV^ Europol - Unità Nazionale Europol;
  • Divisione V^ S.I.Re.N.E. (Supplementary Information Request at the National Entries).

NoteModifica

Voci correlateModifica