I Damocloidi sono un piccolo gruppo di asteroidi che prende il nome dall'asteroide 5335 Damocles (Damocle); è stato l'astronomo giapponese Akimasa Nakamura a definire per primo questo gruppo di oggetti indicando i criteri per l'appartenenza al gruppo.[1]

Un asteroide per essere definito un Damocloide deve avere determinate caratteristiche orbitali:

Questi parametri sono tipici delle comete, per questo gli astronomi ritengono che i Damocloidi non siano altro che comete dormienti e, in un certo numero di casi, osservazioni successive hanno mostrato che effettivamente si trattava di comete, avendo questi oggetti sviluppato chiome e code cometarie. Probabilmente i criteri per la definizione dei Damocloidi sono influenzati dal basso numero di oggetti e una più completa definizione potrebbe comprendere criteri con parametri diversi.

I Damocloidi costituiscono una classe di oggetti complementare a quella dei Centauri avendo in comune solo i semiassi maggiori superiori a quello del pianeta Giove.

Attualmente sono classificati come Damocloidi oltre 40 oggetti: quasi la metà presenta orbite retrograde (inclinazione oltre i 90°), i 3/4 eccentricità superiori a 0,8, quasi la metà ha periodi superiori a 100 anni.

Poco si sa sulla loro natura fisica: presentano albedo tra i più bassi tra i corpi del Sistema solare, il loro colore è rossastro e oltre l'80% ha diametri compresi tra i 2,5 km e i 15 km.

EsempiModifica

Numero Nome o designazione provvisoria
5335 5335 Damocles
20461 20461 Dioretsa
65407 2002 RP120
154783 2004 PA44
- 1999 XS35

NoteModifica

  1. ^ Akimasa Nakamura and bas, List of Damocloids (Oort cloud asteroids), Lowell Observatory, 2 maggio 2009. URL consultato il 15 febbraio 2017.
  2. ^ David Jewitt, The DAMOCLOIDS, UCLA, Department of Earth and Space Sciences, August 2013. URL consultato il 14 febbraio 2014. (2013 list / 2011 list / 2010 list)

Collegamenti esterniModifica