Apri il menu principale
Epiro e dintorni nell'antichità.

I Dassareti, o Dessaroi, (in greco antico: Δασσαρέται o Δεξάροι) furono una tribù greca dell'Epiro stanziata fra il monte Amyron (Tomorr) e il lago Lychnitis (Ohrid) sul confine con l'Illiria.[1][2] Erano una sottotribù nordica dei Caoni.[3] Strabone, citando Teopompo, delle quattordici tribù epirote, che parlavano con un forte accento greco (una delle quali era quella dei Dessareti).[4] Nel VI secolo a.C., il geografo Ecateo di Mileto descrisse i Dessareti, come la più nordica tribù della Caonia, popolo di lingua greca che risiede vicino alla tribù illirica degli Enchili.[5] Le loro città erano Pellion, Antipatrea, Crisondio, Gertus (o Gerous) e Creonion.[2]

Un tribù illirica dal nome uguale o simile si trovava più a nord tra la Dardania e la terra degli Ardiei, che è spesso confusa con quella dei Dassareti del gruppo di Caonia.[6] Ciò è confermato dal fatto che Illirio, secondo Appiano di Alessandria, aveva una figlia, Dassaro, dalla quale nacque la tribù illirica dei Dassareti.[7]

NoteModifica

  1. ^ Boardman e Hammond,  p. 265; Lewis e Boardman,  p. 423.
  2. ^ a b Wilkes,  p. 98.
  3. ^ Lewis e Boardman,  p. 432; Sakellariou,  p. 55.
  4. ^ Strabone. Geography, VII.7.5.
  5. ^ Lewis e Boardman,  p. 423 (Hecataeus, FGrH I F 103).
  6. ^ Lewis e Boardman,  p. 423; Wilkes,  p. 174.
  7. ^ Appian. History of Rome, "The Illyrian Wars", §2.

BibliografiaModifica

  Portale Antica Grecia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di antica Grecia