David Berry

attore canadese
David Berry con la moglie Kristina Tesic

David Berry (Toronto, 18 gennaio 1984) è un attore australiano, meglio noto per il ruolo di Lord John Grey in Outlander.

InfanziaModifica

Berry è nato a Toronto in Canada da genitori australiani che si sono trasferiti a Sydney, quando egli aveva appena sette anni. prima di diventare attore ha lavorato come gionalista. Si è formato presso il National Institute of Dramatic Art australiano (NIDA), da cui si è laureato nel 2010.[1]

CarrieraModifica

Nel 2012, Berry ha interpretato Logan Meyer nella soap opera Home and Away. Nello stesso anno è apparso come guest star in un episodio di Miss Fisher - Delitti e misteri.[1][2]

Nel 2013, Berry si è unito al cast principale del dramma A Place to Call Home nel ruolo di James Bligh, un uomo torturato dalla sua omossessualità nell'Australia degli anni cinquanta.[2][3]

Nell'agosto 2016, è stato annunciato che Berry sarebbe entrato nel cast della serie televisiva dell'emittente televisiva Starz Outlander nel ruolo di Lord John Grey.[4][5][6]

Vita privataModifica

David Berry ha sposato Kristina Tesic nel 2012.[1] Hanno un figlio nato nel 2016.[2]

FilmografiaModifica

NoteModifica

  1. ^ a b c A Place To Call Home: David Berry, Yahoo! TV Australia. URL consultato il 1º agosto 2017 (archiviato dall'url originale il 10 giugno 2013).
  2. ^ a b c Valarie Kinney, Outlander new boy David Berry settles into fatherhood after birth of adorable tot, in Daily Record, 3 febbraio 2017. URL consultato il 1º agosto 2017.
  3. ^ Shannon Molloy, Shunned, abused and tortured: David Berry portrays what many gay men endured in 1950s Australia, News.com.au, 26 settembre 2015. URL consultato il 1º agosto 2017.
  4. ^ Denise Petski, Outlander Casts David Berry As Lord John Grey, Deadline, 29 agosto 2016. URL consultato il 29 agosto 2016.
  5. ^ Lynette Rice, Outlander finds its Lord John Grey, Entertainment Weekly, 29 agosto 2016. URL consultato il 29 agosto 2016.
  6. ^ Outlander Finds Its Lord John Grey in David Berry, Variety, 29 agosto 2016. URL consultato il 29 agosto 2016.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN6446152502857110800003 · LCCN (ENno2018051031 · WorldCat Identities (ENlccn-no2018051031