Apri il menu principale

Dean Parisot

regista, autore e produttore cinematografico e televisivo statunitense

Dean Parisot, (Aldo L. "Dean" Parisot) (Wilton, 1952), è un regista statunitense.

Indice

BiografiaModifica

Parisot nacque a Wilton, nel Connecticut, da Ellen James (nata Lewis), pittrice e insegnante d'arte e da Aldo Parisot, noto violoncellista e pedagogo di origini brasiliane.[1] Si è laureato alla Tisch School of the Arts della New York University. Prese parte al June Lab del Sundance Institute.

Ha vinto l'Oscar nel 1988 come miglior cortometraggio d'azione dal vivo per The Appointments of Dennis Jennings, che è stato co-sceneggiato e interpretato dal comico Steven Wright, con il quale condivide il premio. Tra i suoi crediti televisivi ci sono episodi di Monk (tra cui l'episodio pilota di due ore Mr. Monk and the Candidate), Un medico tra gli orsi e Curb Your Enthusiasm.

Dal 2012 è stato programmato per dirigere la terza puntata del franchise Bill and Ted.[2] Nel maggio 2018 è stato confermato che Bill & Ted Face the Music era attualmente in pre-produzione.[3]

Dean Parisot è stato sposato con la montatrice Sally Menke fino alla sua morte nel 2010;[4] la coppia ha avuto due figli.[5][6]

FilmografiaModifica

NoteModifica

  1. ^ Cello Teacher With a License to Dazzle, in The New York Times, 17 aprile 2009.
  2. ^ Claude Brodesser, Bill & Ted May Ride Again for a Third Film, Vulture. URL consultato il 26 luglio 2013.
  3. ^ Alex Ritman, 'Bill & Ted Face the Music' is actually happening, some 29 years after the duo's first excellent adventure., in The Hollywood Reporter, 8 maggio 2018. URL consultato l'8 maggio 2018.
  4. ^ (EN) Dave Itzkoff, Sally Menke, Film Editor for Tarantino and Other Directors, Is Dead, su ArtsBeat, The New York Times, 28 settembre 2010. URL consultato il 5 dicembre 2018.
  5. ^ Wedding announcement in '' New York Times'', in The New York Times, 10 agosto 1986. URL consultato il 26 luglio 2013.
  6. ^ Ellen Lewis Betrothed; Yale Fine Arts Student to Be Bride of Aldo Parisott, in The New York Times, 10 giugno 2012. URL consultato il 26 luglio 2013.

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN2678582 · ISNI (EN0000 0000 3715 9323 · LCCN (ENn99032256 · GND (DE132159279 · BNF (FRcb141265960 (data)