Apri il menu principale

Dialetto lecchese

Dialetto della lingua lombarda
Lecchese
Lecchés
Parlato inItalia (Provincia di Lecco)
Tassonomia
FilogenesiLingue indoeuropee
 Italiche
  Romanze
   Galloromanze
    Galloitaliche
     Lombardo
      Lombardo Occidentale
       Lecchese
Mappa Dialetti lombardi.svg

Distribuzione geografica dettagliata dei dialetti del lombardo. Legenda: L01 - lombardo occidentale; L02 - lombardo orientale; L03 - lombardo meridionale; L04 - lombardo alpino

Il dialetto lecchese è un dialetto appartenente alla variante occidentale della lingua lombarda. È parlato nella città di Lecco, in alcuni comuni limitrofi, in Valsassina e sulla sponda orientale del Lago di Como. È considerato il dialetto "cerniera" tra il lombardo occidentale e quello orientale.[1][2]

Indice

Correlazione con altri dialettiModifica

Il dialetto attuale risente, secondo le zone, di influssi sia del bergamasco, che del brianzolo, che del comasco. Per tale motivo spesso si assiste ad una base linguistica comune con innesti ed influenze, più o meno forti, secondo le zone.

VariantiModifica

Sulle sponde orientali del lago di Como e nel ramo del lago di Lecco è parlato un dialetto molto prossimo al lecchese del capoluogo, con minime influenze dal dialetto comasco nella zona dell'alto lago. In Valsassina invece assume delle caratteristiche proprie, che lo differenziano maggiormente: tra paese e paese, si sono sviluppate notevoli differenze causate dalle non facili possibilità di frequentazione nei secoli passati, soprattutto nelle valli più isolate delle montagne del lago. A sud-ovest di Lecco, il dialetto del capoluogo è parlato solo nei comuni più vicini, mentre allontanandosi sfuma nel brianzolo; a sud - est, in Valle San Martino è parlato il dialetto bergamasco, una variante appartenente al ramo orientale della lingua lombarda, che si è diffuso grazie al legame di lunga data che lega la Valle a Bergamo[3] (le parlate locali nella zona occidentale della Valle tuttavia risentono della vicinanza a Lecco e di conseguenza il vernacolo locale presenta delle affinità con il dialetto lecchese del quale riprende diverse parole[4]).

CaratteristicheModifica

Si differenzia dal comasco e dal brianzolo, avvicinandosi al bergamasco, in parecchi vocaboli: es. bagai (bambino) invece di fioö di milanese-comasco; negòt (niente) invece di nient, vergòt (qualcosa) invece di quei cos, ecc.

Il dialetto lecchese (soprattutto quello di Lecco centro) non si allontana molto dal milanese. In alcuni rioni di Lecco però, che furono nel corso della storia indipendenti, troviamo differenze rispetto al dialetto di Lecco (centro storico).
Il lecchese, per la sua posizione di confine con il lombardo orientale, ha influenze bergamasche.
Confrontando il lecchese con il milanese, troviamo le seguenti differenze:

  • Vi sono [ts] e [dz], in sostituzione del milanese [s] e [z]:
    • "nazione": mil. [na'sjũ], lec. [na'tsjuŋ] (un tempo [na'tsjoŋ], come nel comasco e nel laghee).
  • Esiste la O chiusa [o], che in milanese non troviamo.
    • mil alter, lec. alter/olter.
    • saroo: mil. [sa'ruː], lec. [sa'roː] e.v.i.
  • Le parole che finiscono in -ona non vengono pronunciate -òna ma -óna, sia i nomi che i verbi:
    • mil. la padròna ['la pa'drɔna]→ lec. la padróna ['la pa'druna].
    • mil. lù el sòna ['ly 'ɛl 'sɔna]→ lec. lù el sóna ['ly 'ɛl 'suna].
  • Sotto l'influenza del bergamasco, tante U mutano in OEU [ø]:
    • tutt: toeutt.
    • : soeu.
  • Questa mutazione si può trovare qualche volta (ma non sempre) in posizioni nasali (come nel dialetto laghee, ma anche nel dialetto bustocco o nel dialetto pavese):
    • mil. nissun, lec. nissun/nissoeun (ma fem. nissuna), "nessuno"
    • mil. vun, lec. vun/voeun, "uno"
    • mil. numm/nun, lec. numm/noeumm e nun/noeun/noeugn, "noi"
  • Un tempo si utilizzava spesso sg [ʒ] anziché la G dolce:
    • sgiògiò.
  • Nelle parlate più ariose, la terminazione nasale -IN diviene -EN. Questa caratteristica si ha anche nel dialetto bergamasco della Val San Martino: galìna = sm. galéna.
    • mil. piscinin, lec. arios piscinen.
  • Sempre nelle parlate ariose, la E aperta milanese si pronuncia stretta:
    • mil. dialètt, lètt; lec. arios dialétt, lécc.
  • Inoltre ad Acquate, Maggianico e Chiuso si ha una scomparsa dei suoni nasali, allungando così la vocale finale:
    • bon [bũ] → boo [buː].
    • can [kã] → caa [kaː].
    • ben [bẽ] → bee [beː].
  • La I corta diventa una E stretta (influenza bergamasca):
    • mil. inscì → lec. inscé/iscé (berg. issé)
    • mil. → lec. (berg. )
  • I verbi possono avere a seconda delle zone, delle forme differenti.
    • mil. che mì fudessi/fussi; lec. che mé fudessi/fudess/foeuss/fussi.

Tra le particolarità che lo differenziano dal comasco troviamo:

  • L'articolo determinativo maschile è come nel milanese (anche se in alcuni dialetti della Valsassina non è così):
    • mil. el = com. ol = lec. el.
  • La schwa tende alla E invece che alla A:
    • com. ol dialett da Comm = lec. el dialett de Lecch.

La formazione del pluraleModifica

Vengono elencate le caratteristiche che lo differenziano dal milanese:

  • Maschile
    • -OEU → OEUI (non sempre)
    • -IL → -II (non sempre)
      • el badili badii
    • -IN/-EN → -ETT (non sempre)
  • Femminile
    • -ISTA → -EST
      • la pianistai pianést.
    • -INA/-ENA → -ENN
      • la scarpinai scarpenn.
    • -UJA → -OEUJ (non sempre)
      • la fregujai fregoeuj.
    • -OLA → OI (minga semper)
      • la parolai paroi.
    • -ELLA → -ELL/-EI
      • la sorellai sorell/sorei.
      • la stellai stell/i stei.
      • la campanellai campanell.
    • -ONA → -ÒNN ['ɔn](Lecch), -ÓNN ['on] (dialetto arioso), -ONE ['une] (Acquate e San Giovanni)
    • -UCIA → -OEUCC
    • -UGGIA → -OEUGG
    • -UCCA → -OEUCCH
      • la zuccai zoeucch.
    • -ÉMA → -ÈMM
      • la bestémai bestèmm.
    • -OSSA → -ÓSSA ['osa]
    • -ICIA → -ECC
    • -IA→ -ÉI
    • -ITA/-IPA/-IMA/-ILA → -ET/-EP/-EM/-EL
      • la vitai vétt
      • la pipai pépp
      • la scimai scémm
      • la pilai péll
    • -RLA/-RNA/-BRA/-VRA/-GRA/-TRA → -RLI/-RNI/-BRI/-VRI/-GRI/-TRI (non sempre)
      • la sganzerlai sganzerli.
      • la gibernai giberni.
      • la zebrai zebri.
      • la manovra → i manovri (ma anche i manover).
      • la sagra → i sagri (ma anche i sagher).
      • la giostra → i giostri (ma anche i gioster).
      • la cavrai caver.
    • -ISSA → -ESS
      • la bissai bess.
    • Ad Aquate e San Giovanni inoltre i participi passati femminili plurali terminano, come nel bergamasco, con la E:
      • la pesciadai pesciade (Lecco: i pesciad)
    • Sempre in quei rioni, vi sono altre parole che terminano con la /e/:
      • la covai cove.

I verbiModifica

Verbo essereModifica

  • Indicativo presente: mi soo, ti te see, lù l'è, nuun mé sé, violtri sii, lor i èi.
  • Indicativo imperfetto: mi seri, ti te seret, lù l'era, nuun serem, violtri serev, lor erei.
  • Indicativo futuro: mi saroo, ti te saree, lù l'sarà, nuun saremm, violtri sarii, lor i sarà.
  • Congiuntivo presente: che mi sia, che ti te se, che lù' sii, che nuun me se, che violtri siev, che lor i sies.
  • Congiuntivo imperfetto: che mi fudesi, che ti te fudeset, che lù l fudess, che nuun me fudess, che violtri fudessev, che lor i fudesse.
  • Condizionale presente: mi saresi, ti te sareset, lù al saress, nuun saresem, violtri saresef, lor i saress.

Verbo avereModifica

  • Indicativo presente: mé gh'hoo, té te gh'heet, lù el gh'ha, noeugn gh'emm, violter gh'hii/avii, lor i gh'ha/gh'hann.
  • Indicativo imperfetto: mé gh'avevi/eri, té te gh'avevet/eret, lù el gh'aveva/era, noeugn gh'avevem/erem, violter gh'avevev/evev, lor i gh'aveva/era/aveven/eren.
  • Indicativo futuro: mé gh'avaroo/aroo, té te gh'avareet/areet, lù el gh'avarà/arà, noeugn gh'avaremm/aremm, violter gh'avarii/arii, lor i gh'avarà/arà/avarann/arann.
  • Congiuntivo presente: che mé gh'abbia, che té te gh'abbiet, che lù el gh'abbia, che noeugn gh'abbiem, che violter gh'abbiev, che lor i gh'abbia/abbien.
  • Congiuntivo imperfetto: che mé avessi/avess, che té te gh'avess, che lù el gh'avess, che noeugn gh'avessem, che violter gh'avessev, che lor i gh'avess/avessen.
  • Condizionale presente: mé gh'avaressi/aressi/aress/avaria, té te gh'avaresset/aresset/avariet, lù el gh'avaress/aress/avaria, noeugn gh'avaressem/aressem/avariem, violter gh'avaressev/aressev/avariem, lor i gh'avaress/aress/avaressen/aressen/avarien.

Verbo andareModifica

  • Indicativo presente: mé voo, té te veet, lù el va, noeugn andemm/vemm/nemm, violter andii/vii/nii, lor i vann.
  • Indicativo imperfetto: mé andavi/navi, té t'andavet/navet, lù l'andava/nava, noeugn andavem/navem, violter andavev/navev, lor i andaven/naven.
  • Indicativo futuro: mé andaroo/naroo, té t'andareet/nareet, lù l'andarà/narà, noeugn andaremm/naremm, violter andarii/narii, lor i andarann/narann.
  • Congiuntivo presente: che mé vaga/naga, che té te vaghet/naghet, che lù el vaga/naga, che numm vaghem/naghem, che violter vaghev/naghev, che lor i vaghen/naghen.
  • Congiuntivo imperfetto: che mé andassi/andessi/nassi, che té te andasset/nasset, che lù l'andass/nass, che numm andassem/nassem, che violter andassev/nassev, che lor i andassen/nassen.
  • Condizionale presente: mé andaressi/andaress/andaria/naress/ naressi/naria ecc.
  • Participio passato: andaa/naa.

Altre particolaritàModifica

  • mil. mì toeuvi → lec. mé toeuvi/mé toeuj.
  • mil. tolt, tolta → lec. toeui/tovuu, toeuda/tovuda.
  • mil. mì fasevi, tì te fasevet ecc. → lec. mé fasevi/favi, té te fasevet/favet ecc.
  • mil. mì vegnivi, tì te vegnivet ecc. → lec. mé vegnivi/vegnevi, té te vegnivet/vegnevet ecc.
  • mil. mì savevi, tì te savevet ecc. → lec. mé savevi/seri, té te savevet/seret ecc.
  • mil. mì savaroo, tì te savareet ecc. → lec. mé savaroo/saroo, té te savareet/sareet ecc.

Esempi di dialettoModifica

Ona novella del VottcentModifica

Disi donca che in di temp del primm re de Cipri, dopo che la Terra Santa l'è stada conquistada da Gottifred de Buglion, l'è succeduu che ona donna nobila de Guascogna l'è andada come pellegrina al Sepolcher e, tornand indree, arrivada a Cipri, l'è stada maltrattada da certi baloss. E per quest, rabbiada foeura de moeud, l'ha pensaa de presentà i sò quarell al re; quaighedun gh'hann ditt de minga trà via el fiaa, perché 'sto re l'era inscì on cojon che minga domà l'era gnanch bon de fà vendetta per i olter ma, de ciolla, el taseva anca quand l'era insultaa lù stess, e se quaighedun gh'aveva on quai dispiasè, el se sfogava addoss a lù. La sciora, sentuu 'sta storia, disperand de vendicàss, la s'è determinada de fà capì el sò debol a 'sto re e, piangend, la s'è presentada a lù e la gh'ha ditt: "Maestà, mé vegni minga ché per vess vendicada di ingiuri che m'è staa faa; ma almen desideri de savè come te feet a supportà inscì pacificament i tort che, come hoo sentuu a dì, té te ricevet, perché almen poda imparà a dàmm pas dei mè dispiasè, che Dio lo sa se mé i regaleress volontera, dal moment che te seet faa inscì polid a supportài". El re, che fin allora l'era semper staa pigher e poltron, come 'l se foeuss dessedaa, cominciand dai tort faa a 'sta sciora, el s'è miss a vendicà semper tutt i ingiuri che se foeuss faa a la soa dignità.[5]

La Parabola del Fioeu Trason (el bagai spendascion)Modifica

On omm el gh'era duu bagai. E chell pussee gioven el gh'ha dii al sò pà: "Oh, pà, damm la part che me pertocca!" e 'l pà l'ha spartii la soa robba in tra i sò duu bagai.
On quai dé dopo, mettuu insemm i sò robb, el bagai pussee gioven l'è partii per andà in d'on sitt lontan. Là l'ha majaa foeu toeutt i sò danee cont ona vita de baldoria.
Quand che 'l gh'ha avuu pioeu gnà cinch ghei, gh'è ruvaa ona gran carestia in del paes indove che l'era e allora el bagai l'ha taccaa a paté la famm.
L'è naa a lavorà in de vun de chell paes e 'l sò padron l'ha mandaa in di sò camp a stàggh adree ai porscei.
El bagai el voreva impiendes el venter cont i giand che mangiaven i porscei, ma nissun gh'ja dava.
Allora, in tra de lù, l'ha pensaa: "Quanti operari in cà del mè pà i gh'ha pan fina ch'i voeuren, e mé inveci chechiscé moeuri de famm!
Levaroo soeu, naroo in del mè pà e ghe disaroo: Oh, pà, hoo faa peccaa contra el Signor e contra de tè!
Me meriti pioeu de vess ciamaa el tò bagai, trattem come vun di tò operari."
L'è levaa soeu e l'è 'ndaa in del sò pà. Prima anmò de ruvà a cà, el sò pà l'ha veduu, el s'è ciappaa compassion, el gh'è corruu incontra, el gh'ha traa i brasc al coll e l'ha basaa.
Allora el bagai el gh'ha dii: "Oh pà, hoo faa peccaa contra el Signor e contra de té, me meriti pioeu de vess ciamaa el tò bagai".
Ma el pà el gh'ha déi ai sò servidor: "Soeu, soeu, portii el vestii pussee bell e mettìghel soeu, mettìgh on anell al dii e i scarp ai pee;
portee scià el vedell chell grass, coppìll e dopo mangemm e femm festa!
Perché chell bagai l'era mort e l'è tornaa in vita, el s'era perduu e l'emm trovaa anmò". E i hann taccaa a fà festa.
Ma el sò bagai pussee grand l'era in del loeugh e quand che l'è tornaa a cà l'ha sentuu a sonà e cantà.
Allora l'ha ciamaa vun di servidor per savè 'se l'era succeduu cossè.
El servidor el gh'ha dii: "L'è ruvaa el tò fradell e 'l tò pà l'ha mazzaa el vedell chell grass perché l'ha ritrovaa san e salv".
Allora el fradell el s'è inrabbii e 'l voreva mia 'ndà dent in cà.
El sò pà l'è andaa de foeu e 'l s'è mettuu a pregàll.
Ma el bagai el gh'ha responduu inscé al sò pà: "L'è tanti ann che te servissi e hoo semper faa toeutt chell che t'heet voruu, ma té te m'heet mai daa on cavrett de mangià cont i mè amis.
Ma 'dess che 'l mè fradell l'ha mangiaa foeu toeutt cont i puttann, té t'heet mazzaa per lù el vedell chell grass".
Ma el pà el gh'ha dii: "Car el mè bagai, té te seet semper insemm a mé, e toeutt chell che l'è mè l'è anca tò;
l'era de giusta de fà festa perché 'l tò fradell l'era mort e l'è tornaa in vita, el s'era perduu e l'emm trovaa ancamò".
(Vocabolario Italiano-Lecchese e Lecchese-Italiano, 2001)

NoteModifica

  1. ^ Cortelazzo, 1988, p. 28.
  2. ^ Cortelazzo, 1988, p. 64.
  3. ^ Val San Martino Spot. Dialetto Bergamasco, su valsanmartinospot.it. URL consultato il 1º ottobre 2018 (archiviato il 10 agosto 2018).
  4. ^ Antonio Martinelli, La Valle San Martino nella storia, Istituto Grafico Litostampa Gorle, 1987, p. 24, ISBN non esistente.
  5. ^ Giovanni Papanti, Parlari italiani in Certaldo, 1875, pagg. 186-187

BibliografiaModifica

  • AA. VV., Parlate e dialetti della Lombardia. Lessico comparato, Mondadori, Milano 2003.
  • Clemente Merlo, Italia dialettale, n.24 del 1960-61.
  • Glauco Sanga, Dialettologia lombarda. Lingue e culture popolari, Dipartimento di Scienza della Letteratura dell'Università di Pavia, 1984.
  • Manlio Cortelazzo, Profilo dei dialetti italiani, Pacini, 1988.
  • Angelo Biella, Virginia Favaro Lanzetti, Luciana Mondini e Gianfranco Scotti,VOCABOLARIO ITALIANO-LECCHESE E LECCHESE-ITALIANO, Editore Cattaneo, 1991