Apri il menu principale

Dinazzano Po

impresa ferroviaria italiana
Dinazzano Po
Logo
StatoItalia Italia
Forma societariaSocietà per azioni
Fondazione2002
Sede principale
GruppoTPER[2]
SettoreTrasporto
Prodottilogistica, manovra e trazione ferroviaria
Sito web
Manovre a Reggio Emilia
Treno con locomotiva 1900 007

Dinazzano Po è il nome dell'impresa ferroviaria italiana che dal 2014 è subentrata a TPER nella trazione di treni merci e nello svolgimento di manovre su alcune linee e impianti centrate sull'area emiliano-romagnola.

Settori di attivitàModifica

L'azienda svolge, in qualità di impresa ferroviaria, servizi di condotta, formazione e verifica su infrastrutture RFI e FER, nonché attività di manovra negli scali di Dinazzano, Guastalla, Rubiera, Reggio Emilia, Modena, Ferrara, Bondeno, Ravenna[3] e Parma (scalo Barilla)[4][5].

StoriaModifica

 
Locomotiva 850 006

L'azienda nacque nel 2002 come società di gestione controllata da Azienda Consorziale Trasporti (ACT) di Reggio Emilia e dalla allora neocostituita Ferrovie Emilia Romagna (FER)[6], per la gestione dello scalo merci di Dinazzano, posto lungo la ferrovia Reggio Emilia-Sassuolo e inaugurato nel 1985[7].

Uno scalo di minori dimensioni venne successivamente aperto a San Giacomo di Guastalla, a servizio della Padana Tubi[6], il cui utilizzo fu in seguito ridimensionato a causa della crisi economica[8].

Negli anni si susseguirono alcune variazioni societarie con l'ingresso nella compagine societaria della SAPIR, operatore logistico del porto di Ravenna e della relativa Autorità Portuale[9]; tale apporto consentì di riorganizzare le manovre nel nodo ferroviario di tale città[10] e il subentro di TPER a FER.

Nel giugno 2012 è stata perfezionata da parte di TPER la cessione a Dinazzano Po del proprio ramo d'azienda del settore merci[9].

Dati societariModifica

La licenza di impresa ferroviaria merci in possesso di Dinazzano Po è la numero 64, rilasciata il 15 ottobre 2012[11][12]; il Certificato di Sicurezza per operare su rete RFI (parte a) è stato rilasciato dall'Agenzia Nazionale per la Sicurezza Ferroviaria (ANSF) il 15 aprile 2014[13]; analogo certificato per la rete FER è stato rilasciato il 6 agosto 2014[14].

L'operazione deliberata nel 2012 dall'Assemblea dei Soci di Dinazzano Po relativa al conferimento di ramo d'azienda TPER, comportò la ricapitalizzazione della Società con un aumento del capitale sociale, elevato a 38.705.000,00 Euro.[9].

Materiale di trazioneModifica

All'avvio delle attività come impresa ferroviaria a Dinazzano Po venne trasferito l'intero parco locomotive TPER fino ad allora utilizzato per la trazione e la manovra. Il Vehicle Keeper Marking che identifica tale impresa come detentore è costituita dalla sigla "DPO"[15].

Contestualmente furono ordinati veicoli di nuova costruzione quali la locomotiva da manovra MDD 4[16] realizzata dalla bulgara Express Service[17] e la locomotiva da treno Vossloh D 284 002, primo esemplare del modello Eurolight a circolare in Italia[18][19][20]. Locomotive di questo tipo sono destinate a soppiantare il gruppo di unità D 220, che sono state dunque messe in vendita[21].

A fine 2014 Dinazzano Po disponeva in totale di un parco di 34 locomotive, di cui 22 immatricolate nel Registro di Immatricolazione Nazionale (RIN)[22] e dunque atte alla circolazione su rete RFI.

Materiale motore - prospetto di sintesiModifica

Unità Tipologia Quantità Costruttore Anni di costruzione Note
D 200 014-024 Locomotive Diesel da treno 11 Vossloh 2003/06 Tipo G 2000, omologate per servizio su rete RFI
D 220 (numerazioni varie) Locomotive Diesel da treno 9 MaK, Kraus Maffei 1956/57 In corso di alienazione, omologate per servizio su rete RFI
E 483 023-024 Locomotive elettriche da treno 2 Bombardier 2009 Tipo TRAXX, omologate per servizio su rete RFI
D 284 002 Locomotiva Diesel da treno 1 Vossloh 2014 Tipo Eurolight, in corso di omologazione per servizio su rete RFI
MDD 4 Locomotiva Diesel da manovra 1 Express Service 2014
850 003-006 Locomotiva Diesel da manovra 4 Henshel 1959/60 Tipo DB 279
Dj 474 Locomotiva Diesel da manovra 1 MaK 1966 ex DB 211 138
DE 145 012-013 Locomotiva Diesel da manovra 2 FIAT 1994/95
DE 122 009-010 Locomotiva Diesel da treno 2 IMPA 1989/90
1900.007-008 Locomotiva Diesel da treno 2 Krupp 1960 ex DB 216 001, 006

NoteModifica

  1. ^ a b Contattaci, su www.dpspa.it, DINAZZANO PO S.p.A.. URL consultato il 18 luglio 2015 (archiviato il 19 gennaio 2015).
  2. ^ Assetto societario, su www.dpspa.it, DINAZZANO PO S.p.A.. URL consultato il 18 luglio 2015 (archiviato il 19 gennaio 2015).
  3. ^ Informativa sul sito aziendale. URL consultato nel gennaio 2015.
  4. ^ Notizia su I Treni, n. 387, dicembre 2015, p. 6.
  5. ^ Notizia su Tutto Treno, n. 302, dicembre 2015, p. 6.
  6. ^ a b Informativa sul sito aziendale. URL consultato nel gennaio 2015.
  7. ^ Notizia su I Treni, n. 47, febbraio 1985, p. 9.
  8. ^ Scalo di San Giacomo deserto La Padana Tubi molla la Fer e torna al trasporto su camion, in Gazzetta di Reggio, 26 gennaio 2011. URL consultato nel gennaio 2015.
  9. ^ a b c Informativa sul sito aziendale. URL consultato nel gennaio 2015.
  10. ^ Notizia su I Treni, n. 365, dicembre 2013, p. 4.
  11. ^ Notizia su Tutto Treno, n. 2806, giugno 2014, p. 7.
  12. ^ Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, Imprese ferroviarie titolari di licenza
  13. ^ Sito Agenzia Nazionale per la Sicurezza delle Ferrovie. URL consultato nel gennaio 2015.
  14. ^ Informativa sul sito aziendale. URL consultato nel gennaio 2015.
  15. ^ Informativa sul sito aziendale. URL consultato nel gennaio 2015.
  16. ^ Notizia su I Treni, n. 372, luglio 2014, p. 10.
  17. ^ MDD-4 - Scheda tecnica sul sito dell'importatore. URL consultato nel gennaio 2015.
  18. ^ Notizia su Tutto Treno, n. 279, novembre 2013, p. 8.
  19. ^ Notizia su Tutto Treno, n. 375, novembre 2014, p. 6.
  20. ^ Notizia su Tutto Treno, n. 290, novembre 2014, p. 8.
  21. ^ Informativa sul sito aziendale. URL consultato nel gennaio 2015.
  22. ^ Informativa sul sito aziendale. URL consultato nel gennaio 2015.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica