Apri il menu principale
Cela
Sede vescovile titolare
Dioecesis Cœlena
Patriarcato di Costantinopoli
Sede titolare di Cela
Mappa della diocesi civile di Tracia (V secolo)
Vescovo titolare sede vacante
Istituita 1933
Stato Turchia
Diocesi soppressa di Cela
Suffraganea di Eraclea
Eretta circa V secolo
Soppressa circa VIII secolo
sede trasferita a Madito
Dati dall'annuario pontificio
Sedi titolari cattoliche

La diocesi di Cela (in latino: Dioecesis Cœlena) è una sede soppressa del patriarcato di Costantinopoli e una sede titolare della Chiesa cattolica.

StoriaModifica

Cela, identificabile con Kilya nella penisola di Gallipoli in Turchia, è un'antica sede vescovile della provincia romana di Europa nella diocesi civile di Tracia. Faceva parte del patriarcato di Costantinopoli ed era suffraganea dell'arcidiocesi di Eraclea.

Sono tre i vescovi conosciuti di questa antica sede episcopale: Cirillo prese parte al concilio di Efeso del 431 e a causa di un dolore alla mano firmò al suo posto il prete Selenespondio[1]; Teotecno sottoscrisse nel 458 la lettera dei vescovi della provincia di Europa all'imperatore Leone dopo la morte del patriarca Proterio di Alessandria[2]

Al concilio di Nicea del 787 fu presente il vescovo Leonide, la cui sottoscrizione come "vescovo di Cela" accompagna la definizione di fede conciliare, dopo l'ultima seduta. Questo vescovo tuttavia, in liste precedenti del medesimo concilio, si firma come "vescovo di Madito o Cela" (Μάδυτα ἤτοι Κύλα). Questa titolatura indica che l'antica sede di Cela fu trasferita nel corso dell'VIII secolo nella vicina città di Madito, e che per un certo periodo, come attesta il concilio niceno, l'antico titolo continuò ad essere usato accanto a quello nuovo di Madito.[3]

Le Notitiae Episcopatuum del patriarcato di Costantinopoli riflettono questa evoluzione. Le più antiche Notitiae, dal VII alla prima metà del IX secolo, riportano solo la diocesi di Cela; con la Notitia attribuita all'imperatore Leone VI e databile all'inizio del X secolo, Cela scompare mentre fa la sua apparizione fra le suffraganee di Eraclea la diocesi di Madito, ininterrottamente documentata nelle Notitiae fino al XIV secolo.[4]

Dal 1933 Cela di Europa è annoverata tra le sedi vescovili titolari della Chiesa cattolica; il titolo non è più assegnato dal 3 giugno 1980.

CronotassiModifica

Vescovi greciModifica

  • Cirillo † (menzionato nel 431)
  • Teotecno † (menzionato nel 458)
  • Leonide † (menzionato nel 787)

Vescovi titolariModifica

NoteModifica

  1. ^ Mansi, Sacrorum conciliorum nova et amplissima collectio, t. IV, col. 1425.
  2. ^ Mansi, Sacrorum conciliorum nova et amplissima collectio, t. VII, col. 539.
  3. ^ Asdracha, La Thrace orientale et la mer Noire, nnº 110 e 380 (questa numerazione fa riferimento alla suddivisione dei paragrafi nell'edizione online). Jean Darrouzès, Listes épiscopales du concile de Nicée (787), in Revue des études byzantines, 33 (1975), pp. 5 e 30.
  4. ^ Darrouzès, Notitiae episcopatuum Ecclesiae Constantinopolitanae, indice p. 499, voce Kyla. Per la datazione delle medesime: Jean Darrouzès, L'édition des Notitiae episcopatuum, in « Revue des études byzantines », 40 (1982), p. 219.

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Diocesi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diocesi