Apri il menu principale

Diocesi di Varsavia-Praga

diocesi cattolica polacca
Diocesi di Varsavia-Praga
Dioecesis Varsaviensis-Pragensis
Chiesa latina
Kościół Świętych Michała i Floriana w Warszawie 2016.jpg
Suffraganea dell' arcidiocesi di Varsavia
Vescovo Romuald Kamiński
Ausiliari Marek Solarczyk
Vescovi emeriti Kazimierz Romaniuk,
arcivescovo Henryk Hoser, S.A.C.
Sacerdoti 729 di cui 472 secolari e 257 regolari
1.515 battezzati per sacerdote
Religiosi 265 uomini, 1.337 donne
Abitanti 1.398.000
Battezzati 1.104.871 (79,0% del totale)
Superficie 3.300 km² in Polonia
Parrocchie 198
Erezione 25 marzo 1992
Rito romano
Cattedrale Santi Michele Arcangelo e Floriano
Concattedrali Madre di Dio
Indirizzo ul. Floriańska 3, 03-707 Warszawa, Polska
Sito web www.diecezja.waw.pl
Dati dall'Annuario pontificio 2018 (ch · gc)
Chiesa cattolica in Polonia

La diocesi di Varsavia-Praga (in latino: Dioecesis Varsaviensis-Pragensis) è una sede della Chiesa cattolica in Polonia suffraganea dell'arcidiocesi di Varsavia. Nel 2017 contava 1.104.871 battezzati su 1.398.000 abitanti. È retta dal vescovo Romuald Kamiński.

TerritorioModifica

La diocesi comprende la parte della città di Varsavia situata ad est del fiume Vistola. In questa area è incluso il quartiere di Praga (da non confondere con la capitale ceca). La cattedrale è dedicata ai Santi Michele Arcangelo e Floriano. Sempre nel quartiere di Praga si trova pure la concattedrale della Madre di Dio.

Oltre alla cattedrale, esistono in diocesi altre due basiliche minori: la basilica del Sacro Cuore di Gesù e la basilica della Santissima Trinità.

Il territorio si estende su una superficie di 3.300 km² ed è suddiviso in 20 decanati e in 198 parrocchie.

StoriaModifica

La diocesi è stata eretta il 25 marzo 1992, nell'ambito della riorganizzazione delle diocesi polacche voluta da papa Giovanni Paolo II con la bolla Totus tuus Poloniae populus, ricavandone il territorio dalla diocesi di Płock e dall'arcidiocesi di Varsavia.

Il 7 ottobre 1993, con la lettera apostolica Fideles ecclesialis, papa Giovanni Paolo II ha confermato la Beata Maria Vergine, venerata con il titolo di Mater Dei de Victoria, patrona principale della diocesi.[1]

L'8 dicembre 2000, a conclusione del primo sinodo diocesano, è stato inaugurato il seminario vescovile.[2]

Cronotassi dei vescoviModifica

StatisticheModifica

La diocesi nel 2017 su una popolazione di 1.398.000 persone contava 1.104.871 battezzati, corrispondenti al 79,0% del totale.

anno popolazione sacerdoti diaconi religiosi parrocchie
battezzati totale % numero secolari regolari battezzati per sacerdote uomini donne
1999 1.119.500 1.180.000 94,9 528 423 105 2.120 130 1.116 154
2000 1.110.500 1.171.000 94,8 531 429 102 2.091 126 1.098 155
2001 1.110.300 1.170.800 94,8 537 434 103 2.067 126 1.085 156
2002 1.091.500 1.161.000 94,0 539 437 102 2.025 124 1.051 158
2003 1.085.000 1.155.000 93,9 595 447 148 1.823 187 1.253 160
2004 1.092.000 1.135.000 96,2 644 449 195 1.695 230 1.348 160
2010 1.098.000 1.138.000 96,5 643 483 160 1.707 175 1.367 183
2014 1.047.255 1.326.000 79,0 635 481 154 1.649 164 1.363 183
2017 1.104.871 1.398.000 79,0 729 472 257 1.515 265 1.337 198

Galleria d'immaginiModifica

NoteModifica

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàISNI (EN0000 0004 4667 1483
  Portale Diocesi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diocesi