Apri il menu principale
Distretto di Rosate
Informazioni generali
Capoluogo Rosate
1.578 abitanti (1771)
Dipendente da Dipartimento del Ticino
Suddiviso in 16 comuni
Amministrazione
Forma amministrativa Distretto
Organi deliberativi Municipalità
Evoluzione storica
Inizio 1797
Causa Invasione napoleonica
Fine 1798
Causa Colpo di Stato dell'Armée d'Italie
Preceduto da Succeduto da
Pieve di Rosate Distretto di Binasco

Il distretto di Rosate era il nome di un distretto progettato dal governo giacobino della Repubblica Cisalpina nel dipartimento del Ticino. Come molti enti simili, non trovò piena applicazione a causa del caotico periodo rivoluzionario in cui fu ideato, e venne soppresso dopo solo un anno a causa di nuovi rivolgimenti politici.

Indice

StoriaModifica

La Costituzione della Repubblica Cisalpina progetto un nuovo ordinamento degli enti locali lombardi, partendo dal presupposto di una nuova geografia basata su una razionalizzazione illuministica anziché sui retaggi di secoli di storia. La funzione dei distretti, che andavano a sostituire l'istituto plurisecolare della pieve, sarebbe divenuto quello di svolgere le più alte funzioni municipali nelle aree di notevole parcellizzazione comunale.[1]

Nell'area sudoccidentale milanese, la vecchia pieve di Rosate venne lasciata quasi invariata, salvo spostarla sotto Pavia riprendendo il progetto dell'imperatore Giuseppe II. Il distretto venne classificato col numero 6.

Definito dalla legge 6 germinale anno VI, l'ente non riuscì ad avere una vera applicazione, poiché pochi mesi dopo il golpe militare riversò il governo giacobino sostituendolo con uno più conservatore e finalizzato ad ottenere risparmi per la guerra. Il distretto di Rosate, ritenuto troppo piccolo, venne subito cancellato a favore di circoscrizioni più ampie.[2]

TerritorioModifica

Il territorio del distretto era identico a quello della pieve salvo il distacco di Conigo, trasportato sotto Binasco per la sua vicinanza a tale centro.

NoteModifica

BibliografiaModifica

  • Costituzione della Repubblica Cisalpina dell'anno V

Voci correlateModifica