Apri il menu principale

Duilio Rallo

calciatore e allenatore di calcio italiano
Duilio Rallo
Duilio Rallo.jpg
Nazionalità Italia Italia
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex centrocampista)
Ritirato 1950 - giocatore
1954 - allenatore
Carriera
Squadre di club1
1933-1936 Venezia 45 (9)
1936-1937 Padova 12 (2)
1938-1941 Spezia 66 (12)
1941-1943 Fiorentina 28 (3)
1943-1944 Venezia 15 (0)
1945-1947 Fiorentina 31 (2)
1947-1948 Fanfulla 31 (1)
1948-1950 Rovigo 22 (0)
Carriera da allenatore
1948-1950Rovigo
1953-1954Mestrina
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Duilio Rallo (Mestre, 16 gennaio 1916Venezia, 12 febbraio 1977[1]) è stato un calciatore e allenatore di calcio italiano, di ruolo centrocampista.

Indice

CarrieraModifica

GiocatoreModifica

Nella stagione 1936-1937 gioca con il Padova in Serie C. Dal 1938 al 1941 veste invece la maglia dello Spezia in Serie B e Serie C.

Nel 1941 viene acquistato dalla Fiorentina, con la cui maglia esordisce in Serie A il 16 novembre di quell'anno in Lazio-Fiorentina (1-1) e con la cui maglia gioca dal 1941 al 1943 e poi dal 1945 al 1947, totalizzando 59 partite in campionato durante le quali mette a segno 4 reti.

Nel 1944 gioca con il Venezia nel Campionato Alta Italia 1943-1944, mentre nel 1947 viene ceduto dalla società toscana al Fanfulla.

Chiude la sua carriera alla Pro Rovigo, dove comincia anche la sua esperienza da allenatore.

AllenatoreModifica

Dal 1948 al 1950 svolge il ruolo di allenatore-giocatore nella Pro Rovigo, prima affiancando Cesare Zancanaro e poi da solo con Zancanaro nel ruolo di vice.[2]

Nella stagione 1953-1954 è l'allenatore della Mestrina, in IV Serie.[3]

PalmarèsModifica

GiocatoreModifica

Competizioni nazionaliModifica

Spezia: 1939-1940

NoteModifica

  1. ^ Fantino Cocco, 77 volte Padova, 1910-1987, Edizioni Pragmark, Padova 1987.
  2. ^ Cesare Zancanaro, portiere dell'Alba Roma, vice campione d'Italia vs Bologna polesinesport.it
  3. ^ Informazioni da Calciomestre.tifonet.it Archiviato il 2 gennaio 2010 in Internet Archive.

Collegamenti esterniModifica